Follow by Email

LCCR 2007 - 2017



“10 anni di accoglienza e conoscenza attraverso la  Lingua, Cultura, Civiltà Romena
dalla Scuola al Territorio”

“10 ani de cunoaștere reciprocă
prin Limbă, Cultură, Civilizație Romȃnească-
de la Școală la realitatea din Teritoriu”



  31.05. 2017, ore 10.00                                                       Aula Consiliare,                                         Piazza G. Falcone, 1 - 00055 Ladispoli (Roma)



01.06.2017, ore 13.00                                                           Teatro Flavioni
dell’Istituto Comprensivo  “Civitavecchia 2”
via Barbaranelli, 3/3° - 00053 Civitavecchia (Roma)

Programma  Aula Consiliare Ladispoli

10.00 - 10.15 Apertura dell’incontro con inni nazionali e europeo
10.15 – 10.30 Presentazione degli ospiti e proiezione slide attività LCCR in territorio dal 2007 ad oggi
10.30 - 11.00  Programma a cura degli allievi LCCR delle classi 3°B, 3°E, 4°B dell’I.C. “Ladispoli 1”
11.00 – 11.45 “10 anni di accoglienza e conoscenza reciproca attraverso le attività LCCR dalla scuola al territorio”, rievocazione dei momenti del passato, ricordi e proposte per il futuro scolastico dei nostri allievi
11.45 – 12.00 Consegna degli Attestati LCCR 2017
12.00 – 13.00 Visita nelle classi del plesso “G. Falcone” e degustazione tipica

Desfășurarea programului ȋn Aula Consiliului Local Ladispoli

10.00 – 10.15 – Deschiderea activității cu imnurile naționale și imnul european , prezentarea oaspeților, proiecție slide a activităţilor LCCR în teritoriu din 2007 până în prezent
10.15 – 11.00 – Program artistic susţinut de elevii LCCR din clasele 3°B, 3°E, 4°B de la I. C. “Ladispoli 1”
11.00 – 11.45   “10 ani de primire și cunoaștere reciprocă prin activitățile LCCR – de la școală la realitatea din teritoriu” ocazie pentru evocarea unor momente din trecut, expunerea anumitor aspecte din prezent şi lansarea unor propuneri pentru viitorul elevilor noştri
11.45 – 12.00 Ȋnmȃnarea Adeverințelor LCCR 2017
12.00 – 13.00 Vizită la Şcoala “G. Falcone” și degustare de produse tipice

Programma Teatro Flavioni

13.00 - 13.15  Apertura dell’incontro; presentazione degli ospiti
13.15 - 13.45  “10 anni di accoglienza e conoscenza reciproca attraverso le attività LCCR dalla scuola al territorio”, proposte per il futuro scolastico dei nostri allievi. Presentazione slide delle attività LCCR nell’Istituto Comprensivo “Civitavecchia 2”
13.45 - 14.00  Programma a cura degli allievi LCCR della Scuola “F. Flavioni”
14.00 - 14.30 Consegna degli Attestati LCCR 2017 e premi speciali

Desfășurarea programului la Teatrul Flavioni

13.00 – 13.15  Deschiderea activității, prezentarea oaspeților
13.15 – 13.45  “10 ani de cunoaștere reciprocă prin activitățile LCCR - de la școală la realitatea din teritoriu” lansarea unor propuneri pentru viitorul elevilor noştri. Proiecție slide a activităţilor LCCR în I.C. “Civitavecchia 2”
13.45 – 14.00  Program artistic susţinut de elevii LCCR de la Şcoala “Flavioni”
14.00 – 14.30 Ȋnmȃnarea Adeverințelor LCCR 2017 și a premiilor speciale.





      





Seminario anniversario
“Studiare la lingua e  la cultura del popolo d’origine.
Modalità educative  per le nuove generazioni”


Seminarul aniversar
„Studiul limbii și culturii poporului de origine .
Modalități ale educației  pentru noua generație "

Vineri, 28 aprilie 2017, ore 9.30- 13.30
Liceul de Stat “Niccolo Machiavelli”, Via di Santo Spirito Nr.39, Florenta, Italia


Venerdi, 28 APRILE 2017, ore 9.30-13.30
Liceo Statale “Niccolo Machiavelli”, via di Santo Spirito, 39 , Firenze, Italia


 
Scop: 
Această activitate este concepută pentru a sărbători zece de ani de la activarea cursului  LCCR în multe școli din Europa, în școli din Italia și  cinci ani de la implementarea sa  în Toscana. Finalitatea seminarului vizează abordarea interculturală a procesului  instructiv- educativ monitorizat de factorii responsabili din România și Italia și reprezintă un real schimb de experiență didactică pentru facilitarea integrării elevilor în sistemul școlar și în societate prin cursul de „Limbă, cultură și civilizație românească.“ 
Obiective: 
* Prezentarea cursului „Limbă, cultură și civilizație românească“ și a importanței acestuia în procesul de integrare multiculturală și multilingvistică; * Promovarea modelului  educațional al limbii române și al culturii românești ca factor mediant pentru noua generație de elevi români în școlile italiene și ca factor de reintegrare pentru elevii români întorși în țara de origine; * Consolidarea dialogului și colaborării interculturale a factorilor educaționali  și decizionali implicați în educarea noii generații. 
Participanți: 
Vor participa profesori, personalități românești și italiene, părinți. Sunt invitați directori de școli, reprezentanți ai  USR Toscana, ai Inspectoratului  Şcolar Brașov- MENCS, ai  Institutul Limbii Române din București, ai Ambasadei  României  la Roma, profesori italieni și români

 Program:
 09:15 -  9:30       – Primirea invitaților 
09:30 - 10.45      – Salutul  oficial . Discursuri introductive      - Gilda Tortora , director al Liceului de Stat  "Niccolo Machiavelli", Florența      - Domenico Petruzzo , director  general  al Inspectoratului Şcolar  Regiunea           Toscana      - Natalia Lazureanu, prim secretar al  Ambasadei României  în Italia      - Corina Chertes, director al  Institutului Limbii Române, București      - Eugenia Caraiman, consilier I A al Institutului  Limbii Române, București       - Alessandra Papa, inspector intercultură al Inspectoratului Şcolar  Regiunea           Toscana- “Elevii din a doua generație: punte de legatură pentru integrare”      - Vivianne Gherghel , profesor  LCCR-  Prezentare generală a proiectului LCCR           în Italia in perioada  2007 -2017     
10:45 - 11:00 - Pauza 
11:00 la 13:00 - * „ Prezentarea sistemului educațional din România.  Importanța limbii   materne  pentru integrarea elevilor în oricare  sistem școlar. Caracteristici ale pregătirii  elevilor  care se intorc din Italia“ - Delia Chivărean - inspector știinte socio-umaniste și învățământ special, Inspectoratul Şcolar Judetean Brașov, România 
- * „Rolul limbii materne și al culturii de origine în învățarea limbii italiene pentru elevii din România“ - Carla Pastacaldi - coordonator Centrul  “Viva Onlus”, Florenta 
- * „A studia în limba maternă și  a  cunoaște  limba oficială a statului“ –Radu Chivărean - director al Liceului German „Johannes Honterus“, Brașov, România  
- * Intervenții ale directorilor și referenților de intercultură ai  școlilor incluse în proiectul LCCR: - I. C. „Folgore din San Gimignano“, San Gimignano, Siena - „Impactul cunoașterii informațiilor privind cultura și limba elevilor asupra activității didactice a profesorului” - I.C. „G.Garibaldi“, Subbiano, Arezzo - „Diversitate, noutăți, informații, relații . Elemente de  îmbogățire a procesului de dezvoltare și de formare în școala primară“ - I.C. „Margaritone“,  Arezzo- „Cunoașterea limbii materne  și a valorilor țării de origine- suport moral și afectiv pentru integrarea școlară  și  socială a preadolescentului“ - I.C. „Figine Valdarno“,  Firenze - „Interculturalitatea  și construirea identității elevilor  începe de  la grădiniță“ - I.C. „G.Chini“, Montecatini Terme, Pistoia- Cursul de  „Limbă, cultură și civilizație românească”- oportunitate pentru elevii români  de a-și descoperi noi valori“ -I.C. „Poliziano“, Firenze - „Cursul  de “Limbă,  cultură  și civilizație românească” – punte de legatură  între elevii de etnie rromă și școala italiană” - I.C. "Avenza -Menconi", Carrara; - I.C. "B. Dovizi", Bibbiena, Arezzo; 
- * Intervențiile profesorilor LCCR  din alte regiuni
      
-*  Intervențiile directorilor si profesorilor participanți  la seminar. Dezbatere 
13:00 -  13:30  -* Vizitare  - Expo „Limbă, cultură și civilizație românească“  



„Studiul limbii și culturii poporului de origine . 

Modalități ale educației  pentru noua generație"
“Studiare la lingua e la cultura del popolo d’origine.
Modalità educative per le nuove generazioni”

Seminar aniversar – Seminario anniversario

28.04.2017                                                       Liceul Internaţional “Machiavelli – Capponi”,              
 Piazza Frescobaldi 1, Florenţa, Italia


Prof. LCCR: ANGELA NICOARA
ISTITUTO COMPRENSIVO “LADISPOLI 1”
ISTITUTO COMPRENSIVO “CORRADO MELONE”
ISTITUTO COMPRENSIVO “CIVITAVECCHIA 2”
Lazio, Italia

            Comunitatile noastre, ca de altfel pe tot teritoriul național, sunt compuse
dintr-un mare numar de familii de alte nationalitati, cu o pondere mare a cetațenilor romȃni. Aceasta situatie se regăseşte si in scoli.    
         Le nostre comunità, come gran parte del territorio nazionale, sono composte da un buon numero di famiglie di altre nazionalità, con una buona prevalenza di cittadini romeni, situazione che ovviamente si riflette anche nelle scuole.
            Studiul limbii și culturii poporului de origine poate fi considerata una dintre modalitatile de educare a noilor generații. Cu ajutorul proiectului LCCR, elevii de origine romȃnă, simt mai aproape țara lor natala.  Cursul le ofera șansa sa aduca la scoala obiceiuri si traditii romȃnesti pe care sa le impartaseasca cu ceilalti colegi ai lor si de alte nationalitati. Cadrele didactice LCCR reprezinta o adevarata punte de legătură intre tradiţiile culturale ce se întȃlnesc în şcoala lor. Tot dascălii sunt cei care îi ajută pe cei mai mici dintre elevi, pe cei de la grădiniţă, sa inteleaga in mod corect diversitatra culturala si cauzele care au creat aceste diferenţe între popoare. Şi elevii mai mari, beneficiari ai cursului LCCR, au şansa să înveţe cultura neamului românesc  în  care îşi au originile.  Elevii şi părinţii lor au fost deschişi la cursul LCCR şi s-au înscris încă de la începutul implementării proiectului, iar după ani de funcţionare  apreciază în mod deosebit activităţile organizate de profesori şi profesionalismul acestora pus în slujba elevilor. Şi asta pentru că proiectul LCCR oferă elevilor şi famililor acestora aflaţi la mii de kilometri distanţă de ţară metode vaste de comunicare, acţiuni şi manifestări care păstrează şi promovează tradiţiile neamului românesc.  De exemplu, o serbare organizată de Crăciun sau de Paşti, ce poate fi mai atractiv la cursul LCCR pentru elevi şi părinţi? 
         Studiare la lingua e la cultura del popolo d’origine può essere considerata una delle modalità educative per le nuove generazioni. Gli alunni di origine romena grazie al progetto LCCR sentono più vicino il loro Paese natio; esso permette loro di portare a scuola alcune abitudini e tradizioni proprie della loro cultura condividendole con gli altri. Le docenti LCCR  rappresentato un validissimo ponte di connessione fra le varie culture permettendo ai giovanissimi bambini della scuola dell’infanzia di comprendere in maniera corretta le diversità culturali e le motivazioni da cui scaturiscono e agli allievi più grandi di conoscere e imparare la cultura del popolo di origine . Le famiglie e gli alunni sano accogliere con grande partecipazione il progetto, che da subito ha mostrato grandi potenzialità soprattutto grazie alle ottime capacità comunicative e professionali delle docenti che sano mantenere alto l’interesse dei discenti e rendono simpatiche e coinvolgenti le varie attività.
         Prin cursul LCCR in școlile din Europa, limba romȃnǎ devine limbă de școlarizare și disciplinǎ de studiu. Cursul foloseste metoda interdisciplinara de predare a limbii, istoriei, geografiei, culturii și civilizatiei romȃnilor.
         Con il corso LCCR nelle scuole dell’Europa, la lingua romena diventa parte integrante di un percorso di scolarizzazione ed una disciplina di studio anche al di fuori della Romania. Il Corso adopera il metodo interdisciplinare di insegnamento della lingua, storia, geografia, cultura, civiltà del popolo romeno.
         Obiectivele centrale ale studierii limbii române respecta Cadrul Comun European (QCE) si constau în dezvoltarea competenţelor de comunicare orală şi scrisă în limba română (maternă, pentru multi elevi), precum şi familiarizarea sau consolidarea, după caz, a noţiunilor de cultură şi civilizaţie specifice României. Totodată, acest curriculum  motiveaza elevii români în conştientizarea identităţii naţionale proprii, precum şi pentru integrarea culturală în spaţiul european.
         Gli obiettivi centrali nello studio del romeno rispettano il Quadro Comune Europeo (QCE) e mirano a sviluppare le competenze di comunicazione orale e scritta nella lingua romena (lingua madre per molti alunni), nonché a rendere familiari o consolidare quelle nozioni di cultura e civiltà caratteristiche per la Romania. Nello stesso tempo questo curriculum motiva gli alunni romeni a diventare consapevoli della propria identità nazionale, nonché a integrarsi culturalmente, nello spazio europeo.
         In scolile din Ladispoli predau cursurile LCCR de zece ani in orar curricular pentru ciclul primar si gradinita iar pentru gimnaziu in orar extracurricular. In toti acesti ani predarea limbii si culturii romȃne s-a facut in mod interdisciplinar iar copiii sunt atrasi de cultura romȃna pentru ca invață cȃntece, povesti, legende si sarbatoresc importante evenimente religiose sau naționale. Sunt interesante si atragatoare momentele in care se realizeaza jocul de rol folosind interpretarea pe textele diferitelor povesti, legende si fabule in limbile romȃna si italiana in asa fel incȃt sa nu fie exclus niciun elev, mai ales cei cu dizabilitati.
         Nelle scuole di Ladispoli in cui insegno il corso LCCR da dieci anni nelle sezioni dell’Infanzie e Primaria le ore si svolgono nelle classi in orario curriculare e per la Scuola Superiore in orario extracurricolare.
         Durante questi anni l’insegnamento della lingua e cultura romena è stato interdisciplinare, inoltre i bambini si sono appassionati alla cultura romena attraverso la conoscenza di canzoni, favole, fiabe e festeggiamenti di importanti eventi sia religiosi che non. Coinvolgenti sono i momenti di drammatizzazione di favole, leggende e fiabe, sia in lingua romena che italiana, in modo da non escludere nessuno, soprattutto i bambini con disabilità.
         Initial predarea limbii si culturii romȃne a fost considerata o necessitate avand in vedere realitatea comunitatii romanesti din teritoriu iar cursul LCCR a adus aportul sau la integrare apoi in timp s-a  relevat o imbogatire a programei scolare si a devenit punctul de forță al scolilor care il gazduieste. Obiectivele LCCR coincid cu obiectivele cadru privind multilingvismul si interculturaritatea.
         In principio l’insegnamento della lingua e cultura romena è stato una necessità, un progetto teso all’integrazione, ma poi si è rivelato un arricchimento ed è diventato un punto di forza delle scuole che ospitano il progetto LCCR. Gli obiettivi LCCR coincidono con gli obiettivi quadro riguardante il plurilinguismo e interculturalismo.
         Elevii împreună cu părinţii fac cunoscute în şcoli  tradiţiile din zona de unde provin din România, obiceiuri, cântece şi poezii ale marilor poeţi si scriitori români. Totul este prezentat şi în limba italiană pentru a fi înţeles de elevii şi cadrele didactice italiene. Cursurile LCCR si activitatile extracurriculare se bucură de un mare succes şi sunt apreciate de profesori şi părinţi.
         Gli alunni portano nelle scuole, insieme ai genitori, delle tradizioni della loro zona di provenienza, le abitudini, canzoni e poesie dei grandi scrittori romeni contemporanei e non. Tutto viene espresso anche in italiano per la conoscenza e la partecipazione degli allievi e docenti italiani.I corsi LCCR e le attività extracurricolare vantano un grande successo e sono molto apprezzate dai docenti e i genitori.
         As incheia cu mentiunea ca lectiile LCCR se caracterizeaza prin:
         Concluderei con la menzione che le lezioni LCCR si caratterizzano:
Scopul direct/Scopo diretto: 
Elaborarea limbajului;  dezvoltarea limbajului;  amplificarea limbajului,
Elaborazione del linguaggio; sviluppo del linguaggio; ampliamento del vocabolario
         Scopul indirect/Scopo indiretto:
Dezvoltarea autostimei si sigurantei in sine; dezvoltarea concentrării, vointei, inteligentei.
Sviluppo dell’autostima e sicurezza di sé; sviluppo della concentrazione, della volontà, dell’intelligenza.
         Predarea limbii si culturii romȃne  ȋn  clase/grupe mixte presupune lucru simultan pe nivele de vȃrstǎ și competenţe si ar putea folosi urmǎtoarele etapele:
         Insegnare la lingua e la cultura romena nelle classi/gruppi misti presume lavoro contemporaneo su livelli di età e competenze e potrebbe seguire delle tappe qui proposte:
1.     Prezentarea unui text/argument din cultura romȃnǎ
Presentare un testo/argomento della cultura romena;
2. Analizarea și explicarea textului tradus  
Analizzare/spiegare il testo tradotto;
3. Gǎsirea cuvintelor cheie, morologia
Trovare le parole chiave, morfologia;
4. Aplicarea exercitiior matematice cu mulțimi, descriere-compunere
Esercitare con uno degli esercizi matematici degli insiemi, descrizione-composizione;
5. Feedback cu un joc, cantec, desen, serbare, expozitie, concurs, sarbatori, excursie  
Feedback con un gioco, canzone, disegno, recite, mostre, concorsi, feste, gite;
        
         Colaborarea cu cadre didactice externe si prezenta in scoli a profesorilor de limba materna ajuta mult la medierea si participarea familiilor la viata scolara, făcȃnd astfel ca elevii si familiile lor sa pastreze vii traditiile poporului din care provin si in acelasi timp sa fie bine integrati, proces care ar trebui transmis din generatie in generatie.
         La collaborazione con docenti europei e la presenza di insegnante di madre lingua aiuta molto nella mediazione e nel coinvolgimento delle famiglie nella vita scolastica, facendo in modo che questi alunni e le loro famiglie mantengano vive le loro tradizioni, ma allo stesso tempo siano ben integrati, processo che dovrebbe essere tramandato nelle future generazioni.

 


 BROCHURE / BROSURA
LCCR 2007 - 2017



Cuprins/Sommario



L’Importanza del progetto LCCR e il lungo cammino dell’integrazione: passione, emozioni e didattica

 Importanţa proiectului LCCR şi drumul lung al integrării: pasiune, emoţii şi didactică

. 3

Dirigente Scolastico, Prof. NICOLÒ ACCARDO.. 7

Dirigente Scolastico, Prof. RICCARDO AGRESTI. 8

Dirigente Scolastico, Prof. PIETRO BECECCHI. 12

Docente, Prof.ssa ANNA ALISI. 14

Docente, Prof.ssa ANNA MARIA DE BIASIO.. 15

Dirigente Scolastico, Dott.ssa FIORELLA DE ROSSI. 17
Dirigente Scolastico, Prof.ssa PATRIZIA GIAVERI. 18
Docente, Prof.ssa CINZIA GIULIODORI. 20
Docente, Prof.ssa NICOLETTA  IACOMELLI. 21
Dirigente Scolastico, Prof.ssa MARISA MARCHIZZA.. 25
Dirigente Scolastico, Prof.ssa DANIELA MONACO.. 26
Dirigente Scolastico, Prof. ROBERTO MONDELLI. 28
Docente, Prof.ssa LCCR ANGELA NICOARA 30
Dirigente Scolastico, Prof. MARCO REMIGI. 34
Dirigente Scolastico Prof. GIANFRANCO TROMBETTA.. 35
Dirigente Scolastico, Prof.ssa ALBERTINA  RICCIARDI. 36
Docente, Prof.ssa MARIA ROSARIA VAIANO.. 38
Docente, Prof.ssa LCCR MANUELA GHIURCA 40

                        
Motto: “La bellezza del cosmo è data non solo dall’unità nella varietà ma anche dalla varietà nell’unità”.
            ,,Frumuseţea cosmosului este dată nu numai de unitatea în varietate, ci şi de varietatea în unitate”.
                      Umberto Eco in Il nome della rosa/Numele trandafirului


Tavola rotonda – Masă rotundă

L’Importanza del progetto LCCR e il lungo cammino dell’integrazione:

passione, emozioni e didattica

 Importanţa proiectului LCCR şi drumul lung al integrării: pasiune, emoţii şi didactică

           
            Data: 30.03.2017
            Luogo di svolgimento dell’atività /Locul desfășurării activității:
Accademia di Romania in Roma, Valle Giulia, Piazza José de San Martin, 1, 00197 Roma.

