Follow by Email

sabato 31 agosto 2013

31 august Ziua Limbii Romane - 31 agosto Giornata della Lingua Romena




 

31 august, Ziua Limbii Române
31 agosto, Giornata della Lingua Romena

Incepand din acest an, in fiecare zi de 31 august, autorităţile şi instituţiile publice româneşti sărbătoresc Ziua Limbii Române, instituită prin Legea nr. 53/2013.
Cu acest prilej, reprezentanţele diplomatice şi institutele culturale ale României vor organiza manifestări culturale şi educative dedicate comunităţilor de români din afara graniţelor ţării.
De asemenea, începând cu acest an, România şi Republica Moldova serbează în mod oficial în aceeaşi zi Limba Română, în spiritul valorilor şi tradiţiilor comune şi al relaţiei strânse dintre cele două popoare.

 

         <<Încadrându-se în cele 24 de limbi oficiale ale Uniunii Europene, limba română s-a impus în spaţiul lingvistic european prin mesajele sale care au promovat arta, cultura, tradiţiile şi istoria României. Toate ţările lumii îşi serbează prin scris şi viu grai limba maternă, limba naţională, îmbogaţindu-şi astfel fondul lingvistic şi cel de comunicare.
             Limba pe care ne-au transmis-o părinţii şi strămoşii devine astfel mijloc de comunicare într-o lume a multiculturalităţii şi a plurilingvismului.
Sărbătoarea limbii române este o recunoaştere a identităţii acestei limbi. Nu există popor şi mari poeţi ai lumii care să nu fi lăudat limba maternă, limba prin care te simţi puternic şi expresiv, prin care comunici sentimente şi gânduri în cel mai profund mod.
         Astfel, cu ocazia Zilei Limbii Române trasmitem tuturor românilor şi vorbitorilor de limbă română să promoveze şi să menţină flacăra vie şi puternică a acestei limbi unice în această lume a multiculturalităţii şi plurilingvismului mondial.>>  I L R Bucuresti

      La Roma, Ziua Limbii Române va fi marcată printr-o expoziţie organizată de Accademia di Romania în colaborare cu Muzeul Naţional al Literaturii Române în perioada 3-8 septembrie 2013, în cadrul căreia vor fi expuse 50 de fotografii cu portrete ale scriitorilor şi poeţilor români, precum şi facsimile sau manuscrise ale acestora (Mihai Eminescu, Nicolae Iorga, Lucian Blaga, Nichita Stănescu, Ion Creangă, I. L. Caragiale, Mircea Eliade, Nicolae Labiş, George Bacovia etc.).

mercoledì 10 luglio 2013

CALENDARIO DELL'ANNO SCOLASTICO 2015/2016 in Italia
CALENDARUL ANULUI SCOLAR 2015/2016 in Italia
Calendarul cursului LCCR

      In scolile primare si gimnaziale din Regiunea Lazio, lectiile vor incepe in 15 septembrie 2015 si se vor incheia in 8 iunie 2016, cu un total, tinand cont de zilele de sarbatoare, nelucratoare in care orele se suspenda, de 206 zile.
      Nelle scuole primarie e nelle scuole secondarie di I e II grado funzionanti nella Regione Lazio, le lezioni avranno inizio il giorno
 15 settembre 2015 e termineranno il 8 giugno 2016, per un totale, tenuto conto dei giorni di festività e di sospensione obbligatoria delle attività didattiche, di 206 giorni.
Nella scuola dell'infanzia le attività educative inizieranno il 15 settembre 2015 e termineranno il 30 giugno 2016 per un totale di 224 giorni 

La sospensione delle lezioni è stabilita, oltre che nei giorni delle festività nazionali determinate dal ministero dell'Istruzione dell'Università e della Ricerca e le vacanze nei periodi:

dal 23 dicembre 2015 al 6 gennaio 2016 (vacanze natalizie),
dal 24 - 29 marzo 2016 (vacanze pasquali),

STRUCTURA ANULUI SCOLAR 2015 – 2016 in Romania
STRUTTURA DELL’ANNO SCOLASTICO 2015 – 2016 in Romania

I corsi nell’anno scolastico 2015 – 2016, in Romania, debutteranno il 14 settembre e chiuderanno il 10 giugno 2016.

