Follow by Email

Ricette / Retete




La cucina romena, che può contare su una ricca varietà di piatti regionali, è influenzata in certa misura dalla gastronomia russa, ungherese e francese.  Specialità caratteristica sono indubbiamente le zuppe (ciorba) a base di carne di vitello e agnello o tacchino, mentre tra i secondi piatti si segnalano i mititei, salsicce di manzo aromatizzate e cotte alla griglia.
Il menù "standard" romeno è composto da antipasto (che può essere caldo o freddo, a base di verdure, carne e formaggi), primo - vari tipi di minestre, secondo - carne, pesce o pollame accompagnato da un contorno (garnitura) e insalata o, d'inverno, muraturi (sottoaceti) e il dolce.
 


Dolce al rum con noci – Prajitură cu rom şi nuci
 CHEC1.jpg

TEMPO PREPARAZIONE - 60 min. / Timp de preparare
TEMPO COTTURA - 45 min. 7 Timp de coptura
DIFFICOLTA' – 3 / Dificultate

 PREPARAZIONE
I tuorli vanno sbattuti insieme allo zucchero a velo e al burro, con un pizzico di sale e un cucchiaio di acqua bollente. In un altro vaso si mischiano il latte, l’olio, la farina, il lievito in polvere sciolto con il succo naturale di limone, il rum, e per finire l’uvetta e le noci.
Galbenusurile se vor amesteca cu zaharul pudra si untul, un praf de sare si o lingura de apa fierbinte. Intr-un alt vas se amesteca laptele, uleiul, faina, drojdia uscata inmuiata cu sucul natural de lamaie, romul si la sfarsit stafidele si nucile.

Sbattere gli albumi fino ad ottenere una crema schiumosa e travasare tutte le composizioni precedenti in un unico vaso; in finale avremo un unico impasto omogeneo.
Se bat (se monteaza) albusurile pana se obtine o crema spumoasa si se transvazeaza copmpozitia precedenta intr-un singer vas, in final vom avea un aluat unic si omogen.

Mentre l’impasto “sta a riposo”, cospargiamo di burro e farina uno stampo rettangolare, come quello che serve per il panettone rumeno, il “cozonac”di misure 40x12 cm, ma si può usare anche quello per il ciambellone.
In timp ce aluatul se odihneste, ungem cu unt si tapetam cu faina o tava dreptunghiulara ca aceea pentru cozonacul romanesc  de 40/12cm, dar se poate folosi chiar si forma rotunda de ciambelline.

Aggiungiamo l’impasto dentro allo stampo e inforniamo per circa 45 minuti a 200°. Una volta sfornato e raffreddato, si mette sopra al dolce uno strato di zucchero vanigliato ed è pronto per essere servito.
Adaugam  aluatul in tava, dam la cuptor pentru circa 45min la 200°C. O data copt si racit se pune deasupra prajiturii un strat de zahar vanilat si este gata sa fie servita.

NB / Nota bene:
Per rendere più saporito l’impasto si può anche aggiungere della buccia di arancia grattugiata mista allo zucchero o del cacao (50 g).
Pentru ca aluatul sa fie si mai gustos se poate adauga coaja de portocala rasa amestecata cu zahar si cacao(50g)

INGREDIENTI:
 3 uova - oua
 250 g zucchero a velo – zahar  praf
 100 g  burro - unt
 100  ml  latte - lapte
 90  ml  olio - ulei
 300 g  farina - faina
 20 g  lievito in polvere – drojdie uscata
 10  ml  spremuta di limone – suc de lamaie
 50 g uvetta - stafide
 50  g noce- nuci 
 6 ml  essenza di rum – esenta de rom
 40 g zucchero vanigliato – zahar vanilat