Preambolo / Preambul

            Con la presente attività si desidera evidenziare l’importanza dell’insegnamento del corso di lingua, cultura e civiltà romena nelle scuole d’Italia tramite le opinioni degli Dirigenti scolastici degli Istituti che ospitano il progetto. Inoltre si desidera valutare le esperienze avute lungo i 10 anni di attività ininterrotta e promuovere competenze e talenti degli allievi partecipanti al corso.
            Prin intermediul activității propuse se dorește evidențierea importanței predării cursului de Limbă, cultură și civilizație românească în școlile din Italia prin prezentarea opiniilor directorilor unităților școlare care gazduiesc proiectul LCCR. Se dorește, de asemenea, valorificarea anumitor experiențe adunate pe parcursul celor 10 ani de activitate neîntreruptă și promovarea unor aptitudini și talente ale elevilor participanți la curs.

Organizzatori / Organizatori

            Questa attività è sostenuta dell’Istituto della Lingua Romena di Bucarest, Ambasciata della Romania, Accademia di Romania in Roma e coordinata dai docenti LCCR in collaborazione con referenti degli Istituti Comprensivi “Ladispoli 1” e “Corrado Melone”di Ladispoli.
            Aceastǎ activitate este susținută de Institutul Limbii Romȃne, Ambasada României, Accademia di Romania și este coordonată de cadrele didactice LCCR din Lazio în colaborare cu profesorii referenţi din unităţile şcolare: Istituto Comprensivo ,,Ladispoli 1” și Istituto Comprensivo ,,Corrado Melone” din Ladispoli.

Scopo / Scopul activității

 La presente attività ha lo scopo di celebrare i 10 anni di funzionamento ininterrotto del corso LCCR nelle scuole dello spazio europeo e anche diffondere i valori culturali della Romania attraverso un approccio pratico.
            Prezenta activitate are ca scop sărbătorirea a 10 ani de funcționare neîntreruptă a cursului de Limbă, cultură şi civilizaţie românească în unități de învățământ din spațiul european, precum și popularizarea valorilor culturale românești printr-o abordare practică.


Obiettivi / Obiective

ü mettere in evidenza l’importanza del progetto LCCR nel processo di integrazione multiculturale e plurilinguistica;
ü  promozione della lingua, cultura e civiltà romena in Europa;
ü  affermazione dell’identità linguistica e culturale romena;
ü  presentazione e promozione delle istituzioni culturali romene all'estero;
ü  sviluppo delle competenze pratiche

ü  sublinierea importanţei proiectului LCCR în procesul de integrare multiculturală şi plurilingvism;
ü  promovarea limbii, culturii și civilizației românești în spațiul european;
ü  afirmarea identităţii lingvistice şi culturale românești;
ü  prezentarea și promovarea unor instituții de cultură româneşti din străinătate;
ü  dezvoltarea unor abilităţi practice

Sintesi del programma / Rezumatul programului

L’attività “L’Importanza del progetto LCCR e il lungo cammino dell’integrazione: passione, emozioni e didattica” è diviso in quattro sezioni:
ü  Tavola rotonda con i dirigenti scolastici che ospitano il progetto;
ü  Programma artistico a cura degli allievi LCCR di diverse scuole;
ü  Presentazione dell’Accademia di Romania, visita alla Biblioteca e della mostra organizzata
in occasione di questa attività;
ü  Lo svolgimento di laboratori di sviluppo artistico e creativo

Activitatea ,,Importanţa proiectului LCCR şi drumul lung al integrării: pasiune, emoţii şi
didactică” este structurată pe patru secțiuni:
ü  Masa rotundǎ cu directorii unităților de învățământ care găzduiesc proiectul;
ü  Program artistic susţinut de elevii LCCR din diferite şcoli;
ü  Prezentarea instituției Accademia di Romania in Roma, vizitarea Bibliotecii și a expoziției organizate
cu prilejul acestei activități;
ü  Desfășurarea unor ateliere de dezvoltare artistică şi creativă

La partecipazione / Condiții de partecipare

     All’evento partecipano allievi, docenti, genitori, personalità romene e italiane.
     La întâlnire participă elevi, cadre didactice, părinţi, personalităţi române şi italiene.
     Sono invitati tutti i Dirigenti Scolastici, rappresentanti dell’USR Lazio, MIUR dell’Italia, MENCS della Romania, Ambasciata della Romania, ospiti che lungo gli anni hanno collaborato alla realizzazione del percorso educativo e didattico volto all’integrazione culturale e linguistica.
     Sunt invitaţi directorii de şcoli, reprezentanţi din Inspectoratele şcolare, USR Lazio, MIUR Italia, MENCS Romȃnia, din Ambasada României în Republica Italiană precum şi alte persoane care în cei 10 ani de activitate au colaborat la realizarea acestui proiect educativ şi didactic îndreptat spre integrare culturală şi lingvistică.


Risultati attesi / Rezultate aşteptate

In occasione saranno evocati i momenti del passato, verranno presentati diversi aspetti attuali e si faranno le proposte per il futuro dei nostri allievi. Inoltre un momento importante sarà quello in cui i Dirigenti Scolastici manifesteranno l’apertura e il sostegno per il nostro progetto con la valutazione dell’apporto nel percorso interculturale e all’inclusione scolastica.
Cu ocazia acestei întâlniri vor fi evocate unele momente din trecut, vor fi prezentate diverse aspecte actuale şi se vor face propuneri pentru viitorul elevilor noştri. Va exista, de asemenea, un moment în care Directorii unităţilor de învăţământ îşi vor manifesta deschiderea şi susţinerea faţă de proiectul LCCR și va fi evaluat aportul său în procesul intercultural și de incluziune școlarǎ.
Il programma artistico e i laboratori di sviluppo artistico e creativo offriranno l’opportunità per gli alunni di manifestarsi liberamente e di mettere in evidenza le loro competenze scegliendo una o più attività proposte. Si approprieranno, anche, conoscenze di letteratura, di storia o di etnografia e avranno la possibilità di applicare i concetti teorici tramite i metodi alternativi di lavoro, guadagnando così nuove informazioni sulla Romania.
            Momentul artistic și ateliere de dezvoltare artistică şi creativă vor oferi elevilor posibilitatea de a se manifesta liber şi de a-şi pune în valoare abilităţile prin alegerea uneia sau a mai multor activități propuse. Ȋși vor însuşi, de asemenea, cunoştinţe de literatură, de istorie sau de etnografie și vor avea ocazia să aplice noţiuni teoretice prin metode alternative de lucru, dobândind astfel noi informaţii despre Romania.

Programma

09.30 – 10.15 - Ricevimento
10.15 – 11.00 – Apertura dell’incontro - presentazione degli ospiti e proiezione PPT, varie attività LCCR in Italia dal 2007 ad oggi
            11.00 – 13.00 – Programma “Il concerto della primavera” a cura degli allievi LCCR di diverse scuole e proseguimento per i bambini nei laboratori aperti in Sala delle esposizioni
12.00 – 13.00 – Tavola rotonda “L’Importanza del progetto LCCR e il lungo cammino dell’integrazione: passione, emozioni e didattica”, rievocare momenti del passato, ricordi e proposte per il futuro scolastico dei nostri allievi
13.00 – 13.30 – Presentazione dell’Accademia di Romania, visita alla Biblioteca e della mostra “Le feste della primavera"
13.30 – 14.00 – Buffet

Desfășurarea programului

09.30 – 10.15 – Primirea invitaţilor
10.15 – 11.00 – Deschiderea activității – prezentarea invitaților și proiecția materialului PPT care cuprinde activităţi LCCR în Italia din 2007 până în prezent
11.00 – 13.00 – Program artistic ,,Concertul primăverii” susţinut de elevii LCCR din diferite şcoli și participarea acestora la atelierele de dezvoltare artistică şi creativă in Sala de expozitii
12.00 – 13.00 – Masǎ rotundǎ cu directorii şcolilor care găzduiesc proiectul LCCR cu tema: ,,Importanţa proiectului LCCR şi drumul lung al integrării: pasiune, emoţii şi didactică”
13.00 – 13.30 – Prezentarea instituției Accademia di Romania, vizitarea Bibliotecii si a expoziției ,,Sărbătorile primăverii”
13.30 – 14.00 – Bufet



In seguito / Ȋn continuare

Apprezzamenti e i buoni pensieri delle persone che hanno contribuito allo svolgimento in ottime condizioni delle attività LCCR nelle scuole d’Italia.

Aprecieri și gânduri bune ale persoanelor care au contribuit la desfășurarea in optime condiții
a activităților LCCR din școlie italiene:


                            
UN LUNGO VIAGGIO DI AMORE NELLE SCUOLE DI LADISPOLI
CON NICOLÒ ACCARDO CHE LE HA DIRETTE PER 20 ANNI
DRUMUL LUNG DE IUBIRE ÎN ȘCOLILE DIN LADISPOLI
CU NICOLÒ ACCARDO CARE LE-A CONDUS TIMP DE 20 DE ANI

Dirigente Scolastico, Prof. NICOLÒ ACCARDO

240° Circolo Didattico Ladispoli

10 anni di accoglienza solidale e di integrazione a Ladispoli, città aperta, e nelle sue scuole, che hanno avuto l’onore di avviare, per amore, il Progetto di insegnamento di lingua, cultura e civiltà romena.
            Già prima che bambini e famiglie romene arrivassero da noi, prima che la Romania entrasse a far parte della Comunità Europea, le scuole di Primo Circolo Didattico di Ladispoli, che ho diretto per 20 anni, aveva accolto bambini romeni e di tutto il mondo con le loro famiglie, organizzando i corsi di lingua, cultura e civiltà romena e straniera tanto da essere considerate un esempio per tutte le altre scuole d’Italia. Un esempio di amore e solidarietà, che già aveva visto passare da noi quasi 2000 bambini di 54 paesi diversi del mondo. Prima di tanti altri abbiamo pensato che non fosse giusto né umano sradicare i nuovi immigrati dalla loro lingua e dalla loro cultura di origine.
            La scuola deve essere luogo di amore solidale senza distinzione di lingua, di razza e di religione. Così col Ministero dell’Educazione e della Gioventù romeno e con il Ministero della Pubblica Istruzione italiano, con l’insegnante Angela Nicoara, siamo stati i primi in Italia ad avviare questo progetto pilota con 104 bambini iscritti nel 2007, che ci unisce più fortemente al popolo romeno, che noi consideriamo fratello.
           
            10 ani de primire solidară și de integrare ȋn Ladispoli, oraș deschis, și ȋn școlile sale, care au avut onoarea să dea drumul, din dragoste, proiectului de predare a limbii, culturii și civilizației românești.
            Chiar mai ȋnainte ca acești copii și familiile romȃnești să sosească la noi, ȋnainte ca Romȃnia să facă parte din Comunitatea Europeană, școlile din Primul Cerc Didactic din Ladispoli, pe care le-am condus timp de 20 de ani, au primit copii romȃni și din toată lumea cu familiile lor, organizȃnd cursuri de limba, cultura și civilizația romȃnescă și străină, astfel ȋncȃt să fie considerate un exemplu pentru toate școlile din Italia. Un exemplu de iubire și solidarietate, care văzuse deja trecȃnd prin școli aproape 2000 de copii din 54 de țări ale lumii. Ȋnaintea multora am gȃndit ca nu ar fi just nici uman dezradacinarea noilor imigranți de la limba lor și de la cultura lor de origine.
            Şcoala trebuie să fie locul de iubire solidară fără distincție de limbă, de rasă, de religie. Așa Ministerul Educației și Tineretului romȃn și Ministerul Instrucției Publice italian și cu profesoara Angela Nicoară, am fost primii in Italia care au pornit acest proiect pilot cu 104 copii ȋnscriși ȋn 2007, proiectcare ne unește foarte mult de poporul romȃn pe care ȋl considerăm frate.

Ladispoli, 15.03.2017                                                                                   Con amore / Cu dragoste,
Nicolò Accardo


PROGETTO LCCR, NECESSITÀ, CONOSCENZA E AMORE

Dirigente Scolastico, Prof. RICCARDO AGRESTI

Istituto Comprensivo “Corrado Melone”
Istituto Comprensivo “Ladispoli 1”
Ladispoli, Lazio - Italia

            Nel momento di bilancio, a dieci anni dal 2007, il progetto LCCR, allora pilota nelle nostre scuole ed oggi esteso sul tutto il territorio italiano, fa piacere confrontarsi con la realtà del corso ormai diffuso in tutta Europa.
            Le scuole che dirigo, che comprendono Infanzia, Primaria e Secondaria di Primo Grado, sono frequentate da 1315 alunni di cui 165 sono romeni nell’IC “Ladispoli 1” e 1365 alunni di cui 171 romeni nell’I C “Corrado Melone”. Ladispoli è una città “aperta” che vede un forte processo immigratorio ed i ragazzi sono per metà nati in Italia. Per questo, dal 2007, abbiamo richiesto e portiamo avanti il progetto LCCR che Angela Nicoara è riuscita a fare approvare dal Ministero della Pubblica Istruzione Romeno e dal Istituto della Lingua Romena di Bucarest.
             Il suo successo ha fatto sì che il corso ora sia diventato una necessità, soprattutto vista la realtà della comunità romena presente nel territorio e le nuove direttive Europee. Pertanto a Ladispoli il programma LCCR si rivolge a tutti gli alunni dei nostri Istituti e è svolto in orario curricolare nella Scuola dell’Infanzia ed in quella Primaria perché gli obiettivi LCCR coincidono con i nostri in quanto riguardanti il plurilinguismo e multiculturalismo e non ci hanno fermato le polemiche strumentali di chi non ha compreso che solo la conoscenza reciproca porta all’amore.
            I metodi interattivi di insegnamento della lingua e cultura romena con la matematica e tecniche montessoriane hanno trovato interesse e coinvolgimento nella didattica a livello di classe.
            La valutazione delle attività LCCR e il riconoscimento finale con l’Attestato del Ministero dell’Istruzione Romeno si festeggiano ogni anno nell’Aula Consiliare del Comune di Ladispoli, messaci a disposizione dal Sindaco, Crescenzo Paliotta.
            Le attività e la vita nella scuola sono state riprese dalla stampa locale e da quella romena, oltre a TV e Radio:





            Gli alunni portano nell’Istituto, insieme ai genitori, delle tradizioni della loro zona di provenienza, le abitudini, canzoni e poesie dei grandi scrittori romeni contemporani e non. Tutto viene espresso anche in italiano per la conoscenza e la partecipazione degli allievi e docenti italiani.
            Nell’ottica di scambio e reciproca conoscenza, nel 2015 abbiamo ospitato un gruppo di 15 docenti romeni provenienti da quattro regioni della Romania: Timis, Maramures, Caras Severin e Neamt, coordinatori di classe in 8 scuole partner, coinvolti nel progetto europeo Leonardo da Vinci (LLP-LdV/PM) incluso nel programma europeo Lifelong Learning Programme intitolato “Profesor format & elev motivat- progres scolar si profesional asigurat/ Professore formato & allievo motivato- progresso scolastico e professionale assicurato”. La collaborazione con docenti europei e la presenza di insegnante di madre lingua aiutano nella mediazione e nel coinvolgimento delle famiglie nella vita scolastica.
            La nostra scuola è stata punto di orgoglio e modello di convivenza interculturale nel 2009, quando la Presidente della Camera dei deputati del Governo romeno, Roberta Anastase, insieme a 20 deputati hanno visitato e incontrato i nostri allievi.

PROIECTUL LCCR, NECESITATE, CUNOAŞTERE ŞI IUBIRE

Dirigente Scolastico, Prof. RICCARDO AGRESTI
Istituto Comprensivo “Corrado Melone”
Istituto Comprensivo “Ladispoli 1”
Ladispoli, Lazio - Italia

            Ȋn momentul bilanțului, la zece ani de la acel 2007, proiectul LCCR, atunci pilot ȋn școlile noastre, azi extins in tot teritoriul italian, ne face plăcere să ne confruntăm cu relalitatea cursului răspândit in toata Europa.
            Şcolile pe care le conduc, și care cuprind Grădinița, Primara și Gimnaziu, sunt frecventate de 1315 elevi dintre care 165 sunt romȃni in I C “Ladispoli1” și 1365 elevi dintre are 171 romȃni in I C „Corrado Melone”. Ladispoli este un oraș deschis care vede un puternic proces migrator și tinerii sunt jumătate născuți ȋn Italia. De aceea din 2007, am cerut și ducem mai departe proiectul LCCR pentru care Angela Nicoară a reușit să obțină aprobarea Ministerului Educației din Romȃnia și al Institutulii Limbii Romȃne din București.
            Succesul proiectului a făcut ȋn așa fel ȋncȃt cursul să devină o necesitate, mai ales ținȃnd cont de realitatea comunității romȃne din teritoriu și noile directive Europene. De aceea in Ladispoli programa LCCR se adreseaza tuturor elevilor din Şcolile noastre și se desfășoară in orar curricular pentru Gradinița și Șscoala primară pentru că obiectivele LCCR coincid cu obiectivele noastre care privesc plurilingvismul si multiculturalismul și nu ne-au oprit polemicile manipulatoare ale celor care nu au ȋnțeles că numai cunoașterea reciprocă duce la iubire.
            Metodele interactive de predare a limbii și culturii romȃnești cu matematică și tehnici montessoriene au stȃrnit interes și implicare in didactica de la nivelul clasei. Evaluarea activităților LCCR și recunoașterea finală cu Atestate de la Ministerul romȃnesc se sărbătoresc în fiecare an în Aula Consiliului Local al Primariei din Ladispoli, pusă la dispoziție de Primarul orașului, Crescenzo Paliotta.
            Activitățile și viața din școli au fost publicate in presa locală și in cea din Romȃnia, la televiziune si Radio:





            Elevii aduc in școală, ȋmpreună cu părinții lor, tradiții din zona lor natală, obiceiuri, cȃntece și poezii ai marilor scriitori din trecut și contemporani. Totul este exprimat și in italiană pentru ȋnțelegerea și participarea elevilor și cadrelor didactice italiene.
            Ȋn optica de schimb reciproc de cunoștinte, ȋn 2015 am avut oaspeți în școli 15 profesori romȃni din diferite zone: Timiș, Maramureș, Caraș Severin și Neamț, diriginți și directori din opt școli partenere, prinși în proiectul european Leonardo da Vinci (LLP-LdV/PM) inclus in programul european Lifelong Learning Programme intitulat “Profesor format & elev motivat - progres școlar și profesional asigurat/ Professore formato & allievo motivato - progresso scolastico e professionale assicurato”. Colaborarea cu profesori europeni și prezența unui cadru didactic de limbă maternă ajută la mediere și la implicarea părinților in viața școlară.
            Şcoala noastră a fost motiv de mândrie și model de conviețuire interculturală in 2009, cȃnd Președinta Camerei Deputaților din Guvernul Romȃniei, Roberta Anastase, ȋmpreună cu 20 de deputați, a vizitat și a intȃlnit elevii noștri.
            Din experiența avută în acești ani am introdus orele de curs LCCR pentru copii ca activitate curriculară alternativă diverselor materii opționale pe care de mulți ani le propunem in POF-ul nostru.
            Dall’esperienza avuta in questi anni abbiamo introdotto le ore di corso LCCR per i bambini come attività curricolare alternativa alle diverse materie opzionale che da anni proponiamo nel nostro POF.
            Come tutti sanno, solo dal confronto e dal contatto fra culture diverse si può ottenere un miglioramento ed una reale crescita: cosa ha da insegnarci o da farci conoscere chi sia uguale a noi o comunque abbia la nostra stessa cultura? A cosa serve parlare solo con chi la pensa come noi, se non a rafforzare la bislacca idea che solo noi abbiamo ragione? Invece il contatto ed il confronto fra persone che siano portatrici di idee e modi di vita diverse sono generatori di nuova cultura. Chi sia intelligente, aperto e positivo preleverà dall’una cultura e dall’altra ciò che è migliore, giungendo ad una nuova sintesi che produrrà miglioramenti sociali impossibili per quegli sciocchi che restano chiusi in se stessi e rifiutano il prossimo solo perché nato qualche chilometro più in là. Questi ultimi sono in realtà individuabili generalmente solo fra gli adulti, in quanto i ragazzi sono più curiosi, aperti al prossimo e “buoni dentro” rispetto agli ormai sclerotizzati adulti che non vogliono mettere in gioco se stessi ed hanno paura dell’altro perché non lo conoscono. È con questa idea che la nostra Scuola ha cominciato ad attuare progetti che mirano a mettere in contatto ragazzi di diverse nazionalità e … auguriamo che il nostro modello sia seguito dagli altri.