Cursurile pentru anul școlar 2015-2016 vor debuta la 14 septembrie și se vor încheia la data de 10 iunie.

http://media.hotnews.ro/media_server1/document-2015-06-11-20226580-0-proiect-ordin-structura-scolar-2015-2016.pdf

Semestrul I
Cursuri – luni, 14 septembrie 2015 – vineri, 20 decembrie 2015
Vacanţa de iarnă – 21 decembrie 2015 – 5 ianuarie 2016
Cursuri – luni, 6 ianuarie 2016 – vineri, 29 ianuarie 2016.
Vacanţa intersemestrială – 1 saptamana

Semestrul al II-lea
Cursuri  luni, 10 februarie 2016 – vineri, 11 aprilie 2016
Vacanţa de primăvară –12 aprilie - 22 aprilie 2016
Cursuri – miercuri, 23 aprilie 2016 – vineri, 10 iunie 2016
Vacanţa de vară  11 iunie – 14 septembrie 2016

Săptămâna -Școala Altfel- se va desfășura în perioada 7 aprilie - 11 aprilie 2016.
Anul şcolar 2015-2016 are 36 de săptămâni de cursuri, însumând 176 de zile lucrătoare.

Excepție de la această prevedere fac clasele terminale din învățământul liceal, care vor parcurge doar 33 de săptămâni, și clasa a VIII-a, cu 35 de săptămâni.


CURSUL DE LIMBA CULTURA SI CIVILIZATIE ROMANEASCA, LCCR, RESPECTA CALENDARUL ANULUI SCOLAR 2015 - 2016 DIN ITALIA.
 IN PERIOADA 15 - 21 SEPTEMBRIE 2015 SE FAC INSCRIERILE SI SE FORMEAZA GRUPELE DE ELEVI PE INSTITUTII SCOLARE.

IL CORSO DI LINGUA, CULTURA E CIVILTA' ROMENA RISPETTA IL CALENDARIO SCOLASTICO 2015 - 2016 ITALIANO.
 NEL PERIODO 15 - 21 SETTEMBRE 2015 SI FANNO LE ISCRIZIONI E SI FORMANO I GRUPPI NEI ISTITUTI COMPRENSIVI.


                                                 SCHEDA ADESIONE

Sottoscritto/a...........................................................................................................

Genitore dell’alunno/a………….............................................................................
della classe: ........................................   Plesso:.......................................................
Nato il ...................................., a ..............................................................................
CNP alunno, oppure CF allievo ................................................................................
Telefono (genitore)........................................... , E-mail: ...........................................
Indirizzo......................................................................................................................
(Dati richiesti dal MEC per compilare gli Attestati di frequenza)

CHIEDE

Che suo figlio/sua figlia partecipi al corso gratuito di Lingua, Cultura e Civiltà Romena LCCR, riconosciuto dal Ministero dell’Educazione e Ricerca della Romania, (MEC) che si svolgerà nell’anno scolastico 2015 – 2016, come di seguito indicato:

I C „Corrado Melone”: Lunedì 14,15- 16,15 (Secondaria di primo grado)
                                                  10.00 – 12.00 (Infanzia)           
                                                  12,00 – 14,00 (Primaria)                     
I C Ladispoli 1: Mercoledì 13,30 – 16,00 (Primaria)                              
                                           16,10 – 18,10  (Primaria)                                
                                           10,00 – 12,00 (Infanzia)            
I C Civitavecchia 2: Venerdì 10.00 - 12.00 (Infanzia)
                                               13.00 - 16.00 (Secondaria di primo grado)
                                               10,10 - 18,10 (Primaria)            
            
Nei plessi in cui il corso LCCR previsto nel POF si svolge nell'orario curricolare non è richiesta la presente adesione.
Si ricorda che gli allievi verranno consegnati all’uscita all’insegnante Angela Nicoara.
I genitori sono invitati a provvedere alla merenda ed al ritiro dei figli da scuola, dal momento che non è previsto per le ore 18.10 il servizio scuolabus.
Le lezioni inizieranno lunedì 21 settembre 2015.
Per ulteriori informazioni contattare la prof. Angela Nicoara, 
tel: 0039/ 3282871540  
e-mail: mimi_nicoara@yahoo.com  