Drob de mielspecialità culinaria romena di Pasqua

  (IT) Ingredienti:   frattaglie da un agnello (circa 500), 2 uova sode, 2 uova fresche, 1 fetta di pane inumidita nel latte , 1 mazzo di cipolle verdi , 1 mazzo di prezzemolo , 1 cucchiaio di panna , pepe e sale e olio per ungere la teglia da forno.
   Le frattaglie si lessano in acqua con sale. Dopo che sono pronte e raffreddate si passano nel tritatore della carne, insieme alla fetta di pane. Se volete, il cuore ed i reni si possono tagliare in fette fine. Alla crema che si forma si aggiungono le uova fresche, la panna da cucina, sale, pepe, le cipolle tagliate, prezzemolo. Si miscela tutto e si mette nella teglia fino a 1/2 nel riempimento, sopra si mettono le uova sode tagliate a metà. Sopra si mette il resto della miscela poi si mette al forno per circa 30 minuti a 180 gradi.
(RO)  Maruntaiele unui miel (ficat, plamani, splina si rinichi), 8 oua, 3 legaturi de ceapa verde, 1 legatura patrunjel, 3 legaturi marar, 2 linguri smantana, 1 lingura de unt, 2 linguri de faina, 50 g ulei, 1 lingurita de sare, 1 lingurita de piper. 
Se fierb maruntaiele de miel si se lasa sa se raceasca, apoi se taie in bucatele mici. Ceapa se taie marunt si se caleste putin in ulei. Se toaca marunt si verdeata (patrunjelul si mararul) si apoi se adauga peste carnea tocata marunt, peste care se adauga si ceapa calita si 7 oua batute spuma cu mixerul. Amestecati si adaugati si sare, piper si 2 linguri de faina. Se unge o tava bine cu ulei sau cu unt si se tapeaza cu restul de faina, se pune amestecul de drob si se da la cuptor la foc potrivit. Dupa aproximativ 10-15 minute se scoate si se adauga deasupra oul ramas, batut spuna. Se mai da la cuptor pentru aproximativ inca 30-35 de minute. Se urmareste pana prinde o crusta rumenita. Se serveste atat cald cat si rece, taiat felii, asezate pe frunze de salata verde si dupa preferinta cu smantana.



 Pireu de urzici – Pure di ortiche
 ortiche.jpg

TEMPO PREPARAZIONE - 60 min.
TEMPO COTTURA - 40 min.
DIFFICOLTA' – 3

TIMP DE PREPARARE: 60 min
TIMP DE GATIT: 40 min
DIFICULTATE: 3

 PREPARAZIONE – MOD DE PREPARARE

INGREDIENTI / Ingrediente
 1  kg ortiche  - urzici
 1  cipolla  - ceapa
 1  rafano  -rafano
 8  g  olio - ulei
 25 g  farina - faina
 sale - sare

Si scelgono le ortiche più fresche: quelle giuste escono all’inizio della primavera.
Se aleg urzicile mai crude: cele mai bune sunt cele care apar la inceputul primaverili.

Si selezionano le foglie intatte e si lavano ripetutamente, senza far scolare l’acqua del vaso in cui le si lava: occorre usare un cucchiaione forato per toglierle dal vaso con l’acqua sporca e riemergerle in un altro vaso con acqua pulita, di modo che la sporcizia di volta in volta rimanga sul fondo del vaso.
Se aleg frunzele intacte si se spala de multe ori fara sa se scurga apa din vasul in care se spala: ar trebui utlizata o lingura perforata ca sa se ia frunzele din apa murdara si puse in alt vas cu apa curata in modul ca murdaria de fiecare data sa ramana pe fundul vasului.

Si ripete questa operazione fino a quando le ortiche sono pulitissime, successivamente si fanno bollire con del sale in una pentola senza coperchio.
Se repeta operatia pana cand urzicile sunt foarte curate, dupa care se fierb cu sare intr-o oala fara capac.

Una volta lessate, vanno scolate (conservando 2-3 cucchiai dell’acqua in cui hanno bollito), filtrate e tritate. Si rimettono a cuocere a fuoco basso per un paio di minuti, con della farina e insieme all’acqua bollita di prima.
Odata fierte se scurg (conservand 2-3 liguri din apa de fiert), se filtreza si se maruntesc. Se repun la foc mic pentru 2 minute la foc mic cu un pic de faina si apa de la fiert pastrata.