Ladispoli, 14 marzo 2017

            După cum știm, numai confruntarea și contactul direct ȋntre culturi diferite ne poate cu adevărat ȋmbogăți și ne conduce la o adevarată creștere: ce ne poate ȋnvăța sau să ne arate cel ce este la fel ca noi sau cel care are aceeași cultură ca a noastră? Ce sens are să vorbești numai cu cel ce-ți dă dreptate, dacă nu numai acela de a alimenta o idee greșită că numai noi avem dreptate? Ȋn schimb, contactul și confruntarea ȋntre persoane cu idei și moduri de viață diferite dau ființă unor noi culturi. Persoanele inteligente, deschise și pozitive știu să ia ce este mai bun de la fiecare cultură adăugȃnd apoi la o nouă formă care va produce imbunătățiri sociale imposibile pentru cei care rămȃn ȋnchiși ȋn ei ȋnșiși și refuză aproapele numai pentru că este născut un kilometru mai departe. Aceștia din urmă sunt individualizați în general numai ȋntre adulți pentru că tinerii sunt mai curioși, mai deschiși și „buni ȋnăuntru” ȋn comparație cu adulții rigizi care nu vor să se pună în joc și le este frică de celalalt pentru că nu-l cunosc. Cu această idee, școala noastră a ȋnceput să actualizeze proiecte care au ca scop să pună ȋn contact tineri de diferite naționalități și ... dorim ca modelul nostru să fie urmat de alții.

Ladispoli, 14 martie 2017

INTEGRANDO SI IMPARA

Dirigente Scolastico, Prof. PIETRO BECECCHI

Istituto Comprensivo Crema 2

Accogliere
Includere
Riconoscere l’altro
Dialogare
Aiutare i bambini portatori di diversa cultura a imparare l’italiano, ma anche a conservare la lingua materna.
            Questa è la logica dell’Istituto Comprensivo Crema 2, sulla base di una filosofia di integrazione che non è colonizzazione forzosa ma incontro comunicativo là dove i diversi percorsi convergono fino a formare un crocevia nel quale riuscire a dirsi “ciao” nei vari alfabeti del mondo.
            E così dall’a.s. 2013/14 e quest’anno ancora a Ombriano ospitiamo un corso settimanale di lingua e cultura romena, promosso dal MIUR e dal Ministero dell’Educazione della Romania, finanziato da quest’ultimo.
            Ogni mercoledì, dalle 14:00 alle 18:00, affluiscono al nostro Istituto bambini/ragazzi desiderosi di rimanere in contatto con la propria cultura e di non tagliare il cordone ombelicale con il proprio Paese. Vanno dai 5 ai 16 anni, in un mix di età che fanno della classe che si è formata un gruppo composito multilivello che mette a dura prova le competenze didattiche dell’insegnante. Il suo nome è Ioana Marcu, ovviamente madrelingua, mediatrice culturale e docente, oltre che a Crema, in corsi similari realizzati in provincia di Bergamo, a Romano di Lombardia e a Gorlago. I corsi di questo genere sono pochissimi in provincia di Cremona e non molti neppure in un ambito regionale più vasto.
            Per noi poterne ospitare uno per nostra autonoma scelta rappresenta un fiore all’occhiello di notevole importanza, per la valenza educativa che ne scaturisce, per la forza coesiva che se ne origina, per il duplice senso di appartenenza che gradualmente condurrà ciascuno a sentirsi cittadino del mondo senza condizionamenti aprioristici.
            Dall’a.s. 2015/16 si è realizzata anche una piccola classe di bambini della Scuola dell’Infanzia, dato che non è mai troppo presto per sperimentare laboratori di tolleranza dei sistemi di pensiero diversi dal nostro. Si sono potute così mettere in conto collaborazioni e progettualità incrociate con l’attività curricolare delle nostre classi, che sono sfociate in performances di danza e non solo da parte del gruppo di romeno in occasione della festa finale della scuola, in letture, canti e racconti per il Martisor, in feste natalizie condivise.
            A volere fortemente questo corso, oltre al sottoscritto, è stata ed è la M.a Adelisa Melada, referente Intercultura dell’Istituto e coordinatrice territoriale delle iniziative scolastiche in tale ambito.
            È bello ascoltare tante voci, tante lingue, tanti suoni differenti : è dalla polifonia che nasce la sinfonia.
            “Talvolta ascolto le voci senza lasciarmi distrarre dalle parole che contengono. In quei momenti sono le anime che sento. Ciascuna ha la vibrazione che le è propria “ (Christian Bobin)
            A noi piace avere tante anime.

 Crema, 17 marzo 2017                                 
 Pietro Bacecchi
                                      

PRIN INTEGRARE SE ÎNVAȚĂ

Dirigente Scolastico, Prof. PIETRO BECECCHI
Istituto Comprensivo Crema 2

A primi
A include
A recunoaște pe celălalt
A dialoga
A ajuta copiii purtători de o cultură diferită să învețe italiană dar și să conserve limba maternă.
            Aceasta e logica institutului IC Crema 2, bazată pe o filozofie de integrare care nu e colonizare forțată ci o împletire comunicativă acolo unde diverse căi converg, intersectându-se, asfel încât să se reușească să se spună ”ciao!” în diferitele limbi ale lumii.
            Și astfel, din a.șc. 2013/ 14 până azi, la Ombriano oferim un curs săptămânal de limbă, cultură și civilizație românească promovat de Ministerul Învățământului, Universității și Cercetării din Italia și Ministerul Educației din România, cu finanțarea celui din urmă.
            În fiecare miercuri, de la 14:00 la 18:00, sosesc la noi la școală copii dornici să rămână în contact cu propria cultură și să nu taie cordonul ombilical cu propria țară. De la 5 la 16 ani, vin copii într-un amestec de vârste care fac din clasa formată un grup compus pe mai multe niveluri, fapt ce pune la încercare competențele didactice ale profesoarei.
            Numele său este Ioana Marcu, de limbă maternă- evident, mediatoare culturală și profesor, pe lângă cel de la Crema, de alte cursuri similare realizate în județul Bergamo, la Romano Di Lombardia și Gorlago. Cusuri de acest fel sunt puține în județul Cremona și nu multe chiar într-un context regional mai larg.
            Pentru noi, a putea ospita un astfel de curs din proprie inițiativă, reprezintă un motiv de mândrie de considerabilă importanță, pentru valența sa educativă care o emană, pentru forța sa de coeziune, pentru dublul sens de apartenență care, gradual, va conduce pe fiecare să se simtă cetățean al lumii fără condiționări apriorice.
            Din a.șc. 2015/16 s-a realizat și o grupă de copii preșcolari, din moment ce nu este niciodată prea devreme pentru a experimenta laboratoarele de toleranță ale modurilor de gândire diferite de ale noastre. S-au putut astfel pune împreună colaborări și proiectări împletite cu activitatea curriculară a claselor noastre, care s-au transformat în adevărate ”performances” de dans-și nu numai, din partea grupului de copii ai cursului LCCR cu ocazia serbării de sfârșit de an al școlii, în lecturi, cântece și povestiri de Mărțișor, în sărbători de Crăciun petrecute împreună.
            În afară de subsemnatul, a vrea cu toată ființa sa acest curs a fost și este doamna învățătoare Adelisa Melada, responsabila de relațiile interculturare în cadrul Institutului și coordonatoare teritorială de inițiative școlare în acest domeniu.
            E frumos să asculți multe voci, multe limbi, multe sunete diferite: din polifonie se naște simfonia.
            ”Câteodată ascult vocile fără să mă las distras de cuvintele pe care le conțin. În acele momente simt doar sufletele. Fiecare are o vibrație proprie”(Christian Bobin).
            Nouă ne place să avem multe suflete.
                              Pietro Bacecchi,
                              Director IC Crema 2
Crema, 17 martie 2017
Traducere în română: Marcu Ioana

                            




L’INSEGNAMENTO DELLA LINGUA ROMENA ARRICCHISCE
PREDAREA LIMBII ROMȂNE NE ȊMBOGĂȚEȘTE

Prof.ssa ANNA ALISI

 I.C. “Tiberio Gulluni”, Colonna
           
            Nelle nostre scuole, grazie ai molteplici flussi migratori che si sono succeduti negli anni, si pratica una didattica aperta alla multiculturalità, all’integrazione, alla valorizzazione e al rispetto delle diversità. L’insegnamento della lingua romena arricchisce questo percorso formativo. Mantenere vivo il contatto con la propria lingua d’origine, con la propria storia e le proprie tradizioni contribuisce allo sviluppo dell’identità culturale dei ragazzi romeni che oggi sono anche italiani.
            E’ una opportunità educativa che si offre agli studenti romeni ma di cui beneficiano tutti. Solo attraverso lo scambio di culture, di usi e tradizioni si può promuovere un’Europa multiculturale, dove non esistono frontiere ma la ricchezza delle diversità, il senso di appartenenza ad una unica comunità che si riconosce nei valori del dialogo e della pace.

Prof.ssa Anna Alisi



LA GIOIA DI INCONTRARSI E CONOSCERSI, TU SEI MIO FRATELLO
BUCURIA DE A SE ȊNTȂLNI ȘI DE A SE CUNOAȘTE, 
TU EȘTI FRATELE MEU

Docente: ANNA MARIA DE BIASIO

Istituto Comprensivo “Corrado Melone”
Ladispoli (Rm), Lazio - Italia
           
Nel decimo anniversario del progetto “Lingua, Cultura e Civiltà Romena” (LCCR), iniziato nel 2007, siamo qui a tirare le somme di questa bella esperienza e siamo molto fieri di poterci confrontare con realtà così lontane, essendo il progetto diffuso su tutto il territorio italiano.
            Nella nostra scuola ci sono 4 Sezioni della Scuola dell’Infanzia (Grǎdinițǎ) che hanno aderito ormai da anni al progetto LCCR. In queste sezioni frequentano 104 alunni di cui 35 sono romeni alcuni sono nati in Italia altri no. Dietro suggerimento del nostro Dirigente Scolastico, Professor Riccardo Agresti, che con passione e grande entusiasmo ha dato un’impronta multiculturale alla nostra scuola, che oggi sempre più è votata all’accoglienza ed all’integrazione, per noi unica via di crescita sociale e culturale delle popolazioni, abbiamo deciso di aderire al progetto LCCR che Angela Nicoara in maniera mirabile svolge in orario curricolare a favore dei nostri bambini.
            La nostra comunità, come gran parte del territorio nazionale, è composta da un buon numero di famiglie di altre nazionalità, con una buona prevalenza di cittadini romeni, situazione che ovviamente, come detto precedentemente, si riflette anche nella nostra scuola. Gli alunni di origine romena grazie al progetto LCCR hanno sentito più vicino il loro Paese natio, esso ha permesso loro di portare a scuola alcune abitudini e tradizioni proprie della loro cultura condividendo con gli altri il loro vivere quotidiano a casa, la docente Nicoara è stato mirabile esempio di mediatrice culturale ed ha rappresentato un validissimo ponte di connessione fra le varie culture permettendo ai giovanissimi bambini della scuola dell’infanzia di comprendere in maniera corretta le diversità culturali e le motivazioni da cui scaturiscono. Le famiglie e gli alunni hanno saputo accogliere con grande partecipazione il progetto, che da subito ha mostrato grandi potenzialità soprattutto grazie alle ottime capacità comunicative e professionali della docente Nicoara che ha sempre saputo mantenere alto l’interesse dei discenti e rendere simpatiche e coinvolgenti le varie attività.
            Le lezioni hanno carattere interattivo e si svolgono per un’ora a settimana in ogni sezione. Si presentano, si leggono e drammatizzano, in italiano e in romeno, diverse storie che ci permettono di scoprire leggende e storielle legate alla tradizione romena. Si svolgono giochi motori e di manipolazione in lingua romena per consolidare il legame fra i compagni. Si impara a contare e a salutare in romeno, moltissime canzoncine insegnate in maniera ludica. Si ricordano i giorni della settimana, i nomi dei mesi dell’anno, i colori, il susseguirsi delle stagioni con le rispettive peculiarità. Si fanno giochi simbolici per l’uso contestualizzato dei vocaboli relativi alle varie festività.            
            Abbiamo organizzato la festa di Natale (Crǎciun) drammatizzando una storia di accoglienza e integrazione, riservando uno spazio alle attività in lingua romena. Un angolo di ogni sezione è stato allestito dalla docente Nicoara con l’ausilio dei bambini con i colori e le bandiere della Romania, in esso gli alunni hanno potuto esporre i lavori svolti nell’ambito del progetto LCCR condividendoli con gli altri.  
            Il progetto viene annualmente pianificato e programmato con l’insegnante di sezione in modo che esso si integri perfettamente e sia trasversale a tutte le altre attività didattico-educative della singola sezione. Questo richiede un enorme impegno di personalizzazione delle attività e la continua osservazione, valutazione e adeguamento in itinere sia dei lavori proposti che degli obiettivi da conseguire. Al termine di ciascuna annualità ogni alunno ha in dote un portfolio “Portofoliul elevului” con tutti i lavori svolti ed un rapporto riassuntivo delle competenze acquisite e degli obiettivi raggiunti. In una cerimonia solenne, diventata tradizione, a giugno, a fine anno scolastico, nell’Aula Consiliare del Comune di Ladispoli il Dirigente alla presenza di tutto il corpo docente della scuola e delle famiglie consegna a ciascun alunno l’Attestato del Ministero romeno, donando la giusta ufficialità al percorso svolto. I bambini in così tenera età con il petto gonfio di orgoglio si recano singolarmente a stringere la mano del Preside Agresti, e sotto gli occhi di una platea così nutrita comprendono l’importanza del lavoro svolto e ne ricavano una giusta gratificazione.
            Il successo ottenuto dal progetto ha fatto sì che diventasse in breve tempo un segno distintivo della nostra scuola e quasi una necessità da parte delle famiglie anche alla luce delle nuove direttive Europee. L’eco delle attività svolte in sezione ha avuto una grossa rilevanza al punto da suscitare interesse nei media sia locali, sia nazionali che romeni.
                 La Tradizione del marzolino
            Siamo stati invitati ad un incontro all’Università La Sapienza di Roma presso la Facoltà di Lingua e cultura romena, dove i nostri bambini hanno dato prova delle loro capacità. Siamo stati ospiti nel 2015 dell’Ambasciata romena in Italia dove ci ha accolti l’Ambasciatrice, Sua Eccellenza Dana Manuela Costantinescu, che ha potuto ammirare le ottime conoscenze acquisite dai nostri bambini grazie al progetto LCCR. Sua Eccellenza è rimasta così colpita da farci l’onore di venirci a trovare anche a scuola durante i festeggiamenti per la Giornata Nazionale della Romania- 1 Dicembre. L’abbiamo accolta vestendo abiti della tradizione romena e sventolando bandiere gemellate con i colori dell’Italia e della Romania. Con noi hanno potuto festeggiarla anche le famiglie nella maniera adeguata preparando dolci tipici. Alcuni bambini, oltre alle varie attività programmate e preparate nei giorni precedenti, quali canti e filastrocche sia in romeno che in italiano, hanno voluto donare all’Ambasciatrice e al Ministro delegato SE Dan Stoenescu, alcuni manufatti realizzati a scuola. In un’altra occasione abbiamo avuto privilegio di dimostrare il nostro lavoro alla Di
rettrice dell’Istituto della Lingua Romena (ILR) di Bucarest, Professoressa Corina Chertes, ospite nella nostra scuola nell’aprile 2016.
            Per quanto detto credo traspaia la soddisfazione di tutte le componenti della nostra scuola per la partecipazione al progetto LCCR, che ha portato a decidere di introdurre le ore di questo corso come attività curricolari alternative alle diverse materie opzionali che da anni proponiamo nel nostro PTOF. Nello stesso tempo si rispecchiano i metodi attivi e partecipativi e le tecniche moderne applicate nelle ore LCCR centrate sul bambino.
            Ci auguriamo che egual successo abbia ottenuto o otterrà il progetto LCCR anche presso le altre scuole e che il nostro modello possa rappresentare una scia da seguire poiché riteniamo realmente molto valido il percorso proposto.
ANNA MARIA DE BIASIO
 Ladispoli, 10 marzo 2017
LCCR,
L’ESPERIENZA DELL’ISTITUTO COMPRENSIVO “PACIFICI SEZZE-BASSIANO”
        

                                                                   Dirigente Scolastico, Dott.ssa FIORELLA DE ROSSI                                                                           

            A partire dal 2007 il Ministero dell’Istruzione, della Ricerca e della Gioventù di Romania e il Ministero dell’Istruzione in Italia hanno dato l’avvio al progetto del corso di Lingua, Cultura e Civiltà Romena (LCCR). Le Scuole Primarie dell’allora Direzione Didattica I Circolo Sezze, erano già frequentate da numerosi alunni stranieri, e in particolare da alunni romeni. Venuti a conoscenza del progetto LCCR, considerato l’incremento delle iscrizioni degli alunni romeni nella Scuola Primaria, nell’a.s. 2011/2012 è stato istituito il corso presso la nostra Scuola, divenuta nel frattempo Istituto Comprensivo Sezze Bassiano. Da sottolineare come in Provincia di Latina solo altri tre Comuni avessero attivato i corsi di LCCR (Itri, Cori ed Aprilia). La Maestra Grosu Ecaterina è stata la prima insegnante. Si è iniziata così un’esperienza didattica rivolta ad un’integrazione ancora più viva, attraverso lo scambio di storie, di tradizioni, di religione e anche di cucina.
            Nell’anno scolastico 2012/2013 hanno potuto aderire al corso anche gli alunni della Scuola dell’Infanzia seguiti per la prima parte del corso dall’insegnante Mazilu Ana Maria che è stata poi sostituita dall’insegnante Rojog Maria Claudia, che ancora oggi presta servizio nel nostro Istituto ed è molto apprezzata per la sua professionalità. Poter contare sulla continuità didattica per un quinquennio, e l’esperienza della Prof.ssa Rojog, maturata presso le scuole della Romania, ha fatto sì che si creasse anche con le famiglie un rapporto di conoscenza più profonda ed è ormai consuetudine condividere le festività della tradizione romena con gli alunni italiani e avere l’interesse e la partecipazione dei bambini romeni nelle feste locali, con grande apprezzamento anche dalla stampa.
Si è rafforzata così quella cultura inclusiva e rispettosa ancor più necessaria nella società attuale.
            Si ringrazia il Ministero della P.I. romena per l’opportunità che è stata data ai nostri alunni romeni, sia per aver potuto approfondire la conoscenza delle proprie origini sia per aver dato la tranquillità ai genitori lavoratori di sapere i figli in luogo sicuro. Le famiglie hanno apprezzato molto il corso; teniamo presente anche che alcuni bambini sono ritornati in patria con le proprie famiglie e che l’attestato rilasciato è stato apprezzato dalle scuole che hanno iniziato a frequentare. Si auspica che il corso possa proseguire tenendo conto delle richieste che si iniziano ad avere anche da parte degli alunni della Scuola Secondaria di I grado.
            Tutto il nostro lavoro è stato reso possibile dal supporto che ci è stato dato dalle autorità competenti. A tutti e a ciascuno un particolare ringraziamento per il sostegno ed il dialogo. Ringraziamo tutti gli alunni per la loro spontanea e entusiasta partecipazione, i loro genitori per il notevole coinvolgimento e la sensibilità dimostrata.
            Ci auguriamo che il corso LCCR sia confermato dal Ministero romeno e italiano anche per il prossimo anno scolastico.