SI AUTORIZZA IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI AI SENSI DEL Dlg 196/2003
Firma dei genitori:


...................................................................

domenica 7 luglio 2013

7 luglio - Santo Claudio martire / 7 iulie - Sfantul martir Claudiu

Santo Claudio martire – 7 luglio / Sfântul martir Claudiu - 7 iulie

Il 7 luglio la chiesa cattolica commemora il Santo Claudio martire.
Numerosi santi e martiri hanno portato questo nome.
L'onomastico è tradizionalmente festeggiato il 7 luglio e 18 febbraio in onore di San Claudio, martire ad Ostia insieme al fratello Massimo e con Asterio, durante l'impero Diocleziano; il 3 giugno, e il 6 giugno, il patrono dei commercianti; il martire di Egea, patrono degli scultori il 23 agosto; altri martiri ancora il giorno 21 luglio, 8 settembre; il 30 ottobre; il 7 novembre; e l'8 novembre il patrono dei marmisti, lapicidi e tornitori; due martiri omonimi il 3 dicembre. Il beato de la Colombière, morto nel 1682, viene onorato il 15 febbraio. 
Il nome Claudio ha origini latine (Claudius) e significa: zoppo, claudicante oppure deriva dal termine sabino Clausus: chiuso, misterioso.
Chi porta il nome Claudio è sempre circondato da amici.
La sua leadership indiscussa gli deriva dalla forte autorevolezza che sprigiona con assoluta naturalezza.
Vi invito visitare a Roma:
Chiesa dei Santi Claudio e Andrea dei Borgognoni - Roma
Chiesa cattolica di rito romano, consacrata dal 1731, in stile architettonico barocco, sita nel rioneTrevi in piazza San Claudio, adiacente a piazza San Silvestro.
La chiesa è legata ai Borgognoni che, verso la fine della guerra dei trent'anni, in circa dodicimila emigrarono a Roma, unendosi a una comunità di commercianti e banchieri che più di cento anni prima si era stabilita nella città attorno alla attuale via del Corso

File:Trevi - SS. Andrea e Claudio dei Borgognoni.jpg

Sfântul martir Claudiu

In 7 iulie biserica catolică comemoreaza Sfântul martir Claudiu.
Sunt numerosi sfintii martiri care poarta acest nume.
Onomastica se poate sarbatori in 7 iulie sau 18 februarie in onoarea Sfantului Claudiu martirizat la Ostia (localitate la Marea Tireniana in provincia Romei) impreuna cu fratele Maxim si cu Asteriu, in timpul imperiului Diocletian.

Va invit sa vizitati la Roma:
Biserica Sfintii Claudiu si Andrei de Borgonioni,

biserica catolica de rit roman, sfintita in 1731, costruita in stil baroc, situata in Piata Claudiu, in vecinatatea Pietei Sfantul Silvestru din apropierea Strazii Del Corso, Roma

mercoledì 3 luglio 2013

4 Luglio / 4 Iulie - Independence Day

4 Luglio - Giorno dell'Indipendenza degli Stati Uniti d'America
 "Independence Day"
4 iulie – Ziua Independentei Statelor Unite ale Americii
 http://www.myusa.it/img/risorse/mappe/mappa-stati-usa.jpg