Nel frattempo, la cipolla va tagliata sottilissima e ripassata in padella e il rafano grattugiato.
Le ortiche, infine, vanno mescolate con la cipolla e il rafano grattugiato ed è ideale servirle con la
polenta.
Intre timp, ceapa se taie foarte subtire, se frige in tigaie cu rafano ras. Urzicile, in sfarsit, se amesteca cu ceapa si rafano ras si este ideal sa se serveasca cu mamaliga.

Nota bene / N.B.
Esiste un altro modo per preparare le ortiche. Si possono far bollire le ortiche insieme a qualche spicchio di aglio e sale. Dopo averle tritate, si mischiano con 100 g di burro e con 50 g di farina precedentemente amalgamata con un po’ di latte caldo; a fuoco medio-basso, a poco a poco va aggiunto del latte mescolando per non far attaccare la composizione alla padella, ma non più di 400 ml. Dopo 10-15 minuti, si aggiunge la panna (200 g) e si mescola lasciando ancora a cuocere per qualche minuto.
Il purè di ortiche va servito con della salsa di aglio tritato ed olio e con polenta.
Exista un alt mod de preparare urzicile. Se pot fierbe urzicile cu cativa catei de usturoi si sare. Dupa ce se maruntesc se unesc cu 100g de unt si 50 g de faina in prealabil amalgamate cu un pic de lapte cald la foc mdiu-mic. Putin cate putin se adauga lapte mestecand sa nu se prinda de fundul tigaii dar nu mai mult de 400ml. Dupa 10-15 minute se adauga smantana, 200g si se amesteca continuu pentru cateva minute.


COZONAC dolce che si fa sia a Natale che a Pasqua in Romania.
Ingredienti:                                                
1. Per la pasta:
- 1 kg. farina;
- 4 uova;
- 1 cucchiaino di sale;
- 200 gr. zucchero;
- 40 gr. lievito;
- 200 ml. olio di semi o 200 gr. di burro;
- circa 250 ml. latte;
- 1 fialetta aroma rhum

2. Per il ripieno:
- 250 gr. noci macinate;
- 20 gr. cacao;
- 150 gr. zucchero;
- 100 gr. uvetta;
- 100 ml. alchermes o altro liquore x dolci;
- 100 ml. latte
- 200 gr. canditi.
         Si mette la farina in un recipiente largo e al centro si mette il lievito sciolto in una tazzina con un cucchiaino di zucchero, le uova sbattute con il sale e lo zucchero e infine l’aroma.
Si comincia a lavorare la pasta e si aggiunge un po’ alla volta il latte tiepido fino a quando avrà preso tutta la farina. La pasta così ottenuta si lavora cominciando ad aggiungere il burro sciolto un po’ alla volta fino ad ottenere una pasta elastica che avrà assorbito tutto il burro.
Si mette al caldo e coperto a lievitare per 1 h – 1 h e mezzo.
         Il ripieno si fa mescolando le noci con una crema ottenuta dallo zucchero, il cacao, il liquore dove è stata messa in ammollo l’uvetta per una notte e il latte. Si aggiungono l’uvetta ed i canditi. Il ripieno non deve essere liquido. Si prende dunque un pezzo di pasta di 350 gr. e si stende un rettangolo. Su uno dei lati lunghi si stende una striscia di ripieno e poi si comincia a rotolare partendo dal lato con il ripieno e si chiudono bene le estremità. Poi i 2 rotoli si girano uno sull’altro, per avere la forma della corda, e si mettono nello stampo imburrato, si lascia ancora lievitare in un posto caldo per un’ora. Poi si mette nel forno caldo a 175° per 50 minuti. Si fa la prova dello stuzzicadenti e si lasia raffreddare nello stampo per 10 minuti poi si mette su un tagliere di legno o su un panno. Si taglia a a fette quando è freddo.