Il Dirigente Scolastico, 
   Dott.ssa Fiorella De Rossi                                                                     


RELAZIONE CORSO LCCR
PRESSO IC FERMI DI ROMANO DI LOMBARDIA

Dirigente Scolastico, Prof.ssa PATRIZIA GIAVERI


            Gent.mi
            Nel ringraziarVi per l’invito al convegno che si terrà a Roma, cui mi è impossibile partecipare di persona, vorrei comunque farVi pervenire una breve relazione sul Corso di Lingua e Civiltà Rumena che ospito con immenso piacere da tre anni presso l’istituto che dirigo, l’Istituto Comprensivo Fermi di Romano di Lombardia in provincia di Bergamo.
            Il corso che ospito è stato rivolto per due anni ai bambini dai 3 ai 6 anni, una novità tra le proposte del progetto, nella giornata di sabato, accogliendo bambini appartenenti a scuole dell'infanzia del Comune e non solo del nostro istituto. Quest'anno, invece, essendo chiuso il nostro istituto nella giornata di sabato, abbiamo formato un altro gruppo, il giovedì pomeriggio, con bambini della scuola primaria con età comprese dai 6 ai 11 anni. Il mio primo pensiero positivo è rivolto alla gentile docente Ioana Marcu che, con dolcezza e rigore al contempo, accoglie sempre i bambini e le famiglie ad ogni appuntamento: al loro arrivo i bambini salutano rapidamente le famiglie e corrono da Ioana allegri ed entusiasti di apprendere. Talvolta mi soffermo con loro qualche momento: Ioana non perde mai l’occasione di farmi rivolgere dai bambini un pensiero in lingua rumena, anche solo un saluto, che mi sforzo di ripetere anche se mi risulta molto difficile! I bambini sono sempre sorridenti sia durante le lezioni, sia quando terminano, nonostante l’ora tarda di uscita anche dopo la giornata di scuola!
            Ciò che più mi colpisce è la passione dei bambini rumeni, nonostante conoscano ormai bene la lingua e le tradizioni italiane, nell’apprendere la lingua e le tradizioni del loro paese di origine! Ioana abilmente organizza, in occasione delle maggiori ricorrenze e festività rumene - ricordo il Mãrțișor, il Colindatul, ma anche la festa per il Santo Natale - delle lezioni aperte alle famiglie dei bambini, che cantano e raccontano poesie a tema con tale convinzione e soavità da commuovere gli adulti che li ascoltano, me compresa, quando, sempre invitata, riesco ad essere presente! I bambini e le famiglie non mancano mai di offrire in ricordo di queste giornate un dolce tipico, un omaggio floreale o un portafortuna della loro terra!
            Uno dei momenti più coinvolgenti è la consegna ufficiale dei diplomi a fine anno scolastico che i bambini, Ioana e le famiglie vivono con grande orgoglio: è importante per loro, e molto emozionante per me, che la consegna sia effettuata da parte del Dirigente Scolastico ospitante, come testimoniano le foto che di seguito ho riportato.
            Sicuramente un obiettivo per il futuro potrebbe essere quello, per favorire l’integrazione, di far iscrivere anche bambini coetanei di nazionalità non rumena facendo loro scoprire le tradizioni e la lingua rumene attraverso forme di apprendimento ludico e attivo!
Cordiali saluti,
DS Patrizia Giaveri


DESPRE CURSUL LCCR
DE LA I.C. FERMI DIN ROMANO DI LOMBARDIA

Dirigente Scolastico, Prof.ssa GIAVERI PATRIZIA

            Stimate doamne/ Stimați domni,
            Vă mulțumesc pentru invitația la conferința care se va ține la Roma, la care îmi este imposibil să particip personal, dar la care aș dori, totuși, să vă trimit o scurtă relatare referitoare la Cursul de Limbă, cultură și civilizație românească găzduit cu imensă plăcere în Institutul pe care îl conduc, IC E. Fermi din Romano di Lombardia, Bergamo.
            Cursul pe care îl găzduiesc a început cu copii de la 3 la 6 ani, o noutate printre propunerile proiectului, care se desfășura sâmbăta și găzduia copii de la toate grădinițele, nu numai de la cea din subordinea institutului nostru. În acest an, însă, la noi în școală nu se mai studiază sâmbăta, astfel am format un grup joia după amiaza cu copii din școlile noastre și nu numai, cu vârste cuprinse între 5 și 11 ani. Primul meu gând pozitiv îl îndrept către doamna profesoară, care cu blândețe și rigoare în același timp, întâmpină copiii și familiile lor la fiecare întâlnire: imediat ce ajung la școală, copiii salută repede părinții și aleargă la Ioana, veseli și entuziasmați să învețe. Copiii sunt mereu surâzători atât în timpul lecțiilor cât și când au terminat, în ciuda orei târzii când se termină, cursul desfășurându-se după orele de școală.
            Ceea ce mă impresionează la acești copii români, deși cunosc deja bine limba și tradițiile italiene este această pasiune de a învăța limba și tadițiile țării lor de origine! Ioana organizează foarte abil, cu ocazia celor mai importante sărbători românești-  îmi amintesc Mărțișor, Colindatul, dar chiar și serbarea de Sfântul Crăciun - niște lecții deschise famillilor copiilor, care cântă și recită poezii cu atâta convingere și suavitate că emoționează adulții care îi ascultă, pe mine însămi, când reușesc să fiu prezentă, deși sunt mereu invitată. Copiii și familiile sunt mereu atenți să ofere o amintire a acestor zile: un desert tradițional, un buchet de flori sau o amuletă (de Mărțișor) din țara lor.
            Unul din momentele cele mai captivante este înmânarea diplomelor de sfârșit de an școlar pe care copiii, Ioana și familiile îl trăiesc cu mare mândrie: e important pentru ei și foarte emoționant pentru mine că această ceremonie de consemnare să fie efectuată de Directorul Școlii care îi găzduiește, martore fiind fotografiile următoare. Desigur, un obiectiv în viitor, penru a promova integrarea, ar putea fi acela de a înscrie chiar și copii de aceeași vârstă de alte naționalități, ajutându-i să descopere tradițiile și limba română prin forme de învățare ludice și active.

Cu deosebită stimă, Patrizia Giaveri
Traducere în limba română: Ioana Marcu


PROGETTO LCCR, NECESSITÀ, INTEGRAZIONE E ARRICCHIMENTO
PROIECTUL LCCR, NECESITATE, INTEGRARE ŞI ȊMBOGǍȚIRE

Docente: CINZIA GIULIODORI

Istituto Comprensivo “Corrado Melone”
Ladispoli, Lazio- Italia
           
            La nostra scuola Primaria è frequentata da 425 alunni di cui 104 sono romeni nati in Italia, altri no. Dal 2013 abbiamo richiesto per la nostra classe, allora la prima elementare, il progetto LCCR con l’insegnante Angela Nicoara. Nella classe erano presenti molti alunni, circa metà, di nazionalità romena che erano appena arrivati in Italia e non parlavano la lingua italiana. Il problema che subito mi si è presentato era quello che spesso gli argomenti che proponevo, come poesie e filastrocche, non avevano alcun senso per i miei alunni. Il primo approccio è stato quello di supportare soprattutto le lezioni che venivano proposte in lingua italiana, attraverso la traduzione, da parte dell’insegnante Nicoara, di filastrocche e poesie. Questo ha fatto in modo che lezioni fossero interattive e coinvolgenti anche per i bambini italiani.
            Durante questi anni l’insegnamento della lingua romena è stato interdisciplinare, inoltre i bambini si sono appassionati alla cultura romena attraverso la conoscenza di canzoni, favole, fiabe e festeggiamenti di importanti eventi sia religiosi che non. Coinvolgenti sono stati poi i momenti di drammatizzazione di favole e fiabe, sia in lingua romena che italiana, in modo da non escludere nessuno, soprattutto i bambini con disabilità.
            In principio l’insegnamento della lingua e cultura romena è stato una necessità, un progetto teso all’integrazione, ma poi si è rivelato un arricchimento ed è diventato un punto di forza della nostra scuola.
             Il suo successo ha fatto si che sia diventato una necessità visto la realtà della comunità romena presente nel territorio e le nuove direttive Europee. Il programma LCCR si rivolge a tutti gli alunni del nostro Istituto che desiderano seguire il corso opzionale di cultura e civiltà romena durante il percorso scolastico, in orario curricolare nell’Infanzia e Primaria. Gli obiettivi LCCR coincidono con i nostri obiettivi quadro riguardante il plurilinguismo e multiculturalismo.
            La collaborazione con docenti europei e la presenza di insegnante di madre lingua aiuta molto nella mediazione e nel coinvolgimento delle famiglie nella vita scolastica, facendo in modo che questi alunni e le loro famiglie mantengano vive le loro tradizioni, ma allo stesso tempo siano ben integrati.
            Dall’esperienza avuta in questi anni abbiamo introdotto le ore di corso LCCR per i bambini come attività curricolare alternativa alle diverse materie opzionale che da anni proponiamo nel nostro POF.
            Auguriamo che il nostro modello sia seguito anche da altri istituti. 

Ladispoli, 13.03.2017



PROGETTO LCCR  e IL METODO INTERATTIVO NELLA SCUOLA DI LADISPOLI 1
PROIECTUL LCCR ŞI METODA INTERACTIVĂ ȊN ŞCOALA DIN LADISPOLI 1

NICOLETTA  IACOMELLI

Insegnante, Pedagogista Referente del Progetto INTERCULTURA a Partire Dal 2000,

Istituto Comprensivo “Ladispoli 1”, Lazio- Italia

         A partire dal 2004 la scuola primaria di Ladispoli 1, allora unico circolo di scuola elementare , ha sperimentato un laboratorio di convivenza multiculturale e multietnico, basato sulla solidarieta’ e sull’integrazione. Un modello  educativo e didattica volto alla valorizzazione  della diversita’ e  del plurilinguismo,partendo dalla conoscenza  della lingua e cultura italiana.
            In quegli anni il flusso di immigrati andava cambiando e all’avvento dei polacchi, dal 1989,   e dei russi , negli anni ’80, si sostituì l’arrivo della comunità romena , anche se le etnie presenti a scuola ben 50 comprendevano paesi dell’ America Latina (Peru’ ) , dell’Africa centrale(Senegal, Ghana, Nigeria, Rwanda) e del mondo  Arabo (Marocco, Tunisia, Egitto),  spinsero le insegnanti a cercare  percorsi educativi e didattici, concreti e funzionali all’insegnamento e alla realizzazione del programma,  con l’obiettivo prima di  conoscere la persona, il bambino e la sua famiglia, la sua storia e la sua origine e poi attraverso la lingua  e la cultura di penetrare in quel mondo lontano, attraverso giochi, storie e disegni.
            Nella scuola di Ladispoli si lavorava come una fucina ardente di ricerca   di stimolazioni per non cadere su una didattica piatta e lontana  ,partendo dall’accoglienza della persona, dalla conoscenza  del vissuto e delle motivazioni , al fine di  realizzare  una multiculturalita’ vera  e non enunciata.
                        Un modello di scuola in cui figure professionali  scelte da una dirigenza illuminata, erano preposte  a progetti di supporto psicopedagogico, di sviluppo e recupero della lingua italiana e delle diverse lingue d’origine e, quindi, al discorso INTERCULTURALE. Un investimento in termini di risorse umane, con  docenti qualificati e specializzati sulle relazioni d’aiuto, sull’italiano L2, sulla psicologia fecero da volano per gettare le basi prima nell’integrazione tra docenti curriculari e insegnanti stranieri.
La presenza del 20% romeni ci spinse a cercare tra genitori ,   mediatori culturali e linguistici, nuove professionalità  emergenti. Si affacciò così  la signora Angela Nicoara, timida ed incerta nel svolgere quel ruolo di insegnante in una realtà scolastica nuova , lontano dal suo stereotipo di scuola, con determinazione e passione cominciò ciò che sarebbe durato nel tempo.
La Fondazione CARICIV appoggiò nei primi anni nostri progetti multiculturali ,piaceva l’idea nuova di considerare la diversità etnica una ricchezza e motivo di scambio culturale: nella FESTA DELL’INTERCULTURA  al termine dell’anno scolastico si  evidenziavano percorsi didattici sui numeri, sulle parole , sulle fiabe e  filastrocche , canti e danze tipiche, costumi e ricette di piatti originali, degustati insieme , durante una serata di allegria e gioia, in cui la musica faceva da sfondo integratore.
            
Durante l’anno scolastico si avviarono i primi  CORSI DI LINGUA E CULTURA ROMENA, ARABA, SPAGNOLA E  POLACCA , svolti  una volta alla settimana in orario extrascolastico , frequentati da alunni italiani e stranieri, anche figli di matrimoni misti. Un successo in termini di consenso e partecipazione.
           
            Nell’anno 2007/08 il Ministero della Gioventu’ e dell’Univerisita’ della Romania, riconobbe l’importanza di questi corsi , istituendo un albo di docenti e incaricando ufficialmente l’insegnante Angela Nicoara a svolgere cio’che da anni, come volontaria, faceva.
            La visita del Presidente del Consiglio dei Ministri della Romania, Alma Anastase ,  accompagnata da una delegazione di deputati romeni che da Roma si spostarono nella scuola di Ladispoli,  per conoscere direttamente l’esperienza positiva d’integrazione  e stabilire e stabilire, così, i primi contatti Italia-Romania.
            Partirono ben 4 corsi di lingua e cultura romena,  con 120 alunni in orario pomeridiano, per 18 ore settimanali,  secondo il programma ambizioso e denso  del ministero , con l’obiettivo di preparare gli alunni in termini linguistici e soprattutto per “non dimenticare”, il paese d’origine e favorire un futuro ritorno.
            Il giornale romeno Monitorul divenne il mezzo di informazione per la comunita’ romena scolastica , 4 pagine informative sulle notizie dal paese d’origine e suggerimenti pratici per la vita quotidiana  nella citta di appartenenza, chiamato MONITOR - “Monitorul de Ladispoli”.
            Oggi si celebrano 10 anni della nascita dei Corsi di LCCR con riconoscimento ufficiale tramite consegna di un attestato finale ,10 anni di duro lavoro unito all’impegno costante  e all’amore per il proprio paese lasciato per la nuova realta, l’Italia.
            Nel corso degli anni le attività si sono adeguate alle richieste della realta’educativa .L’innovazione del programma del corso LCCR è sicuramente lo scambio culturale tra insegnanti curriculari e la docente romena, scambio che permette di delineare insieme percorsi interdisciplinari basati sul vissuto degli allievi, ad esempio raccontare le vacanze estive e il mondo degli affetti, oppure sulla conoscenza degli usi e costumi , le feste tradizionali, i canti , gli inni nazionali, gli autori, stabilire insieme i contenuti da inserire nelle programmazioni settimanali, arricchite da esperienze e testimonianze dirette da parte del docente romeno.
            Ecco che nell’ora di educazione alla cittadinanza rientra  “l’insegnamento opzionale” che riguarda il plurilinguismo sui numeri, sulle monete, sulle parole, sui colori, sulle bandiere, sulla musica  e nasce cosi’ la conoscenza della cultura romena e l’accettazione in classe da parte dei bambini prima e poi dei genitori  a casa.
            Non si tratta di lezioni frontali per spiegare la geografia di un paese, ma di scambi culturali  per conoscere le bellezze di un paese e le difficolta’ che hanno spinto alla fuga.
            Nelle classi della scuola di Ladispoli si lavora partendo dal rispetto della funzione del docente italiano e romeno,  passando per l’integrazione disciplinare e progettando insieme percorsi interattivi e creativi, con l’obiettivo di delineare sul  PTOF della scuola  detti progetti e far conoscere alla comunita’ locale, la validità dei percorsi tracciati.
            In quest’ottica, ogni anno viene organizzata la presentazione ufficiale del corso di LCCR e al termine la consegna dell’attestato finale alla presenza dei rappresentanti  dell’Amministrazione Comunale, vengono promossi momenti di scambio tra genitori e bambini in occasione del Natale, della Pasqua e della fine dell’anno, a scuola .
            Più volte la stampa locale e la Tv romena si sono  incuriositi e sono arrivati a scuola ,  meravigliati dal successo decennale delle attivita’ cercando di toccare con mano cosa accadeva tra i banchi di scuola.
            A tale percorso ha contribuito con sostegno concreto e positivo l’Amministrazione Comunale. Il Comune di Ladispoli nato negli anni ‘70, e’ un giovane comune formato da cittadini provenienti da diverse parti d’Italia, soprattutto dal Sud e da tanti romani che hanno preferito negli anni la tranquillita’ della periferia al caos della grande metropoli. Inoltre, a partire dagli anni ’80,  e’ cominciato il transito di cittadini russi,  polacchi e poi romeni .
            Oggi a Ladispoli si contano 7000 stranieri. All’interno del Comune vi e’ un consigliere comunale romeno che si occupa di integrazione, vi e’ una comunita’ ortodossa romena, le politiche scolastiche e sociali sono volte al sostegno delle attivita’ educative sia con contributi pubblici che con organizzazioni di eventi e manifestazioni.
            La famosa festa dell’Intercultura che dal 1990  ha celebrato per 17 anni il raggiungimento degli obiettivi di una vera integrazione scolastica e sociale degli alunni italiani e stranieri, ha sempre goduto dell’appoggio e della presenza dei sindaci e degli amministratori locali ,provinciali e regionali , nonche’ della considerazione dell’ufficio scolastico e del MIUR .
            Il corso di LCCR nell’anno 2013 è stato esportato sul litorale nella citta’ di Civitavecchia, dove la dirigenza dell’I.C. Flavioni ha favorito l’introduzione del corso per gli alunni romeni della città.
            Possiamo concludere  sottolineando che non  c’è  una ricetta precisa  per la diffusione dei corsi, ma gli ingredienti sono fondamentali :
-          AMORE PER IL PROPRIO LAVORO,in questo caso la passione che ha mosso la professoressa ANGELA NICOARA  sin dall’inizio del suo percorso
-          DETERMINAZIONE nonostante gli ostacoli e le avversita’ spesso costituiti dalla burocrazia e dall’applicazione delle circolari
-          ANDARE OLTRE  IL PROGRAMMA che e’ il vero nemico della sperimentazione educativa e didattica.
-          Rompere IL MURO dell’IGNORANZA, IN TERMINI DI NON SAPERE attraverso la conoscenza diretta possiamo superare  le paure e  i pregiudizi : ci piace la storia del castello in Transilvania e di Dracula e allora perche’ non accetto l’amico di mio figlio che e’ romeno
-          Creare  NUOVI PERCORSI MULTICULTURALI E PLURILINGUE al fine di vivere bene nelle classi con alunni stranieri, ormai cittadini italiani sperando che un domani la vera integrazione sia alla base delle relazioni umane e della crescita del nostro paese.
            Oggi il progetto LCCR e’ portato avanti negli I.C.  di Ladispoli 1 e Melone anche grazie al sostegno dell’attuale dirigenza del prof.Agresti che ha stimolato la docente Angela Nicoara a continuare nonostante le avversità dovute spesso alla burocrazia e  alle difficolta’ oggettive, sollecitando docenti e genitori ad una riflessione più accesa sul tema della vera integrazione e degli insegnamento opzionali del LLCR  nelle classi. Quest’ultima proposta in via di sperimentazione nelle attuali classi diventera’ sicuramente oggetto di studio e di innovazione educativa e didattica .
            A Ladispoli si e’ cominciato cosi’ …………………. ed  ora tocca a voi.                                  