Il giorno dell'Indipendenza degli Stati Uniti (Independence Day), noto anche come il 4 luglio, è la festa nazionale degli Stati Uniti d'America che commemora l'adozione della Dichiarazione di indipendenza il 4 luglio 1776, con la quale le Tredici Colonie si distaccarono dal Regno Unito di Gran Bretagna. I festeggiamenti vengono svolti solitamente attraverso fuochi d'artificio, parate, riunioni di famiglia, barbecue, picnic, concerti, partite di baseball, discorsi politici, cerimonie ed altri eventi pubblici e privati che celebrano la storia, il governo e le tradizioni degli Stati Uniti.
Storia
Durante la Rivoluzione Americana, la separazione legale delle colonie americane dalla Gran Bretagna avvenne il 2 luglio 1776, quando il Secondo congresso continentale votò per approvare una risoluzione d'indipendenza proposta da Richard Henry Lee. Dopo l'approvazione, il Congresso rivolse la sua attenzione verso la Dichiarazione di indipendenza, un documento che spiegasse questa decisione, che fu redatta dalla Commissione dei Cinque, ma il cui autore principale fu Thomas Jefferson. Il Congresso discusse e revisionò la Dichiarazione, approvandola infine il 4 luglio.
Uno dei falsi miti sull'Independence Day è quello secondo il quale il Congresso firmò la Dichiarazione d'Indipendenza il 4 luglio 1776; in realtà, la maggior parte dei delegati firmò il documento il 2 agosto.


2 iulie- Stefan cel Mare si Sfant / 2 luglio- Stefano il Grande e Santo

Stefano il Grande e Santo
Stefan cel Mare si Sfant (1457 – 2 luglio 1504)

http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/6/6a/StefancelMare.jpg

Stefan cel Mare (Stefano il Grande), figlio di Bogdan II, fu Voivoda di Moldavia, reso celebre dalla sua lunga resistenza all’Impero Ottomano. Con l'aiuto del principe di Valacchia Vlad III Tepes detto l’impalatore (conosciuto in occidente con il soprannome di Dracula), Stefano si assicurò il trono di moldavo nel 1457. Minacciato dai potenti paesi vicini, respinse gli invasori ungheresi nel 1467 ed invase la Valacchia nel 1471, per liberarla dal vassallaggio Ottomano. Quando il sultano ottomano Maometto II attaccò la Moldavia, Stefano sconfisse gli invasori nei pressi di Vaslui nel 1475 ed a Valea Alba l’anno successivo. Cercò invano l’aiuto dalle potenze europee contro l’Impero Ottomano, ma la sua determinazione nel “tagliare il braccio destro ai pagani” gli valse gli appellativi di “Atleta di Cristo” e “Difensore della Cristianità” da parte del papa Sisto IV. Dopo il 1484 Stefano dovette contrastare non solo la minaccia Ottomana, ma anche i progetti polacchi ed ungheresi di spartizione della Moldavia, finchè nel 1503 concluse un accordo di pace con il sultano Beyazid II, che ne garantì l’indipendenza, in cambio di un tributo annuale. 
A metà del XIV secolo, sotto il governo di Stefan cel Mare (Stefano il Grande), la Moldavia raggiunse il periodo del suo massimo splendore. Benché attraversato da numerose traversie, il lungo regno di Stefano il Grande fu nondimeno caratterizzato da un fiorente sviluppo artistico e culturale: non meno di 44 chiese e monasteri vennero eretti su sua iniziativa in ricordo di ciascuna battaglia vinta ed alcuni di essi sono tuttora patrimonio dell’UNESCO. Stefan morì il 2 luglio 1504 e fu sepolto nel Monastero di Putna, da lui fondato nel 1469 in Bucovina, regione settentrionale della Romania ai confini con l’Ucraina. Gli successe sul trono moldavo suo figlio suo figlio Petru Rares.
E’ venerato come “santo” dalla Chiesa Ortodossa Romena, il cui Santo Sinodo lo ha canonizzato il 20 giugno 1992 fissandone la ricorrenza liturgica al 2 luglio.
Stefan cel Mare, contemporaneo di Cristoforo Colombo, Leonardo da Vinci e Michelangelo, è attualmente considerato eroe nazionale sia dalla Romania, perché a lui si deve anche l’indipendenza della regione di Bucarest detta Valacchia o Tara Romanesca, che dalla Repubblica Moldova. Quest’ultima ha posto la sua effige anche sulle banconote.


sabato 29 giugno 2013

29 giugno

29 giugno - la festa dei  padroni di Roma: Pietro e Paolo
29 iunie - Sarbatoarea ocrotitorilor Romei: Petru si Pavel