CIORBA
In Romania sono divise in due categorie: ciorbe (minestre generalmente acide) e supe (zuppe)
Le ciorbe (in alcune zone della Romania chiamate anche bors) sono totalmente di verdure (simile al minestrone italiano) o di carne, pesce o pollo. In questa categoria entrano ciorba de perisoare (con polpettine di carne), ciorba de vacuta (con carne bovina e inacidita con panna acida), ciorba de pui (con carne di pollo), ciorba de peste (con pesce) e ciorba de burta (di/con trippa). Tutte le ciorbe (tranne quella di trippa) sono un misto di verdura e le rispettive carni. Alla fine della preparazione si può sbattere sopra un uovo e si inacidiscono con un liquido acido ottenuto dalla fermentazione della crusca o con panna acida. E alla fin fine si mette una manciata di levisco (pianta aromatica simile al prezzemolo). Raramente viene usato l'aceto (per la ciorba di fagioli o per quella di trippa).
Le zuppe sono generalmente senza carne ma fatte con brodo di carne (bovina o pollame) molto simili alla classica minestrina italiana (quindi con pasta dentro, ma anche con carote, cipolla, patate e altre verdure). Immancabile il prezzemolo. Molto particolare è la supa cu galuste (la zuppa con polpette di semolino). Poi ci sono le creme di verdura, di importazione francese.


SARMALE
Ingredienti:
- 1 cavolo verza grande
- 700 gr carne tritata mista (maiale e vitello)
- 1 cipolla
- aromi (pepe, paprica, sale, prezzemolo
              tritato o aneto)
- 100 gr di riso
- concentrato di pomodoro
- aneto secco Giuliano o timo
Se a qualcuno piace il gusto più grasso
  scegliete della carne più grassa. 
Nella ricetta tradizionale si aggiunge anche un cucchiaio di strutto che rende gli involtini meno compatti e più soffici.
In Romania si prepara la verza in autunno e si mette in salamoia per tutto l'inverno. In mancanza di questa verza acida ( in salamoia) si fanno ammorbidire le foglie di verza: si immerge in acqua bollente + succo di un limone + sale per un secondo e si sfoglia il primo strato. Continuiamo con tutte le foglie grandi, le piccole si mettono sul fondo della pentola. Per renderle morbide alla fine tutte le foglie si scottano fino a che diventano un po’ trasparenti, si mettono a scolare. Si toglie la parte dura in mezzo avendo cura che da una foglia diventino due che possono essere poi arrotolate. Le foglie di scarto si tritano e si tengono da parte. Si tiene da parte alcuna foglia esterna grande.
La cipolla tritata si fa friggere nella padella con un po’ di olio, sale e con il riso fino quando il riso diventa un po’ trasparente . Si aggiunge il concentrato di pomodoro.
Si amalgama la carne con la cipolla, riso ecc.
Si prende una foglia di verza (una metà, dopo che abbiamo tolto la parte dura), si mette sopra un cucchiaio di ripieno, si avvolge la verza, alla fine si spingono all'indentro con le dita i margini della verza, in modo che l'involtino si chiuda completamente.
In una pentola (ideale sarebbe quella di coccio o ghisa ) che potete poi mettere anche al forno, si mette una o due foglie di verza intere poi uno strato di verza tritata e poi, a raggio o a cerchi concentrici, le sarmale a strati. In mezzo al cerchio così ottenuto e sopra ogni strato di involtini si aggiunge ancora verza tagliata e pomodori e se volete, qualche dado di bacon o di carne affumicata o salsiccia affumicata. Si continua così fino all'esaurimento degli involtini. Sopra tutto si mette un altra foglia grande che copra tutto. Si aggiunge acqua fredda fino quasi a coprirle e si fa cuocere a fuoco basso da quando comincia a bollire per molte ore ( più cuoce, meglio è). Non bisogna mai mescolare perché se no si disfanno. Bisogna solo ogni tanto smuovere bene la pentola soprattutto quando l’acqua sta per consumarsi tutta. Dopo la prima ora si può continuare la cottura al forno se la pentola e adatta e senza il coperchio.
La verza che si usa nella ricetta originale è una verza preparata con una o due mesi prima. Si mettono le verze in una botte con salamoia e degli odori e si aspetta che la verza prende un gusto acidulo.