Ladispoli, 17  febbraio 2017                      Nicoletta Iacomelli                                                              


LCCR, UNA INTEGRAZIONE COMPLETA E PROFONDA
LCCR, O INTEGRARE COMPLETĂ ȘI PROFUNDĂ

 Dirigente Scolastico, Prof.ssa MARISA MARCHIZZA

 Istituto Comprensivo “Olga Rovere”, Rignano Flaminio

             Questo Istituto ha aderito al progetto di insegnamento di “Lingua, Cultura e Civiltà Romena” dall’a.s. 2010/2011.
            I docenti che vi si sono avvicendati – in ordine cronologico: ins. Popa Costel, ins. Amarine Alina e ins. Ghiurca Manuela – hanno contribuito positivamente alla riuscita del progetto stesso.
            A questo proposito, è doveroso rivolgere un particolare riconoscimento proprio all’ins. Ghiurca, giunta in sostituzione dell’ins. Amarine a metà dell’a.s. 2015/2016, la quale ha dato un ulteriore impulso e dinamismo alle attività didattiche. Grazie a lei, nel corso del corrente a.s. 2016/2017 è stato attivato l’insegnamento non solo per gli alunni della scuola primaria, ma anche per quelli della scuola dell’infanzia, con notevole incremento del numero dei partecipanti. Numerosi ed espliciti sono stati i consensi da parte delle famiglie.
             Le intese tra i Ministeri dell’istruzione dei paesi dell’Unione Europea possono favorire una integrazione completa e profonda tra i popoli dell’Unione stessa. L’intesa tra Italia e Romania ha prodotto un esempio che a noi risulta tra i più riusciti: il progetto di insegnamento di “Lingua Cultura e Civiltà Rumena”.
                                                                           
                                                   Dirigente Scolastico
                                                  Prof.ssa Marisa Marchizza



LCCR - VIAGGIO ALLA SCOPERTA DELL’ALTRO
LCCR – CĂLĂTORIE SPRE DESCOPERIREA CELUILALT

Dirigente Scolastico, Prof.ssa DANIELA MONACO

IstitutoComprensivo Nuovo Ponte Di Nona
           
            A partire da questo anno scolastico 2016-2017 il nostro Istituto ha aderito al Progetto LCCR, al fine di tutelare l’identità linguistica e culturale dei bambini e dei ragazzi di origine romena che vivono nel nostro quartiere e che frequentano il nostro Istituto, e di promuovere la conoscenza della lingua, della cultura e delle tradizioni romene. Riteniamo, infatti, che la conoscenza sia il primo passo per favorire l’incontro e l’interazione tra culture diverse all’interno di un processo di integrazione che non sia finalizzato all’assimilazione alla cultura di accoglienza, ma al mantenimento e al rispetto della propria identità linguistica e culturale. La conoscenza è la via maestra per realizzare un’educazione interculturale che vada oltre l’idea di multiculturalità come coesistenza di differenti culture e che si riduce alla gestione di classi multietniche, all’organizzazione di corsi di italiano come lingua seconda, all’allestimento di spazi con materiali e strumenti multiculturali, all’elaborazione di protocolli di accoglienza …
            Queste attività creano solo le precondizioni per fare interculturalità che richiede l’attivazione di strategie educative e metodi didattici che a partire dal patrimonio della propria tradizione culturale aprano i confini della mente e del cuore al dialogo, al confronto e all’accoglienza dell’altro per creare nuove sintesi e prospettive culturali. Antonio Nanni, pedagogista del CEM (Centro Educazione alla Mondialità), indica l’educazione interculturale come dimensione trasversale del curricolo che trova i suoi punti di forza nella“narrazione”, nella “decostruzione” e nel “decentramento”.
            Il metodo narrativo è una delle metodologie più efficaci poiché la narrazione permette la ricostruzione della propria storia personale, generando empatia tra chi narra e chi ascolta attraverso il racconto di una fiaba o di un viaggio, un gioco, un piatto tipico, un “oggetto parlante”… . Si tratta di un metodo coinvolgente che permette ad adulti e bambini di esprimersi non tanto per produrre contenuti culturali, quanto per educare narrando all’accoglienza dell’altro attraverso l’ascolto e lo scambio di valori culturali. Il contesto relazionale che crea la narrazione facilita altri due processi quali la comparazione e la decostruzione del pregiudizio e degli stereotipi: da una parte, infatti, è possibile educare al confronto dei punti di vista su una medesima realtà; e dall’altra si promuove lo sviluppo del pensiero critico-costruttivo educando la capacità di mettere in discussione le proprie idee e convinzioni. Ciò significa far crescere la capacità di decentrarsi dal proprio punto di vista, superando l’idea che sia l’unico possibile e riconoscendo che sia “uno” fra molti. A tal fine la scuola deve caratterizzarsi come luogo di incontro e di confronto attraverso attività che favoriscano il lavoro di gruppo piuttosto che il lavoro individuale, l’ascolto reciproco piuttosto che la lezione frontale, contesti flessibili di apprendimento piuttosto che rigidi percorsi prestrutturati. In tal modo si consente ai bambini e ai ragazzi di fare esercizio di democrazia, formando un habitus mentale e comportamentale di collaborazione che aiuta a scoprire il valore dell’altro in una serena accettazione dei propri limiti e dei propri errori.
            I nostri alunni hanno bisogno di essere accompagnati nel percorso di maturazione affettiva, ancor prima che sul piano della conoscenza, per acquisire sicurezza interiore e rendersi disponibili al confronto con gli altri, da cui nasce quella “contaminazione culturale” che attraverso lo scambio diventa la vera ricchezza dell’umanità. In tal senso la pedagogia del gesto mantiene tutta la sua efficacia educativa attraverso la progettazione di iniziative e azioni che diano valore educativo al “gesto” come immediata forma di comunicazione che può aiutare a mettersi in gioco e a coinvolgersi in modo diretto. Tutto ciò descrive in maniera molto sintetica gli obiettivi di un lavoro educativo importante, fondamentale, che quotidianamente va fatto nelle classi attraverso percorsi curricolari trasversali alle discipline e nell’extracurricolare ampliando l’offerta formativa con progetti che coinvolgano tutti gli alunni, non solo romeni, in percorsi specifici come quello rappresentato dal Progetto LCCR.
            Pertanto, rivolgo il mio ringraziamento al Prof. Ilie Ursachi per il lavoro che sta svolgendo nel nostro Istituto, auspicando che possa continuare anche al fine di consolidare il rapporto di costruttiva collaborazione avviato.                                                                                
   Prof.ssa Daniela Monaco
                                                
                                          


LA MIA TRADIZIONE È LA TUA TRADIZIONE

Dirigente Scolastico, Prof. ROBERTO MONDELLI

Istituto Comprensivo Civitavecchia 2, Civitavecchia, Lazio - Italia
           
            Nella nostra scuola che comprende Infanzia, Primaria e Secondaria di Primo Grado frequentano 1415 alunni di cui 165 sono romeni, alcuni nati in Italia altri no. Per questo già da quattro anni abbiamo richiesto e portiamo avanti il progetto LCCR che Angela Nicoara è riuscita a fare approvare dal Ministero della Pubblica Istruzione Romeno e dal Istituto della Lingua Romena di Bucarest.
             Il suo successo ha fatto sì che sia diventato una necessità visto la realtà della comunità romena presente nel territorio e le nuove direttive Europee. Il programma LCCR si rivolge a tutti gli alunni del nostro Istituto che desiderano seguire il corso opzionale di cultura e civiltà romena durante il percorso scolastico. Gli obiettivi LCCR coincidono con i nostri obiettivi quadro riguardante il plurilinguismo e multiculturalismo nelle scuole non che sviluppare negli allievi un atteggiamento positivo nei confronti di sé stesso e degli altri. Garantiamo la logistica per lo svolgimento del corso in un’Aula della scuola dotata con la Lavagna Interattiva Multimediale (LIM) in cui si apprende con i metodi attivi, partecipativi e tecniche moderne centrate sull’alunno. È garantito l’accesso al Teatro Flavioni dell’Istituto per gli incontri di promozione e attività extracurriculari.
            I metodi interattivi di insegnamento della lingua e cultura romena con la matematica e tecniche montessoriane e gli ottimi risultati raggiunti hanno portato alla decisione di ospitare nella Scuola “F. Flavioni” di Civitavecchia anche l’iscrizione degli alunni provenienti dagli altri Istituti della città.
            Le attività LCCR concordano con logica social inclusiva del nostro Istituto che mira al perseguimento del bene comune con il coinvolgimento degli stakeholders per il raggiungimento di obiettivi complessi e ambiziosi della riforma educativo-culturale e puntiamo l’attenzione sull’educazione alla prosocialità.
            Le attività e la vita nella scuola è stata ripresa nella stampa locale e anche nella stampa romena: 
www.terzobinario.it/ladispoli-si-festeggia-10-anno-insegnamento-lingua-civilta-romena/102316   
            Gli alunni portano nell’Istituto, insieme ai genitori, delle tradizioni della loro zona di provenienza, le abitudini, canzoni e poesie dei grandi scrittori romeni contemporanei e non. Tutto viene espresso anche in italiano per la conoscenza e la partecipazione degli allievi e docenti italiani. I corsi LCCR riscotono un ottimo successo e sono apprezzati dai docenti e dai genitori. Gli stessi sono stati inseriti nelle attività previste da uno dei piani di miglioramento di istituto suggeriti dal progetto ministeriale VALES (Valutazione e Sviluppo della Scuola) contribuendo ad incrementare la partecipazione dei genitori alla vita scolastica.
            Nell’ottica di scambio e reciproca conoscenza nel 2015 abbiamo ospitato un gruppo di 15 docenti romeni provenienti da quattro regioni della Romania: Timis, Maramures, Caras Severin e Neamt, coordinatori di classe in 8 scuole partner, coinvolti nel progetto europeo Leonardo da Vinci (LLP-LdV/PM) incluso nel programma europeo Lifelong Learning Programme intitolato “Profesor format & elev motivat- progres școlar și profesional asigurat/ Professore formato & allievo motivato- progresso scolastico e professionale assicurato”. La collaborazione con docenti europei e la presenza di insegnante di madre lingua aiuta nella mediazione e nel coinvolgimento delle famiglie nella vita scolastica.
            Dall’esperienza avuta in questi anni pensiamo che sarebbe più appropriato introdurre le ore di corso LCCR per i bambini come attività curricolare alternativa alle diverse materie opzionale che da anni proponiamo nel nostro POF.
            Auguriamo che il nostro esempio sia seguito dagli altri istituti del territorio inclusi quelli di istruzione superiore in modo da garantire continuità all’azione educativa, anche agli alunni in età adolescenziale.                                                                                           Civitavecchia, 18 marzo 2017

TRADIȚIA MEA E TRADIȚIA TA

Dirigente Scolastico, Prof. ROBERTO MONDELLI
Istituto Comprensivo Civitavecchia 2, Civitavecchia, Lazio - Italia
           
            În şcoala noastră învaţă, la Grădiniţă, clasele primare şi Gimnaziu, 1415 elevi dintre care 165 sunt români, iar majoritatea dintre ei sunt născuţi în Italia. Numărul mare al elevilor cu origini în România ne-a determinat să cerem și să organizăm cursuri de limbă, cultură şi civilizaţie românească, proiect pentru care Profesoara Angela Nicoară a reuşit de patru ani să obținǎ aprobarea forurilor educaţionale din România, Ministerul Educatiei și Institutul Limbii Romȃne din București.
            Succesul proiectului în rândul elevilor a devenit şi o necesitate dacă ţinem cont de realitatea comunităţii româneşti prezentă în teritoriu şi de noile directive europene. Programa LCCR se adresează tuturor elevilor din institutul nostru care doresc să urmeze cursul opțional de limbă, cultură şi civilizaţie românească pe durata şcolarizării. Obiectivele LCCR coincid cu obiectivele-cadru ale școlii noastre privind plurilingvismul şi multicultura şi dezvoltarea unei atitudini pozitive a elevului atât faţă de sine, dar şi faţă de alţii. Garantăm logistica pentru desfăşurarea cursului în Aula şcolii cu Tabla Inteligenta (LIM) şi în care se învaţă cu metode activ-participative şi tehnici moderne centrate pe elev. Este admis accesul liber in Teatrul Flavioni al şcolii pentru întâlnirile de promovare şi activităţi extracurriculare.
            Metodele interactive de predare-învăţare a limbii şi culturii române cu matematica şi tehnici montessoriene și rezultatele optime obținute ne-au determinat să luăm decizia de a găzdui în Şcoala F. Flavioni din Civitavecchia şi elevii care provin din alte şcoli din teritoriu.
            Activităţile LCCR respectă linia şi metodica social-incluzivă aplicată la instituţia noastră care are ca ţintă binele comun realizat cu ajutorul tuturor stakeholders pentru atingerea obiectivelor complexe şi ambiţioase ale reformei educativ-culturale punând atenția pe educaţia prosocială.
            Activităţile şi manifestările din şcoala noastră au fost publicate în presa locală din Italia şi România: 
             Elevii împreună cu părinţii fac cunoscute în şcoala noastră tradiţiile din zona de unde provin din România, obiceiuri, cântece şi poezii ale marilor poeţi români. Totul este prezentat şi în limba italiană pentru a fi înţeles de elevii şi cadrele didactice italiene. Cursurile LCCR se bucură de un mare succes şi sunt apreciate de profesori şi părinţi. Aceștia au fost incluşi în diferite activităţi prevăzute în planul de îmbunătăţire a imaginii școlii și de proiectul ministerial VALES (Evaluarea si Dezvoltarea Şcolilor), contribuind astfel la o creştere a implicării părinţilor în viaţa şcolară.
            Ȋn virtutea cunoaşterii reciproce şi a schimbului de experienţă, în anul 2015 am găzduit un grup de 15 cadre didactice din patru regiuni din România: Timiş, Maramureş, Caraş Severin şi Neamţ, diriginţi din opt şcoli, în cadrul proiectul european Leonardo da Vinci (LLP-LdV/PM) inclus în programul european Lifelong Learning Programme intitulat “Profesor format & elev motivat - progres școlar și profesional asigurat/ Professore formato & allievo motivato- progresso scolastico e professionale assicurato”. Colaborarea cu cadre didactice europene dar şi cu un profesor de limbǎ maternǎ ajută în mediere şi în implicarea familiior în procesul educativ.
            Din experienţa avută în aceşti ani, considerăm că ar fi potrivit să se introducă orele de curs LCCR pentru copii ca ativitate curriculară altenativă cu diferitele materii opţionale, propunere pe care de altfel o susţinem de ani de zile în POF-ul nostru (Planul de Ofertă Formativă).
            Dorim ca exemplul nostru să fie urmat şi de celelalte şcoli din zonă, inclusiv liceele, în aşa fel încât să putem garanta şi realiza continuitatea acţiunii educative şi pentru elevii de vârstă adolescentă.

Civitavecchia, 18 martie 2017

LCCR 2007 – 2017, ZECE ANI DE ISTORIE, DIALOG ȘI PASIUNE
DIECI ANNI DI STORIA, DIALOGO E PASSIONE

Prof.ssa LCCR NICOARA ANGELA

Istituto Comprensivo „Ladispoli 1”
I. C.  „Corrado Melone”, Ladispoli
Istituto Comprensivo „Civitavecchia 2”