          Dove, meglio della santa città di Roma, si possono festeggiare i primi conquistatori del mondo cristiano: Pietro e Paolo! La loro fede in Gesù è divenuta la base della nostra chiesa cristiana.
          Oggi, mi sono sentita onorata di essere presente a Roma e partecipare alla messa nelle chiese romane. Ho cominciato con la chiesa di via Gallia dove si celebra liturgia ortodossa in lingua romena poi nella Basilica San Giovanni in Laterano. Là due apostoli vicino all' altare hanno accompagnato in silenzio le nostre preghiere. La messa delle ore 18.00 nella Basilica San Paolo fuori le mura è stata diversificata con attività di divertimento e festa per tutti i partecipanti.
Come chiudere meglio il giorno romano se non nel vecchio quartiere ebreo di Roma –Trastevere- nella Chiesa Santa Maria in Trastevere alla particolare messa della Comunità di Sant'Egidio dedicata sempre ai padroni di Roma.
http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/8/89/Roma_San_Paolo_fuori_le_mura_BW_1.JPG  Basilica San Paolo fuori le mura, Roma.
              Pietro e Paolo sono i due apostoli e due personaggi diversi, ma entrambi fondamentali per la storia della Chiesa del primo secolo così come nella costruzione di quelle radici dalle quali si alimenta continuamente la fede cristiana. 
             Pietro, nato a Betsaida in Galilea, era un pescatore a Cafarnao. Fratello di Andrea, divenne apostolo di Gesù dopo che questi lo chiamò presso il lago di Galilea e dopo aver assistito alla pesca miracolosa. Da sempre tra i discepoli più vicini a Gesù fu l'unico, insieme al cosiddetto «discepolo prediletto», a seguire Gesù presso la casa del sommo sacerdote Caifa, fu costretto anch'egli alla fuga dopo aver rinnegato tre volte il maestro, come questi aveva già predetto. Ma Pietro ricevette dallo stesso Risorto il mandato a fare da guida alla comunità dei discepoli. Morì tra il 64 e il 67 durante la persecuzione anticristiana di Nerone.
            San Paolo, invece, era originario di Tarso: prima persecutore dei cristiani, non ha mai conosciuto Gesù. Incontrò il Risorto sulla via tra Gerusalemme e Damasco. Baluardo dell'evangelizzazione dei popoli pagani nel Mediterraneo morì anch'egli a Roma tra il 64 e il 67, nello stesso giorno con Pietro.                                Entrambi nella fede e nell’amore di Gesù Cristo annunciarono il Vangelo nella città di Roma e morirono martiri sotto l’imperatore Nerone. Pietro, come dice la tradizione, crocifisso a testa in giù e sepolto in Vaticano presso la via Trionfale. Paolo - trafitto con la spada e sepolto sulla via Ostiense. In questo giorno tutto il mondo con uguale onore e venerazione celebra il loro trionfo.
            Faccio i migliori auguri di un felice onomastico a coloro che hanno il nome dei Santi Apostoli Pietro e Paolo o derivate da questi.
      In Romania questa festa e molto importante anche perche segna la metà del anno agrario, dell' estate e quindi  richiede il rispetto a diverse abitudini e usanze conservate nel tempo.

 Santi Apostoli Pietro e Paolo

Sfântul Petru este cel care are  cheile de la poarta si incaperile Raiului, fiind si mana dreapta a lui Dumnezeu. Petru ar fi si cel care stapaneste piatra, grindina si este patronul plugarilor.
In popor sarbatoarea se numeste Sân-Petru de Vara si marcheaza miezul verii agrare si rastimpul secerisului. In multe povestiri si snoave populare San-Petru apare precum un om obisnuit:  imbraca straie taranesti, lucreaza pamantul, creste vite si, desigur, pescuieste.
De Sfântu Petru si Pavel apar licuricii – care ar fi  scanteile cazute pe pamant dupa ce sfantul plesneste din biciul sau; licuricii vin in ajutorul celor rataciti prin padure, indrumandu-i.
In aceasta zi inceteaza a mai canta cucul si privighetoarea; iata cum se arata in popor de ce cucul nu mai canta:
"Un singur nas a avut cucul,
si ala o fost Sampietru.
Dar cum o fost el cucul p-atunci, s-a apucat de-a furat caii lui nasu-sau. Nasu-sau alearga mereu dupa ei, doar, doar o pune mana pe ei. De la Sampietru-nainte cucul iar nu mai canta, de frica nasu-sau, i-e frica ca-l aude".
Fiind pus mai mare peste incaperile Raiului, Sân-Petru imparte hrana animalelor salbatice – si mai ales lupilor, aceasta zi fiind denumita si “Sărbătoarea lupilor”, si fierbe grindina pentru a o marunti prin topire si a deveni mai putin primejdioasa pentru oameni si ogoare.
In aceasta zi, zisa si Moşii de Sân-Petru de Vara, se fac pomeni pentru cei morti – colaci, lumanari, mere dulci sau acre. Nu e ingaduit nici unei femei sa manance mere pana in aceasta zi, fiindca altfel ii supara pe morti. Dupa sarbatoare insa, femeile tinere pot manca mere, cele varstnice fiind nevoite sa mai astepte pana la Sfantul Ilie. In aceasta zi se duc la biserica mere, zarzare, coliva, colaci iar cine are - si putina miere in faguri.