Ricetta:
 “Mucenici”cotti per la festa del papà in Romania – 9 marzo

             Il 9 marzo in Romania è la giornata dei 40 Martiri, conosciuta anche come festa dei papà. In questo giorno c’è l’abitudine di offrire 40 bicchieri di vino  e 40 “mucenici” -  dolcetti a forma di 8 spalmati di miele e noci.
             Ingredienti: 1 kg farina, 50 g lievito di birra, 350 g zucchero, 5 uova, 400 ml latte, 100 g burro, 100 ml olio, la buccia grattugiata di un limone ed un’arancia, 1 essenza alla vaniglia, 1 bustina di vanillina, sale, 300 g miele, 500 g noci.
             Preparazione: Con gli ingredienti si forma un impasto che si lascia lievitare un’ora. Da questo di fanno piccoli rotoli sottili lunghi 35 cm circa. Si arrotolano due alla volta posizionandoli nella forma del numero 8. Si spalmano con albume d’uovo e si mettono al forno. Forma del 8 è frequente nei preparati romeni perche significa la continuità infinita e nel linguagio religioso e il numero della perfezione. 
            Una volta cotti ci si spalma sopra uno sciroppo: acqua 200ml, 5 cucchiai di zucchero, limone, poi il miele ed infine le noci tritate.



Reţetă:
Mucenici copţi de ziua bărbatului

            Sarbatoarea traditionala româneasca a Sfintilor 40 de Mucenici din Sevastia are loc in fiecare  an pe 9 martie si este cunoscuta si sub denumirea de Ziua Bărbatului. Este obiceiul să se dea 40 de pahare de vin şi 40 de mucenici -  dulciuri in forma cifrei 8 din aluat de cozonac, unşi cu miere şi nucă.
             Ingrediente: 1 kg făina, 50 g drojdie, 350 g zahăr, 5 ouă, 400 ml lapte, 100 g unt, 100 ml ulei, coaja rasa de la 1 lămâie şi 1 portocală, 1 fiola esenţa vanilie, 1 plic zahăr vanilat, sare, 300 g miere, 500 g nucă.
            Preparare: Din ingrediente se formează un aluat care se lasă la dospit 1 ora. Aluatul se modelează in suluri mici (35 cm) care se răsucesc câte două, apoi se formează cifra 8, se aşeaza in tăvi si se ung cu gălbenuş. 
          Cifra 8 este des intalnita in preparatele romanesti reprezentand semnul continuitatii infinite iar in limbajul religios e forma perfectiunii.
           Mucenicii copţi la cuptor se trec print-un sirop: apă 200ml, 5 linguri de zahăr si lămâie, apoi prin miere si miez de nucă macinată.


Spaghetti alla carbonara

INGREDIENTI PER 4 PERSONE:
 300 gr di spaghetti, 80 gr di pancetta magra a cubetti, 50 gr di cipolla, 1 uovo intero, 30 gr di parmigiano o pecorino, sale e pepe q.b., 6 cucchiai di latte scremato.

300g spaghete, 80 G SLANINA DE PE BURTA CU CARNE IN CUBURI, 50 G CEAPA, 2 OUA, 30G PARMIGEANO, SARE, PIPER, 6 LINGURI DE LAPTE, putin vin alb.