            Ȋn aceste zile sărbătorim, prin diferite activitati,  al zecelea an al Proiectului Internațional de Limbă, Cultură și Civilizație Romȃnească, LCCR, ȋn școlile din Europa.
Ȋn 26 martie la Milano, cadre didactice LCCR au desfășurat cu succes acțiunea cu tema: IMPACTUL EDUCATIV  ŞI SOCIAL  AL CURSULUI  LCCR ÎN  ŞCOLILE, FAMILIILE  si in COMUNITĂŢILE DIN LOMBARDIA.
În 30 martie 2017, Accademia   Romană din  Roma găzduiește  Programul aniversar  cu tema: IMPORTANŢA PROIECTULUI LCCR ŞI DRUMUL LUNG AL INTEGRĂRII: PASIUNE, EMOŢII ŞI DIDACTICĂ.
În 31 martie, la Udine, se va desfășura simpozionul: METODE  ACTIV-PARTICIPATIVE  ÎN  LECŢIILE  DE  LIMBĂ.
In questi giorni stiamo evidenziando, con diverse attività, il 10° anno del Progetto di insegnamento della Lingua, Cultura e Civiltà Romena, LCCR, nelle scuole dell’Europa.
Il 26 marzo a Milano, docenti LCCR hanno svolto con successo l’attività col tema: L’IMPATTO EDUCATIVO E SOCIALE DEL PROGETTO LCCR NELLE SCUOLE, FAMIGLIE E NELLE COMUNITÀ DI LOMBARDIA.
Il 30 marzo 2017 Accademia di Romania in Roma ospita il Programma dell’anniversario con il tema: “L’IMPORTANZA DEL PROGETTO LCCR E IL LUNGO CAMMINO DELL’INTEGRAZIONE: PASSIONE, EMOZIONI E DIDATTICA” con il coinvolgimento dei Dirigenti Scolasticie degli allievi di diversi Istituti.
Il 31 marzo a Udine si svolgerà il Simposio con il tema: METODI ATTIVO-PARTECIPATIVI (DIDATTICA ATTIVA)NELL’INSEGNAMENTO DELLA LINGUA.
Nu putem vorbi despre cursul LCCR fără să amintim  anul 2007 ca un an istoric pentru învăţămantul românesc cȃnd  limba română a devenit o limbă de şcolarizare şi disciplină de studiu în afara graniţelor ţării. Proiectul de început urmărea menţinerea bilingvismului în rândul populaţiei migrante şi ca element de bogăţie culturală, dar cu trecerea anilor cursul s-a adaptat la exigenţele copiilor din  şcoli. În prezent proiectul se adresează tuturor copiilor, de la grădiniţă la liceu, mai ales că mulţi dintre ei sunt născuţi în Italia cu cel puţin un părinte român. In 2007 cursul a fost gazduit de scoli din Lazio, Piemont și Veneto cu participarea a aproape 200 de elevi iar ȋn prezent activități de promovare a limbii și culturii romȃnești se regăsesc ȋn școli de pe tot cuprinsul Italiei iar participarea atinge 5000 de elevi.
Non possiamo parlare del corso LCCR senza ricordare il 2007 come un anno storico per l’insegnamento della lingua romena: è stato allora infatti che questa lingua è divenuta parte integrante di un percorso di scolarizzazione ed una disciplina di studio anche al di fuori della Romania. Iniziato come un progetto che mira al mantenimento del bilinguismo nelle popolazioni migranti e un elemento di arricchimento culturale, con il passare del tempo questo progetto è stato adattato alle esigenze riscontrate nelle scuole. Adesso si rivolge a tutti i bambini, dall’infanzia al liceo, soprattutto perché molti di loro sono nati in Italia da almeno un genitore romeno. Nel 2007 il corso e stato ospitato nelle scuole del Lazio, Piemonte e Veneto con una partecipazione che non superava 200 bambini ed ora le attività di promozione della lingua e cultura romena si ritrovano nelle scuole su tutto il territorio italiano con la partecipazione di circa 5000 alunni.
Aș putea spune, bazȃndu-mă pe date concrete, că participarea a fost mulțumitoare şi mereu ȋn creștere. Ladispoli este orașul ȋn care cursurile de limbă și cultură română sunt integrate in programul curricular iar pentru gimnaziu ȋn grupe după programul școlar.
Ca noutate, dar şi ca un exemplu de deschidere pentru promovarea limbii române este Istituto  Comprensivo “Ladispoli 1” unde ȋncă din 2004, sub conducerea Directorului Nicolò Accardo, am avut bucuria şi plăcerea să lucrez cu 104 de copii de grădiniță și primară organizați ȋn șase grupe.     
La partecipazione al corso, mi sembra si possa dire basandosi su fatti concreti, è stata molto soddisfacente, in continua crescita. Ladispoli rimane la città in cui i corsi di lingua e cultura romena sono ospitati nelle classi in orario curricolare in contemporanea con diversi gruppi in orario pomeridiano. Come novità ma anche come modello di apertura nella promozione della lingua romena è l’Istituto Comprensivo “Ladispoli 1” già dal 2004, sotto il coordinamento del Dirigente Scolastico Nicolò Accardo, ho avuto il privilegio di lavorare con 104 bambini dell’infanzia e primaria organizzati in 6 gruppi.
Obiectivele propuse de programa interdisciplinară LCCR, de altfel complementare programei școlare interculturale din școli, au fost atinse. Acestea respectă Cadrul Comun European (QCE) și constau în dezvoltarea competenţelor de comunicare orală şi scrisă în limba română (maternă, pentru multi elevi), precum şi familiarizarea sau consolidarea, după caz, a noţiunilor de cultură şi civilizaţie specifice României. Totodată, acest curriculum doreşte să motiveze elevii români în conştientizarea identităţii naţionale proprii, precum şi pentru integrarea culturală în spaţiul european.
Gli obbiettivi proposti dal programma didattico interdisciplinare LCCR e complementari al programma interculturale della scuola sono stati raggiunti. Gli obiettivi centrali rispettano il Quadro Comune Europeo (QCE) e mirano a sviluppare le competenze di comunicazione orale e scritta nella lingua romena (lingua madre per molti alunni), nonché a rendere familiari o consolidare quelle nozioni di cultura e civiltà caratteristiche per la Romania. Nello stesso tempo questo curriculum vuole motivare gli alunni romeni a diventare consapevoli della propria identità nazionale, nonché a integrarsi culturalmente, nello spazio europeo.
Predarea limbii române  în  clase/grupe mixte presupune lucru simultan, pe nivele de vârstǎ şi competenţe urmând diferite etape. Dar metoda de predare a cursului LCCR privită din punct de vedere funcţional şi structural poate fi considerată drept un model sau un ansamblu organizat al procedeelor sau modurilor de realizare practică a operaţiilor care stau la baza acţiunilor parcurse în comun de profesori şi elevi. Acestea conduc în mod planificat (programat) şi eficace la realizarea scopurilor propuse.
Insegnare la lingua romena nelle classi/gruppi misti presume lavoro contemporaneo su livelli di età e competenze seguendo diversi tappe. Ma il metodo dal punto di vista funzionale e strutturale può essere considerato un modello o un insieme organizzato di procedure o modi di realizzazione pratica di operazioni che stanno alla base delle azioni svolte in comune dal docente e dagli allievi. Questi, i metodi, conducono in modo pianificato (programmato) e efficace alla realizzazione dei scopi proposti.
Personal am optat pentru metoda predarii-învǎţǎrii limbii cu matematica folosind funcţiile lingvistice asociate operaţiilor cu mulţimi, cu tehnici și modele de exerciţii experimentate ȋn practica montessoriană. Metodele activ – participative dinamizează procesul de învăţare şi motivează elevii dar trebuie utilizate cu prudenţă şi cu un control permanent al raportului timp/lucru/obiective.
Personalmente ho optato per il metodo di insegnamento-apprendimento della lingua con la matematica usando le funzioni linguistiche associate alle operazioni con l’insiemi. I metodi attivi e partecipativi dinamizzano il processo di apprendimento e motivano gli alunni ma devono essere utilizzati con prudenza e permanente controllo del rapporto tempo/lavoro/obiettivi.
Ȋn fiecare an au fost ȋnmȃnate diplomele și adeverințele de studii pregătite de Institutul Limbii Romȃne din București și premii speciale pentru elevii merituoși.  La fel sunt ȋncununați elevii din clasa I cu coroniţe de flori, respectȃnd astfel o veche tradiție care și astăzi este păstrată și respectată ȋn Romȃnia. A devenit o tradiție să sărbătorim Ziua Internațională a Copilului in Aula Consiliului local din Ladispoli, care pentru multe țări, printre care și Romȃnia este 1 iunie.
Ogni anno sono stati consegnati i diplomi, gli attestati mandati dall’Istituto della Lingua Romena di Bucarest e i premi speciali agli allievi meritevoli. Sono sempre stati incoronati i bambini della prima elementare, così abbiamo rispettato un’antica tradizione che viene ancora conservata in Romania. È diventata una tradizione festeggiare nell’Aula Consiliare di Ladispoli  anche la Giornata Internazionale del Bambino che per molti paesi, tra cui la Romania, si celebra il 1 giugno.
De la naștere „puiul de om” caută prezenta adulţilor, plânge dacă nu este ținut ȋn brațe. De la cei care-l cresc și iubesc copilul ȋnvată să vorbească, să gȃndească, să iubească, să se apere, să respecte. Ȋn Biblie se arată cȃt de mult ȋși doreau copii familiile care nu erau binecuvântate cu prunci. Şi chiar erau considerați copiii o binecuvȃntare dumnezească iar pierderea unui copil era o nenorocire. Tot ȋn Biblie sunt prezentate relațiile dintre părinți și copii, relațiile dintre frați iar respectul datorat părinților este una dintre cele zece porunci. Poporul român s-a născut creştin. Ideile fundamentale ale creştinismului, iubirea aproapelui și teama  de a nu-l dezamăgi/supăra pe Dumnezeu au fost transmise copiilor împreună cu dragostea de neam şi ţară şi respectul față de strămoşi. Domnitorul Alexandru Ioan Cuza a despărțit ȋnvățămȃntul de biserică și a introdus obligativitatea și gratuitatea primelor clase, ȋn 1859. Bazele ȋnvățămȃntului modern au fost puse de Spiru Haret, ministru al Instrucției Publice ȋntre anii 1897 – 1910. Sistemul de învăţământ s-a schimbat şi perfecţionat de-a lungul timpului. Ca şi viaţa copiilor de altfel, dar  un lucru nu s-a modificat,  principala  îndatorire  a copiilor: ȋnvățătura.
Fin dalla nascita il “piccolo uomo” cerca la presenza degli adulti. Da coloro che lo crescono e lo amano il bimbo impara a parlare, ragionare, amare, a difendersi e a rispettare. La Bibbia offre molti esempi di relazioni tra genitori e figli, tra fratelli. Per questa ragione il rispetto per i genitori è proprio uno dei dieci comandamenti. Il popolo romeno è nato cristiano. Le idee fondamentali del cristianesimo: amore per il prossimo, venerazione di Dio sono state trasmesse ai figli insieme all’amore per la patria e all’ammirazione per gli antenati. Il principe Alexandru Ioan Cuza trasferì l’insegnamento dalla chiesa e istituì le scuole statali. Le prime classi diventarono obbligatorie e gratuite già dal 1859. Le basi dell‘insegnamento romeno moderno furono messe da Spiru Haret, il ministro dell’Istruzione Pubblica dal 1897 al 1910. La vita dei bimbi è in uno continuo cambiamento, però il loro principale dovere è studiare.
Amintim faptul că 191 de state au semnat ȋn 20 noiembrie 1989 ”Convenția cu privire la drepturile copilului” ȋn care le-au fost recunoscute copiilor drepturi și libertăți. Dreptul la viață, dreptul la ȋnvățătură, la asigurarea sănătății, libertatea de a spune ce gȃndesc, libertatea credinței religioase. Articolul 29, litera c) sintetizează chiar sensul muncii noastre: „Educarea copilului ȋn spiritul respectului față de părinții săi, față de limba sa, de identitatea și valorile sale culturale, față de valorile naționale ale țării ȋn care acesta locuiește, ale țării de origine precum și față de civilizații diferite de a sa”.
Ricordiamo qui il fatto che 191 stati hanno firmato nel 20 novembre 1989 la Convenzione dell’ONU sui diritti del fanciullo in cui sono riconosciuti: il diritto alla vita, diritto allo studio, alla sanità, la libertà di esprimere ciò che pensano, la libertà religiosa. Le parole dell’articolo 29 lettera c) sintetizzano proprio il senso del nostro lavoro: L’educazione del fanciullo deve avere come finalità il rispetto dei suoi genitori, della sua identità, della sua lingua e dei suoi valori culturali, nonché il rispetto dei valori nazionali del paese nel quale vive, del paese di cui può essere originario e delle civiltà diverse dalla sua.
            Ȋn pofida acestor fapte și respectȃnd directivele europene, Ministrul Cristian Adomniței a semnat ȋn 25 august 2007 Declarația de Intenție prin care s-a pus ȋn lucru acordul bilateral cu Ministrul Giuseppe Fioroni, ȋn funcție de care cursurile LCCR s-au aplicat din acel an în Italia și Spania. De atunci sub ȋndrumarea atentă și profesională a Doamnei Profesor Corina Chertes, Director al Institutului Limbii Romȃne din București, este promovată limba, cultura și civilizația romȃnească ȋn școli din țările membre ale Uniunii Europene. După modelul aplicat în Italia şi Spania, cursul s-a extins şi in Portugalia, Țările de Jos, Irlanda.
            Nel rispetto di questo e delle direttive europee, il ministro Cristian Adomnitei ha firmato nel 25 agosto 2007 La Dichiarazione d’Intenti in accordo bilaterale con il ministro della Pubblica Istruzione italiano Giuseppe Fioroni dalla quale viene implementato dal settembre 2007 il corso LCCR. Lo stesso accordo prende via anche in Spagna. Con la guida professionale e tenace della Direttrice dell’Istituto della Lingua Romena di Bucarest, Prof.ssa Corina Chertes il corso si e esteso in Portogallo, Paesi Bassi, Irlanda.
După experiența acumulată ȋn ani am reușit să mărim numărul activităților extracurs. Amintim serbările de Crăciun, cele organizate de 1 si 8 martie, de Paști ȋn toate școlile, participările la diferite alte proiecte propuse ȋn POF-ul școlilor care găzduiesc cursul LCCR cum ar fi serbări interculturale, laboratoare-ateliere, concursuri, expoziții. A fost mărit numărul cărților ȋn limba romȃnă și bilingve ȋn Biblioteca “Ion Codru Drăgușanu” care funcționează ȋn Şcoala “G. Falcone” din donații de la Ministerul romȃnesc. Ȋn plus doresc să amintesc faptul că in acești ani am reusit sa implementez cursul LCCR in alte diverse școli din Lazio: IC “Ladispoli 3”, I C “Civitavecchia 2”, I C “L. Campanari”, Monterotondo.
Con l’esperienza degli anni precedenti abbiamo aumentato le iniziative extrascolastiche. Ricordiamo le recite di Natale, il 1 e l’8 Marzo, la Pasqua in tutte le scuole, la partecipazione ai diversi progetti proposti ed inseriti nei POF degli istituti: feste interculturali, laboratori, concorsi, mostre. È aumentato il numero dei libri romeni e bilingue della Biblioteca “Ion Codru Dragusanu” che funziona nella scuola “G. Falcone” grazie alle donazioni del Ministero romeno. Inoltre ricordo che negli anni, con il sopporto delle scuole ho implementato il corso LCCR in diversi altri Istituti Compresivi del Lazio: Ladispoli 3, Civitavecchia 2, L. Campanari-Monterotondo.
Munca noastră a fost lăudată ȋn presa italiană, romȃnească și străină prin articole publicate ȋn Franța și Elveția, a fost transmisă la Radio Romȃnia Actualități și pe diferite canale de televiziune SKY, TVR, DIGI 24-București, TVR Internațional, ca model de integrare și inteculturalitate. La toate activitățile participă ȋn mod activ părinții elevilor. Suntem susținuți și colaborăm cu bune rezultate cu instituțiile și asociațiile din teritoriu. Un sprijin deosebit ȋl dovedesc bisericile romȃnești ortodoxă și catolică  cu care organizăm ȋntȃlniri periodice și prezentări ale sărbătorilor care fac parte din cultura poporului romȃn.
Le nostre attività sono state lodate dalla stampa romena e italiana e le riprese avvenute nel primo istituto sono andate in onda su SKY canale 141 Babele, DIGI 24-Bucarest, TVR International, Radio Romania Actualitati come modello dell’integrazione e interculturalità. A tutte le attività partecipano in modo attivo i genitori. Siamo sostenuti e collaboriamo con buoni risultati con le istituzioni e associazioni del territorio. Un sopporto particolare lo dimostrano le chiese romene ortodossa e cattolica con le quali organizziamo incontri periodici e presentazioni delle feste che caratterizzano la cultura del popolo romeno.
Integrarea diferențelor și a diversității ȋn școală, ȋn cazul nostru ȋn școala italiană, a produs ȋn timp documente și metode de incluziune și educare la democraţie. Şcoala garantează egalitatea civică afirmată chiar ȋn articolul 3 al Constituției italiene: “Toți cetățenii au paritate socială și sunt egali ȋn fața legii…” iar cadrele didactice LCCR au aplicat metode de educare și instruire în scopul integrării și incluziunii ca fruct al vastei lor experiențe didactice. Experiența profesorilor LCCR și dăruirea lor pe parcursul celor 10 ani au făcut din munca lor educativă un succes pentru  școlile europene care a evidențiat formarea interculturală.  S-a promovat cultura conviețuirii proiectată și costruită cu o curriculă și o metodologie didactică interdisciplinară care permite elevilor să experimenteze concret dialogul și practica democratică. O revizie  interculturală a educației a implicat o serioasă explorare a curriculei “ascunse” date de atmosfera din școli (cu atitudini, valori, alegeri, modalități relaționale) și de stilurile educative ale cadrelor didactice  si modalitățile cu care gestionează situații noi, conflicte ȋn clase.
L’integrazione delle differenze e delle diversità nella scuola, nel nostro caso nella scuola italiana, ha prodotto nel tempo documenti e metodi di inclusione e di educazione alla democrazia. La scuola garantisce l’eguaglianza civica affermata dall’articolo 3 della costituzione italiana: “Tutti i cittadini hanno parità sociale e sono eguali davanti alla legge …” e i docenti possono intraprendere metodi di educare e di istruzione per integrazione e inclusione come frutto dell’esperienza didattica. L’esperienza degli insegnanti LCCR e la loro passione espressa in questi 10 anni in modo particolare, hanno dato frutto nelle scuole italiane e hanno evidenziato la formazione interculturale con una concreta impostazione di lavoro educativo costruita con un curriculum e una metodologia didattica interculturale che permette agli alunni di sperimentare concretamente l’attività dialogica e la pratica democratica. Una revisione interculturale dell’educazione implica una seria esplorazione del curricolo”nascosto” date dal clima scolastico (atteggiamenti, valori, scelte, modalità relazionali) e degli stili educativi degli insegnanti e le loro modalità con cui gestiscono le situazioni conflittuali in classe.
            Toată munca noastră a fost posibilă cu ajutorul dat de autoritatile competente.
            Multumim tuturor și fiecăruia ȋn parte pentru susținere și dialog.
            Mulțumesc tuturor elevilor pentru entuziasmul și spontaneitatea cu care participă la cursuri. Şi nu în ultimul rând mulţumesc  părinților  pentru ajutor, prezența și afecțiune.
Tutto il nostro lavoro è stato reso possibile dal supporto che ci è stato dato dalle autorità competenti.
A tutti ed a ciascuno un particolare ringraziamento per il sostegno ed il dialogo. Ringrazio tutti gli alunni per la loro spontanea e entusiasta partecipazione ai corsi. Ringrazio i loro genitori per il notevole coinvolgimento, presenza ed affetto.

30  martie 2017, Roma                                                                Angela Nicoară



L'IMPORTANZA DEL PROGETTO LCCR E IL LUNGO CAMMINO DELL'INTEGRAZIONE
PASSIONE, EMOZIONI E DIDATTICA
 

Dirigente Scolastico, Prof. MARCO REMIGI

           
            Il Corso di lingua, cultura e civiltà rumena è stato attivato presso il nostro Istituto a partire dall’anno scolastico 2011 – 2012 con sede presso la scuola primaria di Carobbio degli Angeli. L'iniziativa del Ministero dell'Istruzione Rumeno è stata accolta con molto interesse dalla scuola, soprattutto da parte dell’insegnante referente all’ intercultura prof.ssa Giancarla Gavazzeni (in pensione da quest'anno), l'anima organizzativa del corso. Nonostante i vari cambiamenti dell'istituto in questi anni, il corso ha funzionato ininterrottamente con 2 gruppi (nel a.s.2011/2012 e a.s. 2015/2016) o 1 gruppo (a.s. 2013/ 2014, 2014/2015, a.s.2016/2017). I componenti dei gruppi sono variati di anno in anno, quest’anno si è formato un gruppo di 16 bambini provenienti della scuola primaria e dalla scuola dell'infanzia.
Oltre le lezioni in classe, insieme ai bambini si sono allestiti dei saggi da presentare ai genitori in diverse occasioni quali il di Natale (“Colinde, colinde è tempo di colinde!” dove i genitori e gli invitati hanno conosciuto e cantato insieme delle canzoni Natalizie romene), il 1 Marzo (si è confezionato il “martisor” e regalato alle mamme), ogni fine anno al ricevimento dei diplomi (si è festeggiato, presentando ai genitori delle filastroche, canzoni, drammatizzazioni di favole in rumeno). In coincidenza con la festa di fine anno della scuola si sono presentati canti e balli rumeni.
            Colgo l’occasione per ringraziare l’insegnante Joana Marcu, che in questi anni ha sempre coordinato i corsi con tanta passione al fine di diffondere la lingua, la cultura e le tradizioni rumene.
            Cursul de limbă, cultură și civilizație românească a fost activat în institutul nostru începând cu anul școlar 2011-2012, desfășurându-se la școala primară din Carobbio degli Angeli. Inițiativa Ministerului Învățământului din România a fost primită cu mult interes în școala noastră, mai ales de către doamna profesoară responsabilă cu comunicarea interculturală, Giancarla Gavazzeni (la pensie din acest an), sufletul organizator al cursului. În ciuda numeroaselor schimbări ale institutului în acești ani, cursul a funcționat neîntrerrupt cu 2 grupe (în a.șc. 2011/2012 și în a.șc. 2015/2016) sau un grup (a.șc. 2013/2014, 2014/2015, 2016/2017). Componența grupului variază de la an la an, anul acesta s-a format unul de 16 copii provenienți de le școala primară și de la grădiniță.
În afara lecțiilor în clasă, împreună cu copiii s-au organizat serbări prezentate părinților în diverse ocazii, spre exemplu: de Crăciun (”Colinde, colinde e vremea colindelor!”, unde părinții și invitații au cunoscut și cântat împreună cântece românești de Crăciun), 1 Martie (s-au confecționat mărțișoare și li s-au oferit mămicilor), la sfâșit de an când s-au primit diplomele (s-a sărbătorit prezentând părinților poezii, cântece, dramatizări de povești în limba română). Când aceste serbări au coincis cu cele ale școlii la sfârșit de an, s-au prezentat cântece și dansuri românești.
            Profit de ocazie pentu a-i mulțumi doamnei profesoare Ioana Marcu, care în acești ani a coordonat cursurile cu multă pasiune, promovând astfel limba, cultura și tradițiile românești.
                     
                
Gorlago,18 marzo 2017                                                                                 Prof. Marco Remigi
Traduzione in rumeno: Ioana Marcu



PROGETTO LCCR, CONOSCENZA RECIPROCA CHE CI CONSENTE UNA INTEGRAZIONE DI TRADIZIONI, USI E COSTUMI CHE NASCONO DA UNA STESSA MATRICE CULTURALE

PROIECTUL LCCR, CUNOAȘTERE RECIPROCĂ CE PERMITE O INTEGRARE A TRADIȚIILOR ȘI OBICEIURILOR CARE SE NASC DIN ACEEAȘI MATRICE CULTURALĂ

Dirigente Scolastico Prof. GIANFRANCO TROMBETTA

Istituto Comprensivo di Subiaco

            Con molto piacere narrò l’esperienza dei corsi LCCR nell’istituto comprensivo di Subiaco. Nel 2012/13 su segnalazione ed invito di alcuni genitori di origine romena mi sono interessato per chiedere l’attivazione di due corsi nella nostra scuola.
Abbiamo iniziato questa esperienza che ci ha permesso di incontrare e conoscere la comunità romena nel nostro territorio, conoscenza reciproca che ci ha consentito di valorizzare e promuovere iniziative anche extrascolastiche per una integrazione di tradizioni, usi e costumi che nascono da una stessa matrice culturale.
Sono state organizzate feste e cerimonie religiose, quali luoghi di incontro, in cui la comunità romena ha mostrato i costumi tradizionali, il cibo e le tradizioni legate anche agli eventi stagionali o religiosi.
            Molti bambini sono nati in Italia e molti proprio nella nostra città ed a volte è stato sorprendente scoprire che la lingua madre era quasi sconosciuta o alcuni si rifiutavano di utilizzarla quasi fosse un elemento “discriminatorio”.
            I corsi sono stati anche occasione per far conoscere ed incontrare famiglie della stessa comunità romena, provenienti da zone geografiche diverse ma con gli stessi desideri di integrazione, di amore per la famiglia e molta “cura” per l’esperienza scolastica di formazione dei propri figli.
            I bambini/ragazzi di origine romena ottengono, nella quasi totalità dei casi, ottimi risultati scolastici sia per impegno, comportamento ed applicazione nello studio.
Ad oggi molti bambini e ragazzi hanno “scoperto”, grazie ai corsi la lingua, la cultura e la civiltà del loro paese di origine e che molto di questo patrimonio culturale si intreccia con la nostra cultura.
            Oggi più che mai tale esperienza va valorizzata e sostenuta perché i nuovi nati di seconda, terza generazione fanno fatica a riconoscere la storia della propria famiglia e le loro origini.
            Conoscere le propria storia aiuta ad essere cittadini migliori, cittadini europei e del mondo soprattutto in questo anno in cui ricorrono i 60 anni del trattato di Roma sull’europa senza dimenticare che da Subiaco è partito il messaggio benedettino che è al fondamento della cultura europea.
Grazie
Gianfranco Trombetta, D.S. Istituto Comprensivo di Subiaco
Subiaco, 14 marzo 2017




PROGETTO LCCR,  INTERCULTURALITÀ E INTEGRAZIONE

Dirigente Scolastico, Prof.ssa ALBERTINA  RICCIARDI

Istituto Comprensivo “G B Rubini”, Romano Di Lombardia
 
             Il Corso di lingua, cultura e civiltà rumena a Romano Di Lombardia è partito nel 2008 con l'appoggio dell' ispettrice A. Giannellini dell'Ufficio scolastico Provinciale di Bergamo e dei Dirigenti scolastici S. Carfì per la Scuola Secondaria di Primo grado “G.B. Rubini” e “A. Bettinelli per la scuola Primaria “De Amicis”, in collaborazione con la docente del corso Marcu Ioana. L'iniziativa del Ministero Dell'Istruzione Rumeno è stata accolta con molto interesse e si è rivelata un'esperienza unica nelle scuole italiane, soprattutto perché a Romano Di Lombardia la comunità romena è la più numerosa.
             L’obbiettivo del progetto è la tutela dell'identità linguistica e culturale dei bambini di origine romena che vivono oltre le frontiere del paese, la promozione della lingua, della cultura e delle
 tradizioni romene. Dopo la trasformazione di due istituti citati in Istituto Comprensivo “G.B. Rubini” e il successivo arrivo della Dirigente Scolastica A. Ricciardi, in questi anni, il corso ha funzionato ininterottamente con 2 gruppi eterogenei con i bambini dai 6 ai 16 anni. Il numero dei componenti varia da un anno all'altro: quest’anno si è formato un gruppo di 15 bambini della scuola elementare e media e un gruppo della scuola dell'infanzia.
            Negli ultimi due anni, la proposta è stata inserita tra le attività del Piano dell’Offerta Formativa dell’Istituto ed è diventata un’occasione ancora più importante di interculturalità e accoglienza.
Il gruppo di allievi seguito dall’insegnante Ioana Marcu ha sempre lavorato con impegno e diligenza, ha proposto occasioni di festa insieme ed ha preso parte, al termine dello scorso anno scolastico, alla giornata di fine anno con la proposta di divertenti e coinvolgenti danze popolari e momenti di drammatizzazione . Un po’ di Romania è entrata nella nostra scuola con le sue tradizioni e le sue antiche leggende e ci fa compagnia nel festeggiare il Natale o giorni particolari come la festa del Martisor in cui ci siamo fatti un dono beneaguranti, regalandoci piccole spille o braccialetti.
            Non manca comunque la serietà del lavoro: alla fine di ogni anno scolastico la docente Ioana Marcu e la Dirigente Scolastica consegnano insieme i diplomi agli allievi di fronte alle famiglie.
            La ricchezza delle culture è un patrimonio di cui essere fieri. Il mio augurio è che sempre più scuole in Italia si avvicinino a questa opportunità e che altri paesi prendano esempio dalla Romania, affinchè i giovani che abitano in terre di diversa lingua e cultura, possano vivere la nuova realtà potendo condividere con orgoglio le proprie radici.