Nerone: il primo, come dice la tradizione, crocifisso a testa in giù e sepolto in Vaticano presso la via Trionfale secondo trafitto con la spada e sepolto sulla via Ostiense. In questo giorno tutto il mondo con uguale onore e venerazione celebra il loro trionfo. 


mercoledì 26 giugno 2013

Giornata Internazionale del bambino a Ladispoli



La tradizione di festeggiare la Giornata Internazionale del Bambino -1 Giugno e la chiusura dell’anno scolastico nell’Aula Consiliare di Ladispoli continua anche nel 2013.

         Giovedì, 6 giugno 2013, tutti gli allievi degli istituti comprensivi di Ladispoli frequentanti il corso di lingua, cultura e civiltà romena hanno festeggiato insieme alle autorità locali ed al sindaco Crescenzo Paliotta. Sono stati premiati e ricompensati con una grande torta tricolore. Insieme ai bambini hanno festeggiato i loro genitori, gli amici, insegnanti invitati ed altri collaboratori delle attività sostenute dagli alunni nel A.S. 2012-2013.
          I bambini della prima elementare, oltre i Diplomi e gli Attestati di frequenza hanno ricevuto le coroncine di fiori come si usa ancora in Romania con i più meritevoli. Gli allievi della Corrado Melone sono stati scelti come presentatori e consiglieri nello svolgimento dell’attività.
         La torta è stata preparata  dalla "Pasticceria Cortese" di Ladispoli rispettando le  preferenze dei bimbi: rosso, giallo e blu colori della Romania e gusti di frutta e cioccolato.
         I  fiori, i palloncini ed i diversi costumi popolari romeni hanno colorato l’Aula. Le  voci dei bambini e l’allegria delle canzoni patriottiche romene si sentivano da lontano.

Ladispoli – laborator de dialog intercultural
 RO
          Traditia de a sarbatori Ziua Internaţionala a Copilului – 1 Iunie odata cu încheierea anului şcolar in Aula Consiliului Comunal din Ladispoli continuă si in 2013.

          Joi, 6 iunie 2013, toti elevii din cele patru institute scolare din Ladispoli care au frecventat cursul de limbă cultură si civilizaţie românească au fost sărbătoriţi de oficialităţile si de Primarul  oraşului, Crescenzo Paliotta. Au fost  felicitati, premiati si răsplătiţi cu un mare tort tricolor. Alaturi de copii au sarbatorit părinţii lor, prietenii, cadre didactice, invitati si colaboratori la activitatile sustinute de elevi in A.S. 2012-2013.
          Elevii de clasa I au primit, pe langa Diplome si Adeverinte de studiu, cununite de flori, asa cum este obiceiul in Romania. Elevii de la Scoala Gimnaziala Corrado Melone au fost prezentatori si consilieri in desfasurarea activitatii.
         Tortul a fost pregatit de Cofetăria românească  "Pasticceria Cortese" din Ladispoli asa cum copiii l-au propus: in culorile României, roşu, galben şi albastru şi cu două gusturi de fructe şi ciocolata.
        Multe flori, artificii, baloane, costume populare din mai multe regiuni românesti au colorat Aula Consiliului iar glasurile copiilor si veselia cantecelor patriotice au rasunat pana departe.



venerdì 24 maggio 2013

martedì 21 maggio 2013

Attività alunni / Activitati elevi

 Ogni anno gli alunni che frequentano il corso di Lingua Romena, guidati dalla prof. Angela Nicoara, presentano la cultura e le tradizioni romene attraverso recite scolastiche, canzoni, poesie.