PORTATA: Primo / Felul I
DIFFICOLTÀ: Facile / Dificultate: Usoara
PREPARAZIONE: 15 minuti / Timp de preparare: 15 min
Mod de lucru:Tn timp ce fierbe pasta, la foc mic se frig pt cateva minute slanina cu carne de pe burta, ceapa taiata marunt intr-o tigaia nonaderenta de teflon peste care se adauga un vin alb bun. In vasul in care se prezinta pastele se at ouale cu branza rasa, piper si un pic de lapte. Se scurg bine pastele, se pun peste ouale batute si se adauga pancetta-slanina frpta. Se amesteca bine pana totul e omone si se servesc imediat

Linguine granchio e limone - SPAGHETE LATE CU RACI SI LAMAIE

Difficoltà: Molto semplice 
N. di Persone: 4
INGREDIENTI
320 g di linguine PASTE LUNGI
200 g di polpa di granchio al naturale in scatola-PULPA DE RACI CRUD SAU LA CUTIE
1 limone – o LAMAIE
2 cipollotti - 2 Cepe
1 ciuffo di prezzemolo -PATRUNJEL
1 cucchiaio di rum bianco - O LINGURA DE ROM
olio extravergine di oliva - ULEI DE MASLINE
sale SARE

PREPARAZIONE mod de preparare

Se curata cepele si se taie felii subtiri, se spala patrujelul, se usuca si se taie marunt. Se marunteste pulpa de raci-granchio, se stoarce sucul de la o lamaie.
In tigaie se incalzaste uleiul, se pun feliile f subtiri de ceapa apoi crnea de raci, patrunjelul, rumul si un praf de sare. Se amesteca usor si se stinge focul.Intr-o oala se fier pastelelungi si late-linguine. Cand sunt aproape fierte se aprinde focul sub tigaia cu condimentul, cand incede sa friga se adauga sucul de lamaie si se amesteca.Peste se adauga pastele si se amesteca repede si cu putere.Se servesc calde si cu patrujel maruntit proaspat taiat.

Spaghetti cu fructe de mare

Pentru 3 persoane: 300g spaghete,fructe de mare chiar si congelate, vin alb, patrunjel, usturoi, ulei , ardei iute.
Se prepara in mod asemanator cu toate pastele cu peste.
In tigaie se pune un pic de ulei, se frige usturoiul cu ardei iute, se adauga fructele de mare congelate sau daca sunt proaspete in ordine cozze, vongole, ucati de alte tipuri de animale marine, vin alb, patrunjel. Cand pastele sunt aprope fierte se adauga in tigaie se amesteca cu putere, se adauga in farfurie patrunjel proaspat taiat marunt. Daca se doreste ca sosul sa fie rosuu se adauga in tigaie si rosii bucati sau din conserva.

Spaghete cu vinete si masline

In timp ce fierbe apa pt paste si se fierb pastele se prega teste sosul intr-o tigaie pt 2 portii:
in uleiul incins se pun 2 catei de usturoi un pic presati-crapati ca sa dea mai mult gust si se pot arunca dupa ce sunt putin prajiti, ardei iute uscat cateva seminte in functie de cat e de iute.Se adauga o vanata medie taiata in cuburi de 1-2 centimetri fara sa se curete coaja si cateva masline negre 5-6 de portie. Se pot pune si cativa caperi. Cand sunt un pic calite se pune un polonic de sos de posii din conserva sau chiar rosii crude bucati mici si sare. Cand sosul a scazut un pic si are consistenta adecvata se scurg pastele si se pun peste sos. Se amesteca bine si se servesc calde cu patrunjel deasupra.

Spaghete sau pasta scurta cu sardine

Un alt sos de rosii, masline si caperi se poate face doar ca la incaput in tigaie cu usturoiul se pun cateva sardine taiate marunt, se sting cu putin vin alb. Peste sosul gata se pun pastele fiete. Se adauga pe farfurie patrunjel maruntit, ulei extravergine. Atentie la sare pt ca sardinele si caperi sunt sarati.

Paste cu tono alla arabiata – cu mult ardei iute

pt 5 pers: 400g de paste cu ou, 250g tonno, caperi, masline, ulei, unturoi, patrunjel,busuioc, 300g rosii in bucatele
Se pot folosi si paste uscate, scurte sau lungi dar se prefera pastele proaspete cu ou pt can u par niciodata ca sunt prea fierte.