                                La dirigente scolastica,
                                     Albertina Ricciardi
Romano Di Lombardia, 17 marzo 2017



PROIECTULUI LCCR, INTERCULTURALITATE ŞI INTEGRARE

 

Dirigente Scolastico, Prof.ssa ALBERTINA  RICCIARDI
Istituto Comprensivo “G B Rubini”, Romano Di Lombardia

            Cursul de limbă, cultură și civilizație românească la Romano Di Lombardia a inceput în 2008 cu suținera doamnei inspectoare A.Giannellini de la Inspectoratul Școlar Județean Bergamo și directorii școlilor S. Carfi de la Școala Gimnazială „ G.B.Rubini” și A. Bettinelli de la Școala Primară ”De Amicis”, în colaborare cu profesoara cursului, Marcu Ioana.
            Inițiativa Ministerului Învățământului din România a fost primită cu mult interes și s-a dovedit a fi o experiență unică în școlile italiene, cu atât mai mult cu cât la Romano Di Lombardia comunitatea românească este cea mai numeroasă.
            Obiectivul proiectului este tutelarea identității lingvistice și culturale a copiilor români care trăiesc dincolo de granițele țării, promovarea limbii, culturii și tradițiilor românești. După transformarea celor două institute citate în I.C. ”G.B.RUBINI” și sosirea ulterioară a doamnei directoare A. Ricciardi, în acești ani, cursul a funcționat neîntrerupt cu două grupe eterogene, cu copii de vârste cuprinse între 6 și 16 ani. Componența lor variază de la an la an: în acest an s-a format un grup de 15 elevi din ciclul primar și gimnazial și un grup de copii preșcolari.
            În ultimii doi ani propunerea a fost introdusă printre activitățile Planului de Ofertă Formativă al Institutului, devenind astfel o ocazie și mai importantă pentru inteculturalitate și integrare.
            Grupul de elevi, îndrumat de profesoara lor, Ioana Marcu, a lucrat mereu cu seriozitate și dăruire, a propus ocazii de sărbătoare împreună și a participat, la sfârșitul anului școlar trecut, la ziua porților deschise cu propunerea de a ne învăța distractive și captivante dansuri populare și de a ne prezenta anumite dramatizări de povești/ legende românești. Un pic din România a intrat și în școala noastră cu tradițiile și anticile ei legende și ne însoțește de Crăciun sau de sărbători speciale, ca Mărțișorul, când ne-am dăruit și confecționat mici amulete purtătoare de noroc.
            Desigur, nu lipsește seriozitatea în munca depusă: la sfârșitul fiecărui an școlar doamna profesoară Ioana Marcu și Doamna Directoare înmânează diplome elevilor, în prezența familiilor lor.
            Bogăția culturilor este un patrimoniu cu care ne mândrim. Urarea mea este ca din ce în ce mai multe școli în Italia să adere la această oportunitate și ca și alte țări să ia exemplul României, astfel încât tinerii care locuiesc pe teritorii diferite ca limbă și cultură să poată trăi noua realitate împărtășind cu mândrie din propriile rădăcini.
                                          Directorul școlii,
                                           Albertina Ricciardi
Romano Di Lombardia, 17 martie 2017
Traducere în română : Marcu Ioana



LCCR, INTEGRAZIONE CULTURALE
LCCR, INTEGRARE CULTURALĂ

Prof.ssa MARIA ROSARIA VAIANO

Istituto Comprensivo “Loredana Campanari” Monteretondo

            Il nostro Istituto si contraddistingue per il suo carattere multiculturale da ormai molti anni. Tante le nazionalità rappresentate dai nostri alunni e dalle nostre alunne, tra queste quella romena è sempre stata la più numerosa: da una ricognizione fatta dal dipartimento che coordinavo come Funzione Strumentale nell’anno scolastico 2006/07 gli iscritti di nazionalità romena risultavano essere il 12% sul totale, con una media di 3/4 alunni per classe. Il trend ovviamente era destinato a crescere: a settembre di ogni anno scolastico c’erano infatti nuove iscrizioni di bambini romeni che si ricongiungevano ai genitori residenti in Italia già da diversi anni. L’Istituto ha sempre creduto che un impegno significativo di risorse umane e finanziarie per promuovere una piena integrazione, fosse la strada giusta da percorrere per garantire a tutti gli iscritti unpercorso di apprendimento proficuo e sereno. In vista di questa finalità fu elaborato un protocollo di accoglienza che prevedeva dei colloqui con le famiglie e dei corsi intensivi prima dell’avvio di ogni anno scolastico, questi interventi avevano lo scopo di conoscere la situazione familiare e preparare i bambini appena arrivati fornendo loro i primi rudimenti della lingua italiana ma soprattutto per rassicurarli e dare loro una visione accogliente e positiva del nuovo contesto-classe nel quale sarebbero stati inseriti. Occupandomi da tempo di integrazione di alunni con cittadinanza non italiana, sapevo che molti paesi europei quali Svezia, Finlandia, Estonia, Cipro e Lettonia offrivano l’insegnamento bilingue con corsi in lingua materna e nella lingua del paese di accoglienza per garantire un pieno diritto all’istruzione. C’era un altro aspetto, oltre il diritto allo studio, che nonostante tutti i possibili interventi rimaneva come un vuoto difficile da colmare e che spesso rendeva più difficile il processo di integrazione e che in casi estremi poteva ostacolare la piena realizzazione del diritto allo studio. Il vuoto era il distacco dal proprio mondo, dalla propria lingua, da tutte quelle abitudini e quegli aspetti della propria realtà che sono condivisi con altri che si muovono in uno stesso spazio familiare, con i quali comunicare nella stessa lingua, con i quali condividere le stesse abitudini e festeggiare insieme le proprie ricorrenze. Infine, i dati di numerose ricerche effettuate in ambienti accademici, evidenziavano che i processi di integrazione erano più costruttivi ed efficaci quando la lingua e la cultura di origine vengono mantenute e condivise nel paese di emigrazione.
            Quando dunque nel 2007 arrivò la circolare dell’Ufficio Scolastico che proponeva l’istituzione di corsi di lingua, cultura e civiltà romena, la possibilità fu da me accolta con grande interesse e proposta al Dirigente Scolastico Prof. Giuseppe Paradiso, con la consapevolezza che sarebbe stata una opportunità per migliorare il percorso scolastico degli alunni di nazionalità romena e arricchire l’offerta formativa per tutti gli altri ragazzi. Le adesioni al primo corso furono numerose, ricevemmo anche richieste da alunni di altri istituti e, per far fronte a tutte le richieste, furono organizzati due corsi per fasce di età.
            I corsi partirono con grande entusiasmo da parte di alunni e soprattutto dei genitori che ritrovavano in questo un modo un po’ di quel mondo e di quella parte di sé che avevano lasciato in Romania. La conclusione dei corsi fu celebrata con un’importante manifestazione alla quale parteciparono l’amministrazione comunale di Monterotondo da sempre sensibile a tutte le iniziative finalizzate all’integrazione, la comunità romena di Monterotondo,la comunità ortodossa, i dirigenti scolastici delle varie scuole e tutte le cooperative sociali operanti nell’ambito del Comune. L’istituzione del corso aveva favorito una maggiore comunicazione e interazione tra tutte le realtà presenti nel territorio sui temi dell’integrazione fornendo ulteriori stimoli a proseguire.
            Anno dopo anno i corsi si sono succeduti sempre con numerose adesioni fino a diventare parte integrante della proposta formativa del nostro Istituto.
            Il bilancio di questi dieci anni di intenso e significativo impegno di risorse non può che essere positivo, a beneficiarne non sono stati solo gli alunni di nazionalità romena e le loro famiglie, ne ha beneficiato tutto il territorio in tutte le sue declinazioni.
            La possibilità di mantenere i contatti con il paese di origine all’interno della scuola frequentata, ha fatto sì che questa venisse percepita come luogo proprio e, questa percezione positiva, ha contribuito a migliorare le perfomances: gli alunni romeni frequentano il nostro Istituto con impegno e con ottimi risultati e sono ben inseriti nei vari gruppi-classe, le relazioni scuola-famiglia sono contraddistinte dal grande rispetto e dalla fiducia che i genitori hanno per le istituzioni scolastiche, condizione questa indispensabile per un proficuo percorso di apprendimento.
            Infine, l’istituzione dei corsi di lingua e cultura romeni, ha contribuito in modo indiretto a rinsaldare le relazioni tra la comunità romena e il resto della popolazione di Monterotondo: quella romena resta la comunità più numerosa e quella che ha saputo inserirsi nel tessuto sociale in maniera più attiva e partecipativa.

Prof.ssa Maria Rosaria Vaiano





DOR DE ACASĂ

NOSTALGIA DI CASA

Docente, Prof.ssa LCCR GHIURCA MANUELA



Şi ninge cu flori de salcâm,
și vântul în suflet îmi bate...
deschid al visării tărâm,
iar gândul îmi zboară departe:
doresc să-mi cânte-n surdină
o mierlă şezând pe-o cracă
și fluturi în şiruri să vină
și o horă în juru-mi să facă;
hoinară să zburd prin grădină,
să mângâi petale de flori,
să văd cum natura îmbină,
palete întregi de culori;
bunica ȋn tindă să toarcă
spunând rugăciuni ne-nțelese,
o mâță un ghem să desfacă
dorind parcă să-l țese;
să simt al dulceții parfum,
iar mama mă cheme la masă
s-aud țipete vesele-n drum...

dor...şi mi-e dor de acasă.


                 de Manuela Ghiurca

E nevicano fiori di acacia,
e batte il vento nella mia anima…
apro il regno del sogno,
e il mio pensiero vola lontano:
desidero che mi canti dolcemente
un merlo posato su un ramo
e che le farfalle volino in file
e tutto intorno a me danzino;
che io vaghi leggiadra nel giardino,
e che accarezzi petali di fiori,
che possa mirar come armonizza la natura,
gamme intere di colori;
che veda la nonna filar la lana in veranda
recitando incomprensibili preghiere,
mentre un gatto le disfa un gomitolo
quasi a volerlo tessere;
che io senta il profumo di marmellata,
e che mia madre mi chiami a tavola
che io senta il vociare felice per la strada…

nostalgia…e ho nostalgia di casa.

(traduzione letterale dalla lingua romena)



di Manuela Ghiurca

            
         Mulțumim tuturor celor care au crezut ȋn noi și ȋn programul nostru. Totul confirmă consolidarea practicilor incluzive ale activităților LCCR care promovează deplina integrare, incluziunea și coeziunea socială. Aprecieri și gânduri bune adresăm, de asemenea, persoanelor care au contribuit la buna desfășurare a activităților LCCR din școlie italiene și la realizarea acestei broșuri.
Mulțumim, ȋn mod deosebit, Institutului Limbii Romȃne și tuturor instituțiilor și persoanelor care au acordat patronajul pentru acest eveniment.

            Ringraziamo tutti coloro che hanno creduto in noi e nel nostro programma. Tutto ciò conferma il consolidamento delle pratiche inclusive delle attività LCCR le quale promuovono la piena integrazione, l’inclusione e la coesione sociale. Inoltre, i nostri apprezzamenti e i buoni pensieri gli rivolgiamo alle persone che hanno contribuito allo svolgimento in ottime condizioni delle attività LCCR nelle scuole d’Italia e alla realizzazione di questa brochure.
            Un ringraziamento speciale all’Istituto della Lingua Romena e a tutte le istituzioni e persone che hanno accordato il patrocinio di questo evento.

Angela Nicoara, Claudia Rojog, Manuela Ghiurca

 




 

LCCR 2007 – 2017
10 ani de predare a limbii, culturii si civilizației romȃnești
in scolile din state membre ale Uniunii Europene
10 anni di insegnamento della lingua, cultura e civiltà romena
nelle scuole dei paesi membri dell’Unione Europea
 
           Joi, 30 martie 2017, ȋntr-un loc plin de istorie, la Academia Romȃniei din Roma, peste 100 de elevi, 30 de directori si cadre didactice si tot atȃtia parinti si alti invitati au sarbatorit zece ani de predare a limbii, culturii și civilizației romȃnești ȋn școlile din țările membre ale Uniunii Europene.
“Astăzi și nu doar astăzi ne simțim prieteni legați de spiritul primitor al romȃnului, caracterizat de simplitate și dăruire de sine. Sărbătorim rezultatele și fericirea unui drum parcurs  ȋmpreună care a avut drept scop: bazele unui viitor frumos”, a declarat in deschiderea programului Angela Nicoara, ideatoarea evenimentului.
            Giovedì, 30 marzo 2017, in un luogo pieno di storia, nell’ Accademia di Romania in Roma, più di 100 allievi, 30 Dirigenti Scolastici e docenti, lo stesso numero di genitori e altri invitati hanno festeggiato dieci anni de insegnamento di lingua, cultura e civiltà romena nelle scuole dei paesi appartenenti all’ Unione Europea. “Oggi e non solo oggi ci sentiamo amici legati dallo spirito accogliente del popolo romeno caratterizzato dalla semplicità e donazione di sé. Festeggiamo i risultati e la  felicità di un percorso fatto insieme che ha avuto come scopo: le basi di un futuro bello”, ha dichiarato in apertura del programma Angela Nicoara, ideatrice dell’evento.
            Reamintim anul 2007, cȃnd o curajoasă iniţiativă cerea predarea limbii române în afara graniţelor ţării. A fost greu sau uşor? A fost oportun sau nu? Rezultatele se văd, se confirmă cu siguranţă,  astăzi. Putem spune că 2007 a fost  un an istoric pentru învăţământul românesc. Şi asta pentru că de atunci  limba română a devenit o limbă de şcolarizare şi disciplină de studiu în afara graniţelor ţării.
            Ricordiamo l’anno 2007 quando una coraggiosa iniziativa chiedeva l’insegnamento della lingua, cultura e civiltà romena fuori delle frontiere nazionali. E’ stato difficile oppure facile? E’ stato opportuno oppure no? I risultati si vedono e si confermano sicuramente oggi. Possiamo dire che l’anno 2007 è stato un anno storico per l’insegnamento romeno. E questo perche da allora la lingua romena è diventata una lingua di scolarizzazione e disciplina di studio fuori dalla Romania.
         
            Totul a început ca un proiect ministerial ce urmărea menţinerea bilingvismului în rândul populaţiei migrante ca si element de bogăţie culturală. Cu trecerea anilor, proiectul  a fost adaptat la exigenţele copiilor din şcoli.
            Tutto è cominciato come un progetto ministeriale che si proponeva il mantenimento del bilinguismo nelle popolazioni migranti e come elemento di arricchimento culturale. Con il passare del tempo, il progetto è stato adattato alle esigenze degli alunni nelle scuole.

             În prezent  se adresează tuturor copiilor, de la grădiniţă la liceu,  mai ales că mulţi dintre ei sunt născuţi în Italia cu cel puţin un părinte român.
            In presente si rivolge a tutti i bambini, dall’infanzia al liceo, soprattutto per il fatto che tanti di coloro sono nati qui, in Italia con almeno un genitore romeno.

            Ȋn 2007 cursul a fost găzduit de școli din Lazio, Piemont și Veneto cu o participare nu mai mult de 200 de elevi iar ȋn prezent se adresează la aproape 5000 de elevi de pe tot cuprinsul Italiei si la peste 13.500 copii din scolile europene.
            Nel 2007 il corso è stato ospitato nelle scuole di Lazio, Piemonte e Veneto con una partecipazione che non superava 200 alunni e oggi si rivolge a quasi 5000 allievi su tutto il territorio italiano e a più di 13.500 alunni delle scuole europee.          
            “Salut toți elevii care participă la cursurile LCCR și cărora ţin să le mulţumesc pentru toată munca lor de zi cu zi, dar mai ales ţin să le apreciez dorinţa de a învăţa. Un salut important și mulțumiri adresez părinților lor, educatorilor, ȋnvățătorilor și profesorilor de la clasă”, a fost primul gand al Angelei Nicoara la inceputul discursului sau.
            Saluto tutti gli allievi partecipanti ai corsi LCCR,  vi ringrazio per tutto il vostro lavoro di tutti i giorni e soprattutto apprezzo il loro desiderio di studiare. Un saluto importante anche  ai loro genitori ed agli  insegnanti delle classi” è stato il primo pensiero di Angela Nicoara all’inizio del suo discorso.

            Au sărbătorit ȋmpreună  colegi din diferite zone ale Italiei unde predau cursul LCCR in școli, coordonati cu profesionalitate si iubire de Directorul Institutului Limbii Romane din Bucuresti, Doamna Profesor Corina Chertes, mentorul proiectului LCCR din 2007:
            Hanno festeggiato insieme colleghe e colleghi venuti da diverse zone d’Italia dove insegnano il corso LCCR nelle scuole, coordinati con professionalità e amore dalla Diretrice dell’Istituto della Lingua Romena di Bucarest, Prof.ssa Corina Chertes, il mentore del progetto LCCR dal 2007:
din Lazio: Manuela Ghiurca, Claudia Rojog, Ilie Ursachi, Mirela Mocanu, Toma Nina, Liana Delia Vasile, Simona Vasile, Emilia Grama, Ileana Ludusan, Pop Ileana Lucia, Birdea Catalina, Magdalena Mardari
din Sardinia: Ionescu Florina, Rodica Agape, 
Umbria: Gabriela Lungu, Carmen Balan, Gina Dumitriu, Raducioiu Doina
Toscana: Mihaela Jinaru
Emilia Romagna si  Lombardia: Elena Daniela Lupu, Ioana Marcu, Ioana Bucsai
Veneto: Colța Cristina, Viviane Gherghel, Opris ioana
Marche: Silvia Paun
Sicilia: Alice Elena Chilcos.
           