In fiecare an elevii participanti la cursul de Limba Romana, impreuna cu prof. Angela Nicoara, prezinta cultura si traditiile romanesti prin serbari scolare, melodii, poesii.

LA FORMAZIONE DEL POPOLO ROMENO E DELLA LINGUA ROMENA




Sul territorio della Romania, 2000 anni fa, vivevano i daci, persone robuste, con lunghi capelli cadenti sulle spalle. Indossavano camicie lunghe fino alle ginocchia, pantaloni molto stretti sulla gamba. Durante l’inverno usavano giacche fabbricate con pelle di pecora. Quelli più benestanti si coprivano le teste con cappelli rotondi, confezionati con la pelliccia delle pecore. Le donne portavano i capelli legati dietro la testa, indossavano camicie e gonne molto larghe e lunghe. Ancora oggi molti dei contadini romeni usano abiti simili.

I più significativi conduttori dei daci furono Burebista e Decebal. Possedevano il titolo di re, riorganizzarono lo stato daco e stabilirono la capitale a Sarmizegetusa, una fortezza molto possente. Sempre in quel periodo, ad ovest del Danubio, si estendeva l’Impero Romano, con la capitale a Roma. Siccome la Dacia era un paese molto ricco, con gente lavoratrice, l’imperatore romano Traiano attaccò questo territorio, riuscendo attraverso due guerre, tra gli anni 101-102 e 105-106, a conquistarlo. Tramite il lavoro dei daci e dei romani, la Dacia arrivò ad essere una delle più fiorenti province dell’Impero Romano. Vivendo insieme, i daci ed i romani, a poco a poco si sono “amalgamati” dando luogo ad un nuovo popolo: il popolo romeno.

Fin dai tempi delle colonizzazioni romane, le scoperte archeologiche attestano che in Dacia vivevano molti credenti. Tra i diffusori della Bibbia la tradizione ricorda il Santo Andrea (Sfantul Andrei), il primo apostolo chiamato da Gesù Cristo. Egli nacque sul territorio del nostro paese ed è considerato il protettore della Romania. Si festeggia ogni anno il 30 novembre.
Fino alla conquista romana i daci hanno parlato la loro propria lingua, quella dacica. Durante il periodo del dominio romano i daci hanno imparato la lingua latina, ma questa subì tante trasformazioni nel tempo e, una volta formatosi il popolo romeno, divenne la lingua romena. Le basi latine della nostra lingua spiega la sua somiglianza con il francese, l’italiano, il portoghese e lo spagnolo.

Le lettere dell’alfabeto romeno:
A a, Ặ ă, â, B b, C c, D d, E e, F f, G g, H h,
I i; Î î, J j, K k, L l , M m, N n, O o, P p, Q q,
 R r,S s, Ş ş, T t, Ţ ţ, U u, V v, W w, X x, Y y, Z z.  
Gruppi di lettere:
ce, ci, ge, gi, che, chi, ghe, ghi.