Aproape orice pasta ramasa de pe o zi pe alta se poate face PAPARA. Se amesteca pasta cu cateva oua batute bine, sare si parmezan ras sau piper macinat se asaza in tigaia incinsa cu putin ulei bun, se pune capacul. Cand s-a prajit pe o parte cu ajutorul capacului se ontoarce pe cealalta parte. Iese ca o crostata care se taie in triunghiuri si se serveste calda sau mai putin calda ca gustare , felul unu sau felul doi.

Calamari umpluti cu mazare:

o portie: se curata bine 2 calamari de osul central, de sacul cu substanta neagra, de ochi.
se prepara umplutura din :ulei , usturoi, ceapa taiata marunt, rosii bucati, sare,piper si tentaculele lungi si capul calamarilor maruntite
se umplu calamarii si se inchid cu o scobitoare, se pun in castron la fiert, (sunt gata cand intra forcuta in ei)
separat se caleste mazarea cu rosiile ramase apoi se unesc cu calamarii si se termina de gatit. Se servesc taiati rondele cu sosul de mazare

Peste la gratar

Orice peste foarte bine curatat de interioare si sangele de langa coloana se sareaza si se pune intreg pe gratar. Se lasa pe o parte pana se face crusta,solzii si pielea e prajita si apoi se intoarce pe cealalta partre. Se serveste cu patrunjel deasupra si un fir de ulei de masline extravergine, cu bucati de lamaie in jur.

La gratar se pot pregati impreuna un mixt de peste cu alte animale marine. Important este punctul de coacere sa nu fie nici prea coapta carnea pentru ca devine seaca si nici pestele crud. Odata condimentat pestele daca il pui iar pe gratar ca sa continui coacerea carnea isi schimba gustul, se amareste.

Peste fiert

Se curata foarte bine pestele in interior si exterior. Se pune intreg in apa un pic sarata in tigaie la fiert. In functie de marime se lasa putin 15 min sau se vede in interior unde este taiat daca carnea este alba sau mai are urme de roza.Se serveste intreg pe platou cu patrunjel marunt deasupra, un fir de ulei bun si doua jumatati de lamaie
Carnea de la pestele fiert trebuie sa se ia bine de pe oase, sa se indeparteze usor coloana dar sa nu devina prea moale, sa aiba consistenta.

Peste in tigaie cu sos alb

Se prajeste in putin ulei pestele intreg bine curatat intr-o tigaie mare pe o parte si pe alta fara sa se arda marginile tigaii.Daca se arde un pic se curata in acelasi timp partea arsa cu un servet sau se schimba tigaia. Cand este aproape fript se adauga vin alb, apoi o bucata de unt bine imprimata pe toate partile in faina alba, masline negre intregi, sare,si iar vin alb. Se acopera si se continua coacerea. Este gata cand sosul este omogen si se poate stoarce putina lamaie deasupra.
Se serveste intreg in platou cu sosul turnat deasupra si bucati de lamaie.

Peste la cuptor cu cartofi

Intr-o tava mare se unge cu ulei se aseaza pestele intreg foarte bine curatat uns cu ulei in exterior si un pic sarat in interior. In jurul lui se imprastie cartofii taiati in felii lungi dar nu groase, condimentati cu ulei, sare si rosmarin.

Se controleaza cand sunt gata cartofii si pestele. Se servesc in platou calzi de preferat cu lamaie.


4 commenti:

  1. nu aveti si reteta la gogosi?

    RispondiElimina
  2. Questa ricetta sarmale mi sembra abbastanza completa e precisa, la voglio provare!

    RispondiElimina
  3. Mi ricordano il Natale...Sono buonissimi!Complimenti per la ricetta.

    RispondiElimina
  4. de ce mucenicii sunt in forma de 8??

    RispondiElimina