             Au ales sa participe la programul anniversar din 30 martie 2017  Directori si collaboratori din multe scoli italiene:
            Hanno scelto di partecipare al programma anniversario Dirigenti Scolastici e collaboratori di tante scuole italiane:
ACCARDO NICOLÒ, Dirigente Scolastico 240°C D Ladispoli 1
AGRESTI RICCARDO, organizzatore, Dirigente Scolastico degli Istituti Comprensivi di Ladispoli
ALISI ANNA, Professoressa collaboratrice a I C “Tiberio Gulloni”, Collona
ALUNNI PISTORLI ANTONELLA, Profssa, vicaria/ Director adjunct DD “San Giovanni”, Terni
APA ROSA, Dirigente scolastico/Director, IC “B. Bozzi” , Monterotondo
APPOLLONI ANNA MARIA, Profssa collaboratrice/Director adjunct, IC “Olga Rovere”, Rignano Flaminio
BECECCHI PIETRO, DS/Director, IC Crema 2, articolo nella brochure /participare indirecta in brosura
BERTOLDO FRANCESCO, Prof, IC “Olga Rovere”, Rignano Flaminio
CANETTI SONIA, Profssa Vicaria/ Director adjunct, IC “Antonio Gramsci”, Roma
CASSINA VILMA, Profssa referente intercultura/Prof responsabil proiecte intercultura
COLA DANIELA, Prof. collaboratrice I C Nuovo Ponte di Nona, Roma
DANIELLI IRENE, Profssa collaboratrice
DE  ROSSI FIORELLA, DS/Director, I C Pacifici e Basiano, Sezze
DI BLASIO ANNA MARIA, Docente/Prof. colaborator IC “C. Melone”, Ladispoli
DI MARCO IRENE Dirigente Scolastico/Director, IC Marcelina
GIAVERI PATRIZIA, Dirigente Scolastico/Director, IC Fermi, partecipare indirecta, partecipazione con la relazione nella brochure
GIULIODORI CINZIA, Docente/Prof. colaborator I C “C. Melone”, Ladispoli
GIUSFREDI GIORGIO, Dirigente Scolastico/Director, IC “Zona Leda”, Aprilia
IACOMELLI NICOLETTA, Docente, referente intercultura/Prof. colaborator I C “Ladispoli1” LOREFICE DELIZIA, Docente collaboratrice/Prof. colaborator I C Sezze
MARCHETTI FIORELLA, Vicaria/Dir adjunct, IC “Cesare Chiominto”, Cori
MARCHIZZA MARISA, Dirigente scolastico/Director,  IC “Olga Rovere”, Rignano Flaminio, partecipazione indiretta con la relazione nella brochure
MARCIANO ANNUNZIATA DS/Director, IC Trionfale, Roma
MONACO DANIELA, DS/Director IC Nuono Ponte di Nona, Roma, partecipazione indiretta nella brochure
MONCADO ROBERTA, DS/Director IC “Loredana Campanari”, Monterotondo
MONDELLI ROBERTO DS/Director, IC Civitavecchia 2, partecipazione indiretta con la relazione nella brochure
PEZZELLA FABRIZIO, Prof. collaboratore/Prof colaborator
POCHESCI PATRIZIA, DS/Director IC “Cesare Chiominto”, Cori
REMIGI MARCO, DS/Director, IC Gorlago, Lombardia, partecipazione con la relazione nella brochure
RICCIARDI ALBERTINA, DS/Director IC “G B Rubini”, partecipazione indiretta nella brochure
SCANDURRA MANUELA, DS/Director, IC “Tiberio Gulluni", Collona
SCARPULLA PIETRO, Prof. Collaboratore/Prof. Colaborator,  IIS Via di Saponara 150
SCAVO MARILENA, DS/Director, IC “eSpasia”, Monterotondo
SCIARMA  PATRIZIA, DS/Director IC “Via di Saponara” nr 150, rappresentata da collaboratori
TROMBETTA GIANFRANCO, DS/Director IC Subiaco
VAIANO MARIA ROSARIA, Profssa. Collaboratrice/Prof. colaborator, IC “L. Campanari”, Monterotondo
VENO ROSALIA, DS/Director IC “Antonio Gramsci”, Roma, rappresentata da collaboratori.

            Ambasada si Consulatul Romȃniei in Italia au fost reprezentate de Primul Secretar, Doamna Natalia Lazureanu care a transmis felicitarile si urarile de succes mai departe din partea Domnului Ambasador George Bologan.
            Ambasciata e Consolato della Romania in Italia sono state rappresentati dal Primo Segretario  Natalia Lazureanu la quale ha portato le felicitazioni e gli auguri dell’Ambasciatore George Bologan.

            Gazda primitoare si sustinatoare a promovarii limbii si culturii romanesti, Accademia di Romania in Roma, a fost reprezentata de Doamnul Iulian Damian, responsabilul activitatilor din institutie.
            Ospite accogliente e sostenitore della promozione della lingua e della cultura romena, Accademia di Romania in Roma è stata rappresentata dal dottor Iulian Damian, responsabile delle attività culturali.

            Din Romania a onorat invitatia la acest program aniversar Presedinta Asociatiei Italienilor din Romania, Doamna Ioana Grosaru si Directorul Liceului “Dante Alighieri” din Bucuresti, Doamna profesor Maria Dan.
            Dalla Romania ha onorato l’invito a questo programma anniversario il Presidente dell’Associazione degli Italiani in Romania, ROASIT, la Dottoressa Ioana Grosaru e la Dirigente scolastico del Liceo “Dante Alighieri” di Bucarest, Professoressa Maria Dan.
            Gandul lor a fost ca pe viitor sa se uneasca drumurile celor doaua comunitati: romanii di Italia si italienii din Romȃnia pentru a atinge obiectivele comune de conservare a culturii noastre.
            Il loro pensiero è stato quello per il futuro che accomuni le due comunità: i romeni in Italia e gli italiani in Romania per raggiungere gli stessi obiettivi di promuovere le nostre culture.
Programul a inclus o serie de activităţi:
Il programma ha incluso una serie di attività:
09.30 – 10.15- Ricevimento
10.15 – 11.00 – Apertura dell’incontro - presentazione degli ospiti e proiezione PPT, varie attività LCCR in Italia dal 2007 ad oggi
11.00 – 13.00 – Programma “Il concerto della primavera” a cura degli allievi LCCR di diverse scuole e proseguimento per i bambini nei laboratori aperti in Sala delle esposizioni
12.00 – 13.00 – Tavola rotonda “L’Importanza del progetto LCCR e il lungo cammino dell’integrazione: passione, emozioni e didattica”, rievocare momenti del passato, ricordi e proposte per il futuro scolastico dei nostri allievi
13.00 – 13.30 – Presentazione dell’Accademia di Romania, visita alla Biblioteca e della mostra “Le feste della primavera"
13.30 – 14.00 – Buffet

09.30 – 10.15 – Primirea invitaţilor
10.15 – 11.00 – Deschiderea activității – prezentarea invitaților și proiecția materialului PPT care cuprinde activităţi LCCR în Italia din 2007 până în prezent
11.00 – 13.00 – Program artistic ,,Concertul primăverii” susţinut de elevii LCCR din diferite şcoli și participarea acestora la atelierele de dezvoltare artistică şi creativă in Sala de expozitii
12.00 – 13.00 – Masǎ rotundǎ cu directorii şcolilor care găzduiesc proiectul LCCR cu tema: ,,Importanţa proiectului LCCR şi drumul lung al integrării: pasiune, emoţii şi didactică”
13.00 – 13.30 – Prezentarea instituției Accademia di Romania, vizitarea Bibliotecii si a expoziției ,,Sărbătorile primăverii”
13.30 – 14.00 – Bufet

La programul artistica au participat elevi din Lazio si Umbria care cu talent si emotie au adus in fata invitatilor versuri, cantece si traditii de primavara din Romania.
Al programma artistico hanno partecipato allievi LCCR dal Lazio e dall’Umbria i quali con talento e emozioni hanno presentato davanti a tutti gli invitati versi, canzoni e tradizioni di primavera della Romania.
           
           Dupa programul artistic elevii au sarbatorit prin participarea la atelierele de dezvoltare artistica si creativa organizate in Sala de expozitii a Academiei si in acelasi timp au fost ghidati, in grupuri de 15 elevi, sa viziteze biblioteca.
            Dopo il programma artistico gli allievi hanno festeggiato partecipando ai laboratori creativi organizzati nella Sala delle esposizioni e contemporaneamente sono stati guidati, in gruppi di 15 allievi, a visitare la Biblioteca.

Tema propusa la Masa Rotunda: ,,Importanţa proiectului LCCR şi drumul lung al integrării: pasiune, emoţii şi didactică” a fost pe deplin dezbatuta si sustinuta de Directorii prezenti dar si de cei care au tinut sa participe in mod indirect transmițȃnd aprecierile lor spre a fi publicate in broșura aniversara.
Il tema della Tavola Rotonda: “L’Importanza del progetto LCCR e il lungo cammino dell’integrazione: passione, emozioni e didattica” è stato pienamente dibattuto e sostenuto dagli Dirigenti scolastici presenti e anche in modo indiretto da coloro che hanno mandato la loro relazione di apprezzamento per essere pubblicata nella brochure anniversario.
Directorii si colaboratorii au laudat curajoasa iniziativa a Ministerului romȃnesc, continuitatea si adaptarea ei la necesitatile din scoli si au propus introducerea cursului LCCR ca activitate optionala alternativa in Planul de Oferta Formativa a Scolilor in care prezenta romȃneasca este relevanta si nu numai.
I Dirigenti e i collaboratori hanno lodato la coraggiosa iniziativa del ministero romeno, la sua prosecuzione e adattamento alle necessità nelle scuole e hanno proposto che sia introdotto il corso LCCR come attività opzionale alternativa nel POF di ogni Istituto dove la presenza di alunni romeni e rilevante e non solo.
             
         “Mulțumim tuturor celor care au crezut ȋn noi și ȋn programul nostru. Totul confirmă consolidarea practicilor incluzive ale activităților LCCR care promovează deplina integrare, incluziunea și coeziunea socială. Aprecieri și gânduri bune adresăm, de asemenea, persoanelor care au contribuit la buna desfășurare a activităților LCCR din școlie italiene și la realizarea  acestei broșuri.
            Mulțumim, ȋn mod deosebit, Institutului Limbii Romȃne și tuturor instituțiilor si persoanelor care au acordat patronajul pentru acest eveniment”, a incheiat Angela Nicoara in numele tuturor organizatorilor.
         Ringraziamo tutti coloro  che hanno creduto in noi e nel nostro programma. Tutto ciò conferma il consolidamento delle pratiche inclusive delle attività LCCR le quali promuovono la piena integrazione, l’inclusione e la coesione sociale. Inoltre, i nostri apprezzamenti e i buoni pensieri li rivolgiamo alle persone che hanno contribuito allo svolgimento in ottime condizioni delle attività LCCR nelle scuole d’Italia ed alla realizzazione della brochure dell’evento.
            Un ringraziamento speciale all’Istituto della Lingua Romena ed a tutte le istituzioni e persone che hanno accordato il patrocinio di questo evento”, ha concluso Angela Nicoara a  nome di tutti gli organizzatori.


Riccordo/AMINTESC:
            Respectȃnd directivele europene, Ministrul Cristian Adomniței a semnat ȋn 25 augut 2007 Declarația de Intenție prin care s-a pus ȋn lucru acordul bilateral cu Ministrul Giuseppe Fioroni, ȋn funcție de care cursurile LCCR s-au aplicat din acel an în Italia și Spania. De atunci sub ȋndrumarea atentă și profesională a Doamnei Profesor Corina Chertes, Director al Institutului Limbii Romȃne din București, este promovată limba, cultura și civilizația romȃnească ȋn școli din țările membre ale Uniunii Europene. După modelul aplicat în Italia şi Spania, cursul s-a extins şi in Portugalia, Țările de Jos, Irlanda.
             Nel rispetto delle direttive europee, il ministro Cristian Adomnitei ha firmato nel 25 agosto 2007 La Dichiarazione d’Intenti in accordo bilaterale con il ministro della Pubblica Istruzione italiano Giuseppe Fioroni dalla quale viene implementato dal settembre 2007 il corso LCCR. Lo stesso accordo prende via anche in Spagna. Con la guida professionale e tenace della Direttrice dell’Istituto della Lingua Romena di Bucarest, Prof.ssa Corina Chertes il corso si e esteso in Portogallo, Paesi Bassi, Irlanda.

            Nu putem vorbi despre cursul LCCR fără să amintim  anul 2007 ca un an istoric pentru învăţămantul românesc cȃnd  limba română a devenit o limbă de şcolarizare şi disciplină de studiu în afara graniţelor ţării. Proiectul de început urmărea menţinerea bilingvismului în rândul populaţiei migrante şi ca element de bogăţie culturală, dar cu trecerea anilor cursul s-a adaptat la exigenţele copiilor din  şcoli. În prezent proiectul se adresează tuturor copiilor, de la grădiniţă la liceu, mai ales că mulţi dintre ei sunt născuţi în Italia cu cel puţin un părinte român.
      Non possiamo parlare del corso LCCR senza ricordare il 2007 come un anno storico per l’insegnamento della lingua romena: è stato allora infatti che questa lingua è divenuta parte integrante di un percorso di scolarizzazione ed una disciplina di studio anche al di fuori della Romania. Iniziato come un progetto che mira al mantenimento del bilinguismo nelle popolazioni migranti e un elemento di arricchimento culturale, con il passare del tempo questo progetto è stato adattato alle esigenze riscontrate nelle scuole. Adesso si rivolge a tutti i bambini, dall’infanzia al liceo, soprattutto perché molti di loro sono nati in Italia da almeno un genitore romeno.
Angela Nicoara
               patrocinio - patronaj
Prezentatorii programului artistic, elevii LCCR de la scoala "Corrado Melone", Ladispoli
                        
Aula de Conferinte a Academiei


Accademia di Romania in Roma, Aula delle coferenze

Discursul Doamnei Ioana Grosaru, Presedintele Asociatiei Italienilor in Romania, ROASIT
Deschiderea evenimentului, Angela Nicoara
Eugenia Caraiman, Corina Chertes, Angela Nicoara, Manuela Ghiurca aplauda programul artistic
primo piano: Angela Nicoara, Riccardo Agresti, Nicoletta Iacomelli seguono il programma artistico degli alunni LCCR

Riccardo Agresti, Angela Nicoara, Nicolò Accardo nell'apertura delle attività

alunne LCCR lavorando nei laboratori "Le feste della primavera"

Discursul Doamnei Prof. Corina Chertes, Directorul ILR, Bucuresti

Alunni LCCR, classe 5°A, I C "C. Melone", Ladispoli
  moment artistic, eleve LCCR Umbria

  elevi LCCR  din Lazio

    Ioana Grosaru, Angela Nicoara


Discursul Doamnei Natalia Lazureanu, Primul Secretar din Ambasada Romaniei in Italia

Alunni LCCR nei laboratori di creazione "Le feste della primavera"

Direttore Nicolò Accardo e profssa. Angela Nicoara ricordando il 2007 e le attività precedenti

Le Brochure - Brosuri






 
Corina Chertes, Angela Nicoara, Nicoletta Iacomelli nella consegna dei Diplomi da parte del Ministero romeno


Expozitia de desene "Sarbatorile primaverii"- L'esposizione dei disegni "Le feste della primavera"
  
 


  Lo Staff - Staful de organizare


  Gabriela Chelaru, Gabriele Ilinca, IC "C. Melone", Ladispoli

Lo Staff e le alunne LCCR in costumi tradizionali di diverse zone della Romania - Staful si un grup de eleve LCCR in costume populare din Romania


LCCR 2007 – 2017                                     10 anni di corso nelle scuole dell’Europa

Programma artistico a cura degli allievi LCCR
Il Concerto della Primavera
giovedì, 30 marzo 2017                                     Accademia di Romania in Roma

Buongiorno a tutti!                                                       Buna ziua tuturor!

     Noi, bambini della 4°B dell’Istituto “Corrado Melone” di Ladispoli abbiamo lavorato per tre anni al corso di lingua, cultura e civiltà romena con la maestra Angela Nicoara.
 Ci siamo divertiti e abbiamo fatto tante cose interessanti.
          Noi copiii din clasa a IV-a B de la Şcoala “Corrado Melone” din Ladispoli am lucrat din clasa ȋntȃi la cursul de limbă, cultură și civilizație romȃneasca cu doamna Angela Nicoară. Ne-am distrat si am facut multe lucruri interesante.

     Abbiamo scoperto tante bellissime usanze della cultura romena e italiane a e le abbiamo confrontate .
          Am descoperit multe si frumoase, obiceiuri din cultura romȃna si italiana si le-am confruntat.

    Le poesie studiate in italiano, proposte dalla nostra maestra Cinzia Giuliodori, le abbiamo tradotte nella lingua romena per vedere le differenze e le somiglianze, ma vi assicuriamo che sono più le somiglianze!
         Poeziile ȋnvățate in italiana, alese de ȋnvățatoarea noastra Cinzia Giuliodori,  le-am tradus in limba romȃna ca sa vedem diferențele si asemănările, si vă asigurăm ca sunt mai multe asemănări .

    Abbiamo letto tante favole romene e conosciuto gli scrittori più importanti: Mihai Eminescu e Ion Creanga.
         Am citit multe povești din Romȃnia si am cunoscut cei mai importanți scriitori: Mihai Eminescu si Ion Creanga.

    Siamo orgogliosi perche la nostra classe è stata scelta dalla televisione romena per raccontare a tutti come la nostra scuola sia un modello di interculturalità e integrazione.
          Ne mȃndrim  pentru ca noi am fost aleși de televiziunea romȃna sa demonstrăm tuturor cum școala noastră este un model de interculturalitate si integrare.

    Imparare le culture diverse è una grande opportunità che ci da la Romania e noi ringraziamo.
    Să cunoști diferite culturi este o mare oportunitate care ne-o dă Romȃnia si ȋi multumim.

    i presentatori del programma artistico


Programma artistico a cura degli allievi LCCR
Il Concerto della Primavera
giovedì, 30 marzo 2017                                    Accademia di Romania in Roma

Buongiorno a tutti!                                                       Buna ziua tuturor!
       
  Siamo gli allievi della classe 5°A dell’Istituto Comprensivo “Corrado Melone”, Ladispoli
         Suntem elevi din Clasa a V-a A de la Istituto Comprensivo “Corrado Melone” din Ladispoli

         Ci sentiamo Parte della cittadinanza di Ladispoli anche se parte di noi nati in questi luoghi e altri no.
         Ne simtim parte din cetatenii din Ladispoli chiar dacă nu toți dintre noi sunt născuți aici.

         La nostra è una buona integrazione, il cui merito è dovuto all’ospitalità che ci è stata offerta e per questo vogliamo esprimere la più viva gratitudine.
         Integrarea noastră este bine realizată și meritul este datorat ospitalității oferite și pentru care vrem să esprimăm cele mai frumoase mulțumiri.

         L’iniziativa di offrirci l’apprendimento della lingua romena ci consente di mantenere buoni rapporti con entrambe le etnie . Ambedue le terre ci sono care ed un affetto non esclude l’altro.
         Inițiativa de a ne oferi ȋnvățarea limbii romȃne ne permite să menținem raporturi bune cu amandouă etniile. Amȃndouă țările ne sunt dragi și un afect nu exclude altul.

         L’opportunità che ci viene data è frutto di una particolare sensibilità per i nostri problemi e per questo ringraziamo sentitamente le autorità civili e scolastiche.          Un particolare ringraziamento va a tutti i dirigenti scolastici che mettendo a disposizione locali e mezzi, avete reso il progetto lingua, Cultura e Civiltà Romena realizzabile e concreto.
         Oportunitatea care ne este dată este fructul (rezultatul) unei sensibilități particulare pentru problemele noastre și pentru aceasta mulțumim autorităților civile și școlare. Mulțumiri speciale le transmitem tuturor directorilor care pun la dispoziție școli și mijloace ca să poată deveni proiectul limbă, cultură și civilizație romȃnească realizabil și concret.

                La scuola non solo accoglie tutti noi ma ha le porte sempre aperte all’integrazione con i progetti come questo progetto europeo di insegnamento della cultura romena, un itinerario di inclusione che supera le diversità e trova l’unità di cui il mondo ha bisogno.
                Şcoala nu numai că ne primește pe toți dar are mereu porțile deschise spre integrare cu proiecte ca acesta de ȋnvățare a limbii, culturii, civilizației romȃnești, un itinerar de incluziune care depășește diversitatea și găsește unitatea de care lumea de azi are nevoie.

         Speriamo che non venga meno la possibilità di proseguire questo programma per il quale ancora una volta diciamo grazie di cuore.
         Sperăm să aibă o continuitate neȋntreruptă acest proiect pentru care ȋncă o dată spunem din suflet, mulțumim.

Sala de Conferinze in momentul deschiderii activitatilor

  public in momentul prezentarii invitatilor








http://www.ilr.ro/importanta-proiectului-lccr-si-drumul-lung-al-integrarii-pasiune-emotii-didactica/



Nessun commento:

Posta un commento