Formarea poporului român şi a limbii române

               Pe teritoriul României, acum 2000 de ani, trăiau dacii, persoane robuste, cu părul lung lăsat pe spate. Purtau camăşi lungi până la genunchi, pantaloni foarte strânşi pe picior. Iarna aveau cojoace din piele de oaie. Cei mai înstăriţi işi acopereau capul cu căciuli rotunde făcute din piei de oi. Femeile purtau părul legat la spate, îmbrăcau ie şi fuste foarte largi şi lungi. Chiar si azi multe persoane de la sat  se îmbracă în mod asemănător.
              Cei mai importanţi conducători ai dacilor au fost Burebista si Decebal. Erau numiti regi si reorganizaseră statul dac cu capitala la Sarmizegetusa, cetate foarte puternica.
                 În aceeaşi perioada la vestul Dunării se extindea Imperiul Roman, cu capitala la Roma. Pentru ca Dacia era o ţară foarte bogată, cu o populaţie muncitoare, împăratul roman, Traian, atacă acest teritoriu, reuşind cu doua războaie, între 101-102 si 105-106, să îl cucerească. Prin munca dacilor si romanilor, Dacia ajunse sa fie una dintre cele mai înfloritoare provincii romane. Trăind impreună, dacii si romanii, încet, încet s-au amalgamat dând naştere unui nou popor: poporul român. Descoperirile arheologice atesteaza ca in Dacia, începând cu timpul colonizărilor romane, traiau multi credincioşi. Printre intemeietorii Bibliei, traditia aminteste ca a fost Sfântul Andrei, primul apostol chemat de Iisus Hristos. El s-a nascut pe teritoriul Daciei si este considerat ocrotitorul României . Se sarbatoreste in fiecare an in 30 noiembrie.
             Până la cucerirea romană, dacii au vorbit limba proprie, dacă. În timpul dominaţiei romane, dacii au învăţat limba latină. Aceasta a suferit multe transformări in timp dar odată format poporul român  şi limba devine română. Originea latină a limbii noastre explică asemănările cu limbile franceză,  italiană, portugheză şi spaniolă.
            Vocabularul sau Lexicul (totalitatea cuvintelor) limbii române cuprinde aproximativ 120000 de cuvinte.
           Vocabularul fundamental (cuvintele importante si înţelese de toţi vorbitorii limbii) al limbii române cuprinde aproximativ 1500 de cuvinte, dintre care 60 – 66% sunt de origine latină. De exemplu: ovis – oaie, canticum – cântec, pharmacum – farmec, aurum – aur, dulcis – dulce, frater – frate, dicere – zice, caldus – cald, veteranus – veteran, dolor – durere, dor.
           Masa vocabularului cuprinde aproape 90% din cuvintele limbii române: termeni stiintifici, tehnici, de specialitate, arhaisme, regionalisme. Între cele două parţi se produc in timp schimburi.
           Din limba vorbită de daci s-au păstrat doar peste 100 de cuvinte. Printre acestea se numără: abur, barză, brad, brânză, buză, căciula, ceafă, ciorbă, copac, copil, fluier, gata, ghimpe, grumaz, mazăre, mânz, moş, raţa, scrum, strugure, traistă, vatră.
         “ Limba română este limba latină vorbită in mod neîntrerupt în partea orientală a Imperiului Roman, cuprinzând provinciile dunărene romanizate din momentul pătrunderii limbii latine în aceste provincii şi până în zilele noastre.”
                                                                 Alexandru Rosetti – Istoria limbii române

 IT:
            Il vocabolario, il lessico, della lingua romena racchiude circa 120 000 di parole.
            Il vocabolario fondamentale ha solo 1500 parole di cui 60 – 66% sono di origine latina. Esempio: ovis – oaie(pecora), canticum – cântec(canzone), pharmacum – farmec( farmaco), aurum – aur(oro), dulcis – dulce(dolce), frater – frate(fratello), dicere – zice(dire), caldus – cald(caldo), veteranus – veteran(anziano), dolor – durere, dor(dolere).
          Dalla lingua parlata dai daci si sono conservate solo un centinaio di parole. Tra queste nominiamo: abur- vapore, barză- cicogna, brad- abete, brânză- formaggio, buză- labro, căciula- cappuccio, ceafă- nuca , ciorbă- minestra, copac- albero, copil- bambino, fluier- flauto, gata- basta, ghimpe- spina, grumaz- colo, mazăre- piselli, mânz- puledro, moş- babbo, raţa- anatra, scrum- cenere, strugure- uva, traistă- borsetta, vatră- focolare.
               “Lingua romena è la lingua latina parlata di continuo nella parte orientale del Impero Romano, racchiudendo le provincie romane da una parte e dall’altra del Danubio, dal momento in cui la lingua latina e entrata in queste provincie fino ai giorni nostri.”
                                          Alexandru Rosetti – La storia della lingua